• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    giugno: 2012
    L M M G V S D
    « Mag   Lug »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 378 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



“Cristianesimo vissuto” di F. Pollien capitolo XIV°quarta parte

”Cristianesimo vissuto”

Consigli fondamentali dedicati alle anime serie

Quarta parte : Gli esercizi di pietà

Capitolo XIV: Sii cristiano!!!

Ed è ormai tempo che ti spieghi questa espressione, che è la sostanza del libro. Volli riservarti questa spiegazione per la fine. perché questo titolo è il compendio di tutto ciò che ho cercato d’insegnarti.
SII CRISTIANO!… Ma che cosa significa essere cristiano? Essere cristiano significa essere formato e trasformato ad immagine i Cristo. E che cosa è Cristo? Se vuoi avere qualche intelligenza del mistero di Cristo, è necessario che tu consideri in lui quattro cose: 1° la divinità: 2° l’umanità; 3° l’unione di queste due nature; 4° la soppressione della persona umana.
1° La divinità. Egli è Dio, Dio perfetto. È il Figlio di Dio, la seconda delle persone divine. È Dio dall’eternità ed è tale per tutta l’eternità: Dio non muta.
2° L’umanità. Egli è uomo, uomo perfetto. Ha la natura e le facoltà e le qualità umane, tutta la natura e tutte le facoltà e tutte le perfezioni umane. Ha come te un’anima ed un corpo, una mente ed una volontà e dei sensi. Ed è in tutto più perfetto di te.
3° L’unione delle due nature. La natura divina e la natura umana sono unite in lui; unite, ma non mescolate non confuse; unite, ma senza alterazione, nè diminuzione, nè cambiamento alcuno nella natura di Dio e nella natura dell’uomo. È nel medesimo tempo perfetto Dio e perfetto uomo. La divinità conserva la su infinata perfezione, poichè non può mutare. L’umanità conserva tutta la sua integrità, poichè è per via della perfezione dell’uomo che l’unione diventa possibile fra Dio e l’uomo.
4° La soppressione della persona umana. È nell’unità della persona del Verbo, che sussiste l’unione di Dio e dell’uomo in Gesù Cristo. La persona umana è assorbita nella persona divina. Che cosa vuol dire?
Vuol dire che la natura umana, la quale possiede nel Nostro Signore tutta la perfezione d’attività e d’operazione di cui un essere umano è suscettibile, non può in alcun modo determinarsi e muoversi per se stessa. L’impulso determinante e il dominio direttivo degli atti umani del Salvatore vengono dalla persona. divina, in quella guisa medesima che in te i movimenti del tuo corpo sono prodotti dall’anima tua. E come in te il corpo è incapace d’alcuna attività senza l’anima, così in Gesù Cristo la natura umana non è suscettibile d’esser mossa che dalla persona divina.
Ecco Cristo, ed ecco il cristiano, perché il cristiano, per portare l’immagine di Cristo, deve avere questi quattro caratteri, nella misura a lui propria. Ti si esorta continuamente ad esser cristiano, e incessantemente si parla di vita cristiana, di pietà, di istruzione, d’educazione, di società, d’istituzioni cristiane, ecc. Quelli che tale parola pronunciano così spesso, ne conoscono bene il significato? E tu ne hai un’idea chiara?
Ricordati che quest’epiteto “cristiano” non puoi e non devi applicarlo altro che quando trovi riuniti i quattro caratteri che costituiscono Cristo: 1° elemento divino Perfetto; 2° elemento umano perfetto;
3° unione del divino e dell’umano; 4° annientamento dell’indipendenza umana di fronte a Dio.
In Gesù Cristo tutto era perfetto fin dal principio: la sua vita era una pienezza che non potè avere che un accrescimento esterno nel suo elemento umano. La tua vita propria è un germe che deve svilupparsi, fino a che tu sia l’uomo perfetto, arrivato all’età della pienezza di Cristo. Per conseguenza tu devi diventar cristiano, cioè a dire, lavorare in te al perfezionamento del divino, dell’umano, e della sottomissione dell’umano al divino. Il lavoro cristiano è il perfezionamento, e il termine cristiano è la perfezione di queste quattro cose. Una parola intorno a ciascuna, al fine di vedere come esse sono contenute nelle quattro parti di questo libro.
L’elemento divino della tua vita è la gloria di Dio. Vedi con quale insistenza io ti ho domandato di dilatarla in te. Tutto il libro ne è pieno.
L’elemento umano sono le facoltà dell’anima tua e del tuo corpo, la tua mente, il tuo cuore e i tuoi sensi. T’ho raccomandato abbastanza di svilupparli? T’ho pregato abbastanza di non vegetare nelle inezie?
L’unione del divino e dell’umano. Non ti ricordi quanto, nella seconda parte, t’ho predicato l’unione a Dio solo e il distacco assoluto da tutto ciò che non è lui?
Sottomissione dell’umano al divino. E nella terza parte che cos’ho fatto se non insegnarti a sottomettere e a conformare in tutto la tua azione alla volontà di Dio? A lasciarti condurre e maneggiare da. lui? Dimmi, t’ho mostrato il fondo del lavoro cristiano? Lavora tu adesso, e quando avrai, fino al supremo limite determinato, ingrandita in te la gloria divina, ingrandite le tue facoltà, la tua unione con Dio, la tua sottomissione alla sua azione, allora sarai degno del tuo modello, sarai un cristiano perfetto. Che splendore è un’anima cristiana! O Gesù, come si conosce poco il significato di questa parola, che si ripete tanto! Se si sapesse, non si avrebbe l’ardire di chiamare cristiane persone e cose che sono indegne di voi, e che vi rassomigliano così poco, e che hanno sì poca cura dì rassomigliarvi, e che, se ne hanno la cura, ne hanno così scarsa la scienza! Essere cristiano, voler esserlo, è cosa sì grande! ed è cosa sì rara!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: