• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    settembre: 2013
    L M M G V S D
    « Ago   Ott »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 410 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Fra Manuel Bayeu y Subias

Fra Manuel Bayeu y Subias

Manuel Bayeu autoritratto

Manuel Bayeu autoritratto

Il personaggio che oggi voglio farvi conoscere è stato un converso certosino vissuto alla fine del XVIII secolo, distintosi per la sua talentuosa vena pittorica, ma poco noto.

Manuel Bayeu y Subias, nacque a Saragozza nel 1738 in una notabile famiglia di artisti, trascorse la sua infanzia ed adolescenza nella città aragonese, dove si formò agli studi religiosi. A questi si aggiunse che fu iniziato alla pittura dai suoi due fratelli nella bottega del famoso José Luzán. Il maggiore dei fratelli Bayeu Francisco fu il più talentuoso, e trasferitosi a Madrid,  divenne uno degli artisti più influenti della capitale, e nel 1767, fu nominato pittore della corte di re Carlo III di Spagna. Ramon, collaborò con Francisco e seguendolo a Madrid riscosse anch’egli un discreto successo. Ma veniamo a Manuel, che nel periodo della sua formazione pittorica insieme ai suoi fratelli conosce Francisco Goya, il celebre pittore ed incisore che dopo qualche anno diventerà anche loro cognato, poiché sposerà la lor sorella  Josefa Bayeu.

Il giovanissimo Manuel a soli diciannove anni, nel 1757, decide di entrare in prova come donato nell’Ordine certosino e precisamente nella certosa della sua città, Aula Dei. Trascorsi pochi anni, il 3 dicembre de 1760 fu trasferito alla certosa di las Fuentes a Huesca dove dodici anni dopo, il 29 giugno del 1772 fece professione come converso. Fra Manuel riesce a coniugare la sua vocazione monastica con la sua spiccata passione per la pittura, iniziando in certosa a dipingere soggetti religiosi. La sua pittura in stile barocco si contraddistinguerà per i suoi colori cupi ed è da notare come nonostante l’arrivo delle nuove tendenze Rococò e Neoclassiche, il certosino continuò a dipingere senza queste influenze poiché visse immerso nella solitudine e dall’isolamento della vita claustrale. Tra le sue opere spiccano diciassette tele dipinte nella certosa di las Fuentes, sulla vita di san Bruno (ora nel Museo, Università di Santiago de Huesca), la decorazione della cappella di San Pedro Arbués (Lalueza), il monasterio de Sirena e il santuario della Vergine di Magallón (Leciñena). Gli sono stati attribuiti anche alcuni quadri nella Cattedrale di Huesca yed in quella di Jaca, qui ricevette un incarico molto importante, dirigendo la costruzione di un nuovo abside ed anche diversi affreschi. Non possiamo però trascurare la collaborazione che fra Manuel ebbe nel 1774  con il cognato Francisco Goya che, realizzò sette pitture murali ad olio per decorare le pareti della chiesa della certosa di Aula Dei.  Nel 1806, l’Ordine decise di trasferirlo a Maiorca alla certosa di Valdemossa, per consentirgli di decorare le pareti della chiesa, nel 1807 completato questo lavoro egli fece ritorno a las Fuentes, dove mori nel 1809 all’età di 69 anni. Fra Manuel Bayeu oltre ad essere stato un valente pittore, limitato nella crescita artistica a causa della sua scelta di vita monastica, fu amato dai suoi confratelli per il suo carattere espansivo e generoso, che contraddistinse la sua esistenza fiaccata da una salute spesso minata da febbri malariche. Queste notizie si evincono da una grossa mole di epistole, oggi conservate al Museo del Prado a Madrid, che egli scrisse ai fratelli ed al cognato Goya. Nelle lettere degli ultimi anni, lamenta gli acciacchi fisici aggravati dalle proibitive condizioni climatiche della cella, e la scarsità di materiali a disposizione per poter dipingere quadri. Grazie ad una sorte di mania per gli autoritratti, fra Manuel Bayeu ci consente di conoscere le sue precise fattezze, essendosi immortalato in numerosi dipinti ed affreschi.

Sacra famiglia(F. Bayeu1776)

Sacra famiglia(F. Bayeu1776)

Natività (in una cappella della certosa di las Fuentes)

Natività (in una cappella della certosa di las Fuentes)

autoritratto in affresco (certosa las fuentes)

autoritratto in affresco (certosa las fuentes)

particolare affresco (certosa Las Fuentes)

particolare affresco (certosa Las Fuentes)

san Bruno e Fra Bayeu

san Bruno e Fra Bayeu

autoritratto 1780

autoritratto 1780

affresco cupola (certosa di Valdemossa)

affresco cupola (certosa di Valdemossa)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: