• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    aprile: 2011
    L M M G V S D
    « Mar   Mag »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 380 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



“La preghiera” di A. Guillerand XXIII° capitolo

La Preghiera

Dinanzi a Dio

di Dom Augustine Guillerand

CAPITOLO XXIII

Gli aiuti della preghiera

Vi sono dei mezzi esteriori che aiutano l’anima a sollevarsi al di sopra di se stessa e delle cose e a realizzare l’ascensione verso le sante montagne. L’atteggiamento fisico è uno di questi mezzi e può esercitare una grande influenza.

Tale influenza ha come causa la stretta unione che lega l’anima al corpo. Le mani giunte, le braccia protese, gli occhi levati al cielo, sono atteggiamenti noti fin dall’antichità. Mosè, durante la dura battaglia del suo popolo contro gli Amaleciti, rimane con le braccia alzate; quando gli vengono meno le forze, se le fa sostenere piuttosto che abbandonare questo gesto di supplica (Cfr. Es 17,11-12). Davanti al corpo di Lazzaro, che sta richiamando in vita, Gesù leva gli occhi al cielo. Tuttavia sta in piedi. Durante l’agonia, Gesù è in ginocchio; si prostra; si avvicina il più possibile a questa terra di cui è rivestito per sollevarla con Lui al di sopra della sua natura e farla risalire con Lui fino al Creatore.

Queste varianti indicano, nondimeno, quanto bisogna essere disponibili per assumere l’atteggiamento che la grazia suggerisce e non credersi strettamente obbligati all’uno o all’altro, giacché nulla vi è di determinato a questo riguardo.

Altri aiuti sono interiori e spirituali: sono di due specie e sgorgano da due sorgenti differenti. Noi attingiamo gli uni dalla considerazione di noi stessi: la vista della nostra miseria fa nascere il desiderio di essere soccorsi e l’appello verso Colui dal quale, solo, può venire questo soccorso. Se il pensiero di questa impotenza, che le continue cadute ravvivano incessantemente, diviene costante, allora la preghiera si fa a poco a poco il movimento abituale delle nostre anime… e noi ci avviciniamo all’ideale proposto da Gesù: ” Bisogna pregare senza interruzione e non arrestarsi mai “. Noi ci eleviamo così al di sopra del breve istante dell’esistenza passeggera ed entriamo nella durata del Dio immenso. La considerazione di noi stessi ci ha fatto uscire da noi e penetrare in Dio. Attingiamo gli altri aiuti al di fuori di noi. Il principale è il pensiero di glorificare Dio. Si potrebbe dire che è il principale e l’unico, al quale gli altri si riconducono. Ed è questo il pensiero del divino Orante che è venuto ad insegnarci a pregare, che ci ha insegnato la formula-modello, che ci ha consegnato il modello perfetto, e la cui vita è stata preghiera: non preghiera che si elevava a Dio ma preghiera che si manteneva sulla cima stessa di Dio.

Il ricorso a coloro che hanno imitato perfettamente questo modello perfetto è egualmente prezioso. Pensando a loro, a un san Giovanni di Patmos, a una santa Maddalena nella sua grotta selvaggia, ci si sente sicuri che tale aiuto ci è prontamente accordato… e che tutte queste mani si tendono: verso Dio per ottenere il soccorso, verso di noi per sostenerci e sollevarci. Tutta la famiglia celeste è là per sostenere il passo vacillante del bambino!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: