• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    ottobre: 2011
    L M M G V S D
    « Set   Nov »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 399 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Padre Jacques Dupont in attesa di Benedetto XVI

Padre Jacques Dupont in attesa di Benedetto XVI

Il priore della certosa di Serra San Bruno, Dom Jacques Dupont, si trova in maniera inusitata, sotto i riflettori mediatici e ci parla in questa intervista, rilasciata pochi giorni fa, della importanza della imminente visita del Santo Padre. Dom Jacques, essendo arrivato a Serra soltanto nel 1993, non era presente nel 1984 quando vi fu la visita di Giovanni Paolo II. Ciononostante riconosce che quell’evento ”segno’ in modo molto positivo la vita di questa comunita’, dando una sorta di conferma della propria vocazione”. Dupont definisce inoltre, “singolare” che due pontefici visitino un monastero abbastanza decentrato, periferico e difficile da raggiungere. Inoltre ritiene che sembrerebbe diverso il tenore delle due visite, poiché “Giovanni Paolo II visito’ la Certosa all’interno di un percorso che vide il Pontefice soggiornare per diversi giorni in Calabria e toccare le realta’ ecclesiali piu’ importanti che in qualche modo segnavano le peculiarita’ spirituali di questo territorio. Benedetto XVI, invece, e’ voluto venire in questo monastero trovandosi in Calabria per poche ore”. Per Dom Jacques ”probabilmente questa sosta in Certosa risponde a un desiderio personale, quello di pregare con dei monaci. Per entrambi i pontefici, comunque, si puo’ sottolineare un interesse nei confronti della spiritualita’ di san Bruno e per il monachesimo in generale”. La visita di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI ”ci mettono in luce – continua Dupont – rispetto alla societa’ che ci circonda, alla Calabria e in una certa misura al mondo intero. Non siamo abituati a stare al centro dell’attenzione, anzi cio’ ci mette molto a disagio, ma riconosciamo l’importanza di ricordare a tutti il valore della preghiera”. La vita monastica eremitica, ha ancora oggi principi molto forti. ”Tutti i componenti della vita monastica, dalla separazione dal mondo alla preghiera, sono degli strumenti per vivere una piu’ intima comunione con Dio, nostro Padre. Egli ci ha creato, ci ama, ci destina a un futuro di beatitudine nella sua casa? mi sembra piu’ che legittimo consacrare la sua vita a Lui. Attraverso questo intenso rapporto con Dio – precisa Dom Jacques- si entra in relazione con tutte le creature riuscendo a cogliere le loro piu’ intime aspirazioni o sofferenze e facendole proprie. La preghiera monastica e’ un modo, una via di comunione con il mondo”. Partendo dalla figura di San Bruno, Padre Jacques sembra esortare i giovani a cui invia un forte messaggio: ”La scelta di Bruno invita ciascuno, e forse soprattutto i giovani, a ritrovare il valore del silenzio e dell’interiorita’. Oggi ci si smarrisce nell’eccessivo rumore, come si ricerca innanzitutto di apparire, di stupire o di impressionare gli altri. Occorre saper fermarsi, rientrare in se stesso, non per isolarsi, ma per crescere nella propria vera identita’, che e’ quella di essere figlio di Dio. Bruno -conclude- c’insegna con la sua esperienza che niente vale se non si fonda su questa relazione con Dio. Ha scritto a un amico suo che l’uomo, per natura, cerca il bene, ma che, in verita’, non c’e’ altro bene se non solo”. Godiamoci ora dalla soave voce di Padre Jacques questo splendido messaggio aspettando …..domani!!!

Annunci

Una Risposta

  1. Una segnalazione, anche se molti già ne saranno a conoscenza:

    sabato 8 ottobre, alle 23.40, Rai2 trasmette una puntata speciale di Tg2Dossier intitolata “I solitari di Dio: vita nel silenzio in in un mondo che privilegia la parola”;

    si tratta di un servizio di circa 45 minuti che riassume, in post-produzione, dieci giorni di riprese televisive effettuate, alcuni mesi fa, proprio all’interno della Certosa di Serra San Bruno:
    vita in cella, liturgie comunitarie, lavoro;

    buona visione, in attesa del grande giorno: domenica 9 ottobre
    (con la diretta televisiva dalle 17.30 e i Vespri presieduti da Ben Xvi alle 18; digitale terrestre: can. 28 = Tele2000 e can. 187 = Telepace; Satellite, bouquet di Sky anche can. 855, la bellissima Ewtn)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: