• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    ottobre: 2013
    L M M G V S D
    « Set   Nov »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 400 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



La vita di san Bruno: la vita a Cartusia

La vita di san Bruno: la vita a Cartusia

"San Bruno"  Ignoto meridionale,  seconda metà del XVI secolo

Abbiamo visto nel precedente articolo l’insediamento di Bruno ed i suoi sei amici, nel deserto di Cartusia  laddove posero il seme che nel tempo germoglierà fecondamente, dando origine all’Ordine certosino.

Nella tela successiva, vediamo la raffigurazione di un evento prodigioso, presente nella iconografia e nella biografia di Bruno. Egli resosi conto delle estreme condizioni di asperità del territorio ove si era ritirato, prega Iddio affinché possa permettergli la sopravvivenza in tali condizioni proibitive.   Bruno viene effigiato con gli occhi rivolti estaticamente al cielo e con un forte raggio di luce proveniente dall’alto che lo pervade, donandogli la facoltà di riuscire a far scaturire l’acqua da una brulla roccia. Compare inoltre sul capo di Bruno l’aureola di santità, che incorona l’esaudire della sua richiesta. A somiglianza di Mosè nel deserto, Bruno farà dunque scaturire l’acqua dalle rocce del desertum di Cartusia, alleviando i problemi di insediamento in quell’orrido luogo.

7

La scena in seguito illustrata, è una classico dell’iconografia certosina che ha un forte significato simbolico, che si riferisce all’origine della astinenza dall’uso della carne nella alimentazione dei monaci certosini. La vicenda si svolge in un refettorio di una certosa con impianto architettonico classico, con un dipinto di ultima cena sulla parete di fondo ed i monaci assisi nei banchi per consumare il pasto, in un momento cenobitico. Sulla destra in alto vi è il monaco che dall’ambone nutre con la lettura di sacre scritture la mente e lo spirito dei commensali. In primo piano vi è il vescovo Ugo di Grenoble che fa visita alla comunità monastica durante la Quaresima, ma che ha aveva precedentemente inviato, per farsi annunciare, un suo servitore. Questi scopre che i monaci sono addormentati, presto Ugo allertato si reca in certosa e lo si vede svegliare Bruno, posto sul fondo nel presiedere il refettorio, che come i suoi confratelli ha della carne nei piatti, ma trasformata in cenere!!! Loro, narra Bruno, si erano addormentati discutendo sulla necessità di sottrarre alla propria alimentazione la carne, e nel ragionare si erano, prodigiosamente,  addormentati fino a quel momento. Un sonno profondo durato quarantacinque giorni fino al Mercoledì delle ceneri, ovvero per  tutto il periodo di Quaresima. Tale prodigio aveva evitato loro di mangiare la carne regalatagli da Ugo per farli nutrire, ed il prodigio sancì per sempre la regola dell’astinenza dalla carne.

8

Continuando, osserviamo nel successivo dipinto un’altra scena tratta dalle consuetudini, dei certosini. Bayeu ritrae due ambienti monastici , sullo sfondo alcuni confratelli nel coro della chiesa e nella scena principale un altare di una sala capitolare egregiamente profusi in un unico scenario. Viene così rappresentata l’investitura da parte di Bruno in veste di Priore, di un postulante, che prende l’abito di novizio, dipinto in atto di contrizione mentre si prostra ai suoi pedi. La scena avviene in una chiesa dall’impostazione architettonica di stile barocco, ovvero coevo a Fra Manuel Bayeu, il quale per dare pathos all’episodio descritto pone a sinistra un parente del giovane, forse il padre, che assiste piangendo alla scelta radicale del giovane congiunto, che con ascetica serenità accetta l’abito certosino.

9

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: