• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    gennaio: 2011
    L M M G V S D
    « Dic   Feb »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



L’abito dei certosini

L’abito dei certosini

Oggi voglio argomentare sull’abito indossato dai monaci certosini, esso si differenzia per i Padri (sacerdoti) e per i Fratelli (laici) conversi, vedremo inoltre attraverso delle immagini queste differenze. Cominciamo col dire, che l’origine dell’abito certosino è strettamente correlato all’origine dell’Ordine, ovvero esso fu concepito  ispirandosi agli indumenti indossati dai pastori e dai montanari della zona di Chartreuse, equipaggiati per il clima rigidissimo. Una delle prime descrizioni, fu fatta da Pietro il Venerabile, che raccontando dei suoi amici certosini, ebbe a dire: « Essi sono i più poveri di tutti i monaci, la loro sola vista spaventa, indossano vestiti poverissimi e portano un ruvido cilicio, ed affliggono la loro carne con digiuni continui…». L’abito grezzo era molto modesto, era costituito sulla nuda carne da un corto cilicio, su petto e schiena, ruvidissimo in segno di penitenza ed all’epoca non era prevista alcuna biancheria intima. Al di sopra la tunica di lana grezza non tinta (perciò erano detti anche monaci bianchi) che era ricoperta da una pelliccia aderente ed inoltre lo scapolare diviso in due parti, unite da due fasce strette, ed una cintura di canapa che stringeva l’abito sotto lo scapolare. Indossavano lunghe calze di lana ed ai piedi scarponi robusti per ripararsi dal gelo. I Fratelli conversi avevano all’inizio, un abito molto simile ma non indossavano il cilicio e per meglio poter svolgere lavori manuali, infilavano dei guanti. Con il passare dei secoli, questa prima concezione di abito monastico si è via via leggermente raffinata, ma non di molto.Vi è oggi, comunque una netta differenza tra l’abito indossato dai Padri e quello dei Conversi. I primi, sono vestiti con una lunga tunica bianca, stretta in vita da una cintura di cuoio bianca, e di una lunga “cocolla”, ovvero uno scapolare con cappuccio che prevede due bande laterali che ne uniscono la parte anteriore con quella posteriore. La cocolla pare assumere così, la forma della croce di Nostro Signore, come scrisse Sutor un antico scrittore dell’Ordine. Mentre i Fratelli conversi ed i novizi, invece sulla medesima tunica bianca indossano una cocolla differente, senza bande laterali e di dimensioni più ridotte, essa è corta fino alle ginocchia e ricorda il mantello di pelliccia che usavano i pastori del massiccio di Chartreuse. Durante le funzioni conventuali, i novizi portano una cappa nera con cappuccio, abito provvisorio in attesa della professione, durante la quale verranno simbolicamente svestiti del vecchio abito, e riceveranno la cocolla lunga con bande laterali. Va in questa sede ricordato,inoltre, che i Fratelli sono di due categorie: i Fratelli conversi e i Fratelli donati. I primi svolgono lavori manuali, le cosiddette “obbedienze”, e quindi hanno minor tempo a disposizione per lo studio e l’orazione personale, ma emettono gli stessi voti dei padri. I donati, invece erano inizialmente semplici operai aggregati al monastero e tenuti ad alcune preghiere, in seguito diventarono dei monaci con l’abito e con una vita simile a quella dei conversi. Essi non pronunciano voti ma, come dice il loro nome, si “donano” all’Ordine. I donati hanno proprie regole, meno vincolanti di quelle dei conversi, ad esempio, non sono tenuti a partecipare alle preghiere notturne, ed il loro abito prevede cocolla e cappuccio di color “lionato o bigio”. A conclusione di questa breve descrizione, spero chiarificatrice, va ricordato che in occasione delle rare uscite dal monastero, essenzialmente nello spaziamento, i Padri indossano sopra all’abito una cappa nera con cappuccio nero, mentre i conversi invece indossano una cappa di color bigio. Adesso grazie alle immagini che seguiranno, ciò detto sarà più chiaro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

2 Risposte

  1. Carissimi fratelli,
    non voglio sembrare maleducato, ma questa descrizione dell’abito certosino credo che si riferisca a qualche tempo fa, in quanto durante il mio breve periodo in Certosa ho potuto vedere cose un pò diverse da queste che vi descrivo: i padri e i fratelli conversi indossano lo stesso abito costituito da una tunica bianca legata in vita tramite una cintura dello stesso materiale della tunica e, sopra di essa uno scapolare unito da due fasce laterali ( come mostra la prima foto).
    La cappa nera viene indossata dai postulanti senza cappuccio sopra gli abiti secolari, mentre dai novizi con il cappuccio sopra l’abito certosino.
    L’abito che nelle foto sopra viene indossato dai fratelli conversi è quello invece che viene utilizzato dai novizi sotto la cappa, dai padri quando lavorano in cella e durante gli spaziamenti.
    Quello è anche l’abito che viene indossato dai fratelli donati.
    L’abito color bigio non esiste più e la cappa nera per lo spaziamento non si usa.
    Spero doi aver chiarito un pò senza aver offeso nessuno; soprattutto l’autore del post che, anche se non conosco, stimo molto per il tempo e la dedizione che mette in questo servizio a tutti noi amanti dell’ordine.
    Chiedo nuovamente scusa e saluti tutti con affetto nel Signore!

    Lanuino

  2. Grazie delle opportune precisazioni, ma pur non essendo forse evidente, che le origini, e la descrizione dell’abito dei certosini era stato sviluppato nella sua trasformazione nel tempo. Le stampe riportate, sono del XIX° secolo. Oggi alcune lievi modifiche apportate, sono state evidenziate correttamente dal suo commento. Esso ha così arricchito l’esposizione precedente. Grazie per il valido contributo !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: