• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    giugno: 2012
    L M M G V S D
    « Mag   Lug »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 394 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Dossier certose attive: Trasfigurazione

Dossier certose attive: Trasfigurazione

Per l’approfondimento delle certose attualmente attive, con l’articolo di oggi cambiamo continente per raggiungere il primo monastero certosino in America. La certosa della Trasfigurazione è stata concepita nel XX° secolo per soddisfare le richieste di molti giovani americani, i quali volendo abbracciare la vita certosina erano costretti a raggiungere l’Europa. La storia di questa certosa ha inizio nel novembre del 1951, allorquando il Capitolo Generale dell’Ordine ha inviato due monaci con l’intento di avviare la realizzazione di un complesso monastico. Uno di questi era Padre Thomas Verner Moore (α1877-Ω1969),  noto psichiatra e religioso benedettino fino al 1947, anno in cui decise di diventare certosino presso la certosa spagnola di Miraflores. Egli riuscì grazie al suo personale impegno ed alla munificenza dei donatori suoi amici ad intercedere presso le autorità ecclesiastiche che acconsentirono dopo lunghe trattative all’insediamento certosino negli Stati Uniti d’America. Dom Paul fu il suo nome religioso, egli partecipò al lento sviluppo della comunità fino all’estate del 1960, quando all’età di ottantadue anni per motivi di salute fece ritorno alla certosa di Miraflores, dove morì nove anni dopo, un anno prima del completamento della certosa della Trasfigurazione. Prossimamente dedicherò un articolo interamente dedicato a questo eminente personaggio, primo cittadino americano ad indossare l’abito certosino.

 Padre Thomas Verner Moore

Ma ritorniamo al primo insediamento in America, inizialmente uno sparuto gruppo di padri e fratelli ha vissuto in un luogo nei pressi di Whitingham (Sky Farm, Charterhouse of Our Lady of Bethlehem), donato da un benefattore, ma non idoneo allo svolgersi della vita certosina. Molti furono i sacrifici dei primi certosini in America alle prese con tante difficoltà, come la precarietà della struttura e la morsa del gelo con temperature che scesero fino a -30!! Ma la Provvidenza seppe ricompensare questi decennali sforzi. Difatti provvidenziale fu l’incontro con il miliardario Mr. Joseph George Davidson (α 1892- Ω 1969), chimico e accademico di fama internazionale, che nel 1960 decise di cedere ai certosini un ampio territorio di sua proprietà. Nel  1960, la comunità si trasferì nei pressi di Arlington, sempre  nel Vermont in una valle del Monte Equinox, vicino alla frontiera con il Canada, in un luogo quasi inaccessibile dove tuttora si svolge regolare attività claustrale. Su di un area di 28 chilometri quadrati si costruì una certosa in un luogo montagnoso aspro  e desertico, circondato da fitti boschi che si estendono per cinquanta chilometri, nei cui pressi vi è il solo Lago Madeleine. La certosa venne concepita da architetti che usarono per la costruzione blocchi di granito del Vermont, la scelta di questo materiale assume anche una connotazione fortemente simbolica. Difatti gli enormi blocchi monolitici, 3 metri di larghezza per 9 metri di altezza e 18-pollici di spessore, ci rammentano i forti ideali alla base della vita certosina, la solidità, la semplicità e la inalterabilità nel tempo. L’apparente freddezza ed essenzialità della struttura tradisce il forte calore che viene espresso all’interno della certosa nei momenti comunitari, ed alla fervente spiritualità che ogni singolo monaco sviluppa nel nascondimento della propria cella. Le immagini che ho raccolto ci daranno la possibilità di conoscere meglio questa moderna certosa.

Per informazioni e contatti

Buona visione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: