• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    giugno: 2012
    L M M G V S D
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 635 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Padre Elia e “La sete dell’assoluto nel mondo contemporaneo”

Padre Elia e “La sete dell’assoluto nel mondo contemporaneo”

Oggi vi ritorno a parlare di un certosino, nostro contemporaneo, da me definito in un precedente post speciale ma solo per indicare la sua peculiare condizione di esclaustrato. Si tratta di Padre Elia Castellani, che nell’ambito della visita pastorale dello scorso ottobre di S.S. Benedetto XVI alla certosa di Serra San Bruno, ha partecipato ad un convegno svoltosi a Lamezia Terme, in Calabria, dal titolo:

“LA SETE DELL’ASSOLUTO NEL MONDO CONTEMPORANEO”

 In questa sede Padre Elia, ha puntualizzato che “La vita monastica è ascesi, cura e attenzione per il trascendente che nella vita quotidiana viene negato o dimenticato. L’ascesi è sforzo, fatica, sudore. Il difetto dei nostri giorni è che seguiamo i nostri istinti”. Ha aggiunto inoltre che  “Noi valiamo quello che siamo, prima di valer per quello che facciamo. Se non si vive in comunione con Dio ci si inaridisce. Siamo innestati nella vita divina, perciò dobbiamo sentirci consacrati, dobbiamo appassionarci alla Parola di Dio”. Secondo Padre Catellani “la fonte primaria della fondazione monastica è la famiglia cristiana. Oggi – ha fatto notare il monaco – le nostre case somigliano ad alberghi, dove le persone alloggiano senza vivere insieme. Aprite la Bibbia che avete negli scaffali – ha esortato Padre Elia – Santificate la domenica perché è necessario calare la nostra vita nell’energia trascendente che vivifica la nostra giornata”. Oltre a questo estratto delle dichiarazioni di Padre Elia, di seguito vi riporto i video dell’interessante convegno.

Buona visione

Introduzione

Intervento Padre Elia

Conclusione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: