• Memini, volat irreparabile tempus

  • Translate

  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • 9 /10 /2011 Visita di Benedetto XVI

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti agli altri 128 follower

  • Acquista libri online

    LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
  • Acquista online

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Le “Spezierie” delle certose

Le “Spezierie” delle certose

Come abbiamo appreso in un recente articolo, sulle origini del liquore la “chartreuse”, i monaci certosini avevano fama di essere eccellenti conoscitori dell’arte galenica. Erano infatti, note a tutte le “spezierie” delle certose, veri e propri laboratori, concepiti inizialmente, per garantire assistenza terapeutica ai monaci, ma che ben presto divennero dispensari farmaceutici degli abitanti limitrofi ai monasteri, di pellegrini e poveri. Le “spezierie” conventuali, di fatto rappresenteranno, nel corso dei secoli, il più alto riferimento della scienza medica e farmacologia. In ogni certosa la “spezieria”, occupava uno spazio considerevole, fatto di diversi ambienti per le varie fasi di trasformazione delle erbe officinali. Queste ultime provenienti dall’attiguo Hortus Simplicium, o giardino dei semplici, ovvero il luogo ove essi coltivavano erbe e piante medicinali allo stato grezzo. «Semplici» erano i principi curativi, ottenuti direttamente dalla natura, mentre «Compositi» erano i farmaci ottenuti miscelando e trattando sostanze diverse. Il monaco speziale ed i suoi assistenti erbolai, dopo una accurata selezione e classificazione delle erbe, provvedevano ad effettuare su di esse vari trattamenti. Principalmente i processi derivanti dalla farmacopea classica, che prevedevano, la pulitura, la macerazione, la spremitura, l’essiccazione e la decozione. A queste, talvolta, facevano seguito delicate e complesse tecniche estrattive, derivanti dalla medicina araba, come la distillazione e la porfirizzazione. Grazie all’alchimia ed alla chimica, gli speziali lavoravano e studiavano alacremente tra alambicchi e mortai, bilance e fornelli per ottenere tinture, distillati, decotti, unguenti, tisane, cataplasmi sciroppi ed elisir. Una volta ottenuti i prodotti finiti il problema era assicurare ai medicamenti ottenuti un ottima conservazione. Fu all’uopo concepito, un “Armarium  Pigmentariorum”, ovvero un armadio dove erano gelosamente custoditi sottochiave, i principi medicinali, compresi i veleni. Ogni singolo preparato veniva collocato al suo interno in appositi contenitori, vasi, ampolle ed i più specifici albarelli, artisticamente decorati. Grazie a questa laboriosità, i certosini, ma più in generale tutti i monaci che si dedicarono a questa attività, sono da considerarsi gli antesignani della Farmacopea moderna. Adesso voglio offrirvi una serie di immagini, provenienti da alcune delle più belle spezierie certosine, rimaste in un buono stato di conservazione, che ci testimoniano a distanza di secoli il fascino che quegli ambienti ancora riescono ad emanare.

Spezieria della certosa di Calci

Armarium Pigmentariorum

Spezieria della certosa del Galluzzo, Firenze

Spezieria della certosa di Valdemossa, Maiorca

Speziale

Giardino dei Semplici, certosa di Trisulti

Spezieria certosa di Trisulti

Albarello raffigurante San Bruno

Affresco nella Spezieria della certosa di San Martino, Napoli

“San Bruno intercede presso la vergine per l’umanità sofferente”

Paolo De Matteis 1702

 

About these ads

2 Risposte

  1. Carissimi,
    occasione ghiotta per ricordare, oggi, il certosino don Antonio (Le Cocq oppure Le Coq), nato nel 1390 ad Avigliana, ai piedi del monte Pirchiriano, che regge la Sacra di san Michele (985), rimasto celebre nella storia legata alla Certosa di Pesio, nonostante che la sua lunga vita certosina (48 anni) sia iniziata alla Grande Chartreuse.
    In particolare, si ricorda la leggenda della “Croce del Frate” e, soprattutto, il suo libro delle Profezie, presentato (in originale! perché non c’era tempo di farne una copia, tanto che andò perso nella battaglia di Fornovo…) anche a Carlo VIII, di passaggio in Italia, perché vi potesse contemplare i suoi destini.
    Don Antonio morì nel 1458, proprio il 22 marzo, come oggi.
    Il beato e dotto certosino ci assista con la forza dello Spirito nella nostra vita quotidiana!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 128 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: