• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    dicembre: 2010
    L M M G V S D
    « Nov   Gen »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 400 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



“La Preghiera” di A. Guillerand VIII capitolo

La Preghiera

Dinanzi a Dio

di Dom Augustine Guillerand

CAPITOLO VIII

L’attenzione nella preghiera

Questi pensieri nati dall’amore ci protendono verso Colui al quale noi ci rivolgiamo: è l’attenzione. Un’anima attenta è un’anima tesa verso l’oggetto che l’attrae. Un’anima distratta è un’anima che si lascia adescare da altri oggetti.

L’attenzione dipende dall’importanza che riconosciamo all’oggetto che la sollecita, dall’attrattiva che esso esercita. Se lo reputiamo grande e bello, buono e forte, se lo riconosciamo perfetto, ricco di tutto ciò che può saziarci, l’attenzione è estrema.

L’attenzione a Dio è rara poiché rare sono le anime che lo conoscono. Il peccato ci ha distolti da Lui; noi viviamo dinanzi al creato; le immagini delle creature ci riempiono l’anima, ci trattengono e rendono l’attenzione a Dio difficile. Bisogna rigirarsi; è questo il senso della parola ” conversione “. La conversione ha molti gradi. Solo i santi sono dei veri convertiti; solo i santi vanno fino al termine ultimo del loro movimento. Questo termine è uno sguardo che non vuole fare più attenzione che a Dio… e a poco a poco, in seguito a esercizi più o meno prolungati e con l’aiuto della grazia, si fissa in Lui.

Le creature – e il demonio che ne usa – non si lasciano soppiantare senza combattimento. La vita d’orazione esige delle battaglie continue: è il grande sforzo – e il più lungo – di una esistenza che si vota a Dio. Questo sforzo ha un bel nome: si chiama la custodia del cuore. Il cuore umano è una città; dovrebbe essere una fortezza. Il peccato l’ha venduta. Da allora è una città indifesa di cui occorre rialzare le mura. Il nemico pone continuamente ostacoli. E lo fa con tutta la sua abilità e la sua forza, con astuzia e con ardore. Presenta dei pensieri così indovinati, talvolta così utili, delle immagini cosi affascinanti o così temibili, avvolge il tutto di ragioni così pressanti, che riesce in ogni momento a distrarci, a farci uscire dalla divina presenza. Bisogna continuamente rimettercisi. Queste riprese perpetue, questo infinito ricominciare, più ancora della lotta propriamente detta, ci scoraggia e ci prostra. Noi preferiremmo una violenta battaglia… violenta ma definitiva. Generalmente il buon Dio non lo vuole. Egli preferisce questo stato di guerra, queste imboscate e questi agguati, queste precauzioni e queste vigilanze. Egli è l’Amore e una lunga guerra richiede più amore e lo fa crescere di più.

D’altronde Dio è là; dirige lui stesso il combattimento. Fa fronte al nemico; sorveglia e sventa le sue manovre; se ne serve. Lo lascia avanzare per meglio colpirlo e abbatterlo. Prepara dei trionfi magnifici attraverso insuccessi passeggeri, perfino attraverso dei disastri.

La ripetizione quotidiana – e spesso più che quotidiana – degli stessi atti e delle stesse formule è un pericolo. L’abitudine diviene facilmente ” routine “. La preghiera diventa un movimento meccanico che nessun intervento dello spirito e del cuore anima più. Le labbra sole sono dinanzi a Dio, che è spirito e che ci vuole comunicare la sua vita spirituale. Mentre le labbra si muovono senza pensiero, l’immaginazione ci trascina su mille strade… ed è con ogni sorta di persone e di cose… è soprattutto con noi stessi che noi conversiamo. L’attenzione viene meno perché l’amore manca… e la preghiera che dovrebbe farci avvampare non fa che ingrandire il fossato che la negligenza scava lentamente tra Dio e noi.

Disattenzione nata dalla freddezza, freddezza generata dall’ignoranza, così noi scivoliamo – più rapidamente purtroppo di quanto si pensi – sulla china della tiepidezza, in fondo alla quale può trovarsi la morte.

Tuttavia ciò che importa è l’attenzione del volere più che quella dello spirito. Quest’ultima ci è spesso impossibile. Vi sono delle preghiere distratte che rapiscono il cuore di Dio. Quando ci facciamo violenza per metterci e mantenerci dinanzi a Dio mentre le disposizioni del corpo o dell’anima continuamente ci strappano, nostro malgrado, allo sguardo e al ricordo di questa presenza amata, quando questa impotenza tortura il nostro desiderio di Lui e noi accettiamo umilmente tale tortura, allora la distrazione diventa un mezzo d’unione eccezionalmente prezioso e forte. Poiché tutto, nei nostri rapporti con Dio, si misura sull’amore; e ogni allontanamento dell’anima nei confronti del creato per unirsi all’Increato è amore.

L’attenzione alle parole che si pronunciano, ai gesti che si compiono, è buona, e quasi sempre da consigliare. L’attenzione a Dio basta sempre, è spesso preferibile; talvolta è la sola possibile. L’essenziale è che la definizione della preghiera sia realizzata, che l’anima, distaccata da ciò che passa, si volga e tenda verso il Padre celeste, con qualunque mezzo e per qualunque strada. Dal momento in cui si stabilisce il contatto, si prega. Se il contatto è ardente, si prega in modo eccellente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: