• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    dicembre: 2009
    L M M G V S D
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 598 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


“Certosino”, il dolce di Natale

Certosino o Panspeziale

Il dolce di Natale


Questo è il dolce tipico natalizio di Bologna, torta compatta di lunga conservazione a base di frutta secca e candita, da mangiare a fette sottili. Probabilmente il suo nome deriva da quegli speziali che nel medioevo lo idearono e lo prepararono con ingredienti per così dire esotici, come cannella e frutta secca. A confermare l’ipotesi, il fatto che furono i frati speziali della Certosa di Bologna a diventarne i produttori per antonomasia, facendo guadagnare al dolce l’appellativo di “certosino”.
E’ poi documentato che dal 1740 e per molti anni, dal monastero bolognese, per Natale partiva alla volta di Roma un gigantesco Pane Certosino o speziale destinato a Prospero Lambertini, papa Benedetto XIV. Con il passare del tempo questo dolce è diventato una tradizione familiare, la cui preparazione veniva fatta con tre mesi d’anticipo sulle festività, perché questo era il suo periodo di stagionatura prescritto.

Ingredienti:

Farina, zucchero, miele, uvetta, mandorle, pinoli, cedro e arancia canditi, cioccolato amaro, lievito, chiodi di garofano, coriandoli, cannella, semi di anice, un poco di burro


Preparazione:

Tagliuzzare grossolanamente delle mandorle già pelate, fate a pezzetti della frutta candita, ammorbidite dell’uvetta di Corinto, pestate chiodi di garofano, sbriciolate finemente del cioccolato fondente.
Versate in una ciotola del miele e mescolando continuamente aggiungete acqua bollente, del bicarbonato di sodio, zucchero e semi di anice.
Lasciate cadere lentamente della farina sopra l’impasto amalgamando per alcuni minuti.
Unite pinoli, cannella, un po’ della frutta candita, i chiodi di garofano, l’uvetta ben scolata, il cioccolato, le mandorle, e lavorate bene il composto.
Ricopritelo con un panno e lasciatelo riposare per lungo tempo in luogo secco.
Versate il preparato in uno stampo unto di burro, appiattite la superficie aiutandovi con un cucchiaio di legno, e distribuitevi sopra la frutta candita rimasta.
Passate in forno caldo per quaranta minuti.
Consigliamo di consumare il Pane Certosino dopo qualche giorno, tagliato a fette sottili.