• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    dicembre: 2013
    L M M G V S D
    « Nov   Gen »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 400 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Il coro monumentale della certosa di Buxheim

Il coro monumentale della certosa di Buxheim

il coro monumentale di Buxheim

Dopo avervi illustrato, in un precedente articolo, la monumentale certosa di Buxheim, come vi avevo promesso, oggi vi offrirò una dettagliata analisi del coro ligneo presente nella chiesa.

L’opera d’arte di cui vi parlerò fu concepita tra il 1687 ed il 1691, ed è costituita da 31 stalli, in legno di quercia, finemente intagliati dall’ebanista tirolese Ignaz Waibl. La commissione di questa pregevole realizzazione lignea fu opera del priore  Johannes Bilstein, che in qualità di Visitatore dell’Ordine aveva avuto modo di visionare pregevoli cori in altre certose. Egli ispiratosi in giro per l’Europa, volle far realizzare questo splendido coro, rispettando un rigido concetto teologico e sviluppandolo secondo uno schema preordinato. Waibl e le sue maestranze, per la realizzazione, furono dunque invitati a rispettare un preciso programma iconografico. Ma vediamo come, e quale.

I lavori iniziarono nell’autunno del 1687, e furono necessarie ben duecento querce precedentemente tagliate e fatte stagionare da anni nei magazzini della certosa. Il coro originariamente era costituito da 36 stalli disposti a ferro di cavallo. L’intera struttura presenta uno sviluppo su tre livelli, nel primo, presente sui pannelli inferiori,vi sono scolpiti mascheroni antropomorfi simboleggianti i poteri demoniaci, le malattie, le tentazioni, il male nella sua interezza. Nel secondo ordine, invece, la parte mediana dei dossali, che si apre con due monaci prostrati scolpiti con le mani giunte in atto di sottomissione alla volontà divina, e che aprono alle statuette finemente scolpite raffiguranti i fondatori di tutte le congregazioni ed ordini religiosi consacrati alla devozione divina. La identificazione di essi è  talvolta controversa laddove manca il cartiglio sottostante, ma la loro disposizione rispetta rigorosamente il criterio della cronologia. Su tutte queste figure spiccano le statue in piedi della Vergine, di Elia e di Giovanni il Battista. La simbolica soluzione per sfuggire al potere demoniaco viene espressa dai testimoni della Fede, grazie ai quali il bene trionfa sul male. Il terzo livello simbolico si evince dalle figure poste nella sezione superiore, ovvero i dodici apostoli e le figure di Gesù e di Maria, senza dei quali non vi sarebbe stato il cristianesimo e quindi nessun tipo di vita monastica. Nella parte centrale dell’ordine superiore incontriamo, sul portone d’ingresso, la scultura raffigurante l’arcangelo Michele in lotta vittoriosa contro Lucifero, vi è una iscrizione che recita “Quies ut Deus” (chi è come Dio), e due angeli che reggono un cartiglio su cui vi è scritto “Dio solo è santo”. A seguire le figure di Mosè con le tavole della legge, David effigiato con l’arpa, Aronne il fratello di Mosè simboleggiante il sacerdozio e Melchisedec l’antesignano di Cristo. La descrizione è solo parziale, poiché è impossibile descrivervi ed enumerarvi tutte le colonnine, i cherubini, i motivi fitomorfi e gli altri elementi decorativi, che rendono questo coro un capolavoro assoluto. Come avrete capito, e soprattutto come era in uso in quel periodo, nei manufatti all’interno delle certose, essi dovevano risultare una sorta di libro perenne con funzione didattica  per i monaci che si formavano alla disciplina certosina attraverso le immagini, a scapito della parola nel rispetto del rigoroso silenzio.

Nel corso dei secoli, più precisamente nel 1709, la struttura ha subito modifiche, con ritocchi e risistemazioni in epoca barocca. Poi a causa della secolarizzazione che causò l’allontanamento dei monaci da Buxheim, lo stesso coro ha subito alterne vicende ed addirittura uno spostamento. Successivamente, grazie al perfetto restauro effettuato dal 1980 al 1994, oggi è possibile poter ammirare ogni piccolo particolare finemente intagliato e assemblato da Waibl. La bellezza delle figure scolpite e la visione  nell’insieme, risulta essere abbacinante.

Con l’ausilio delle immagini proviamo ad addentrarci in questo splendido coro, provando a leggerlo ed ammirarlo con la chiave di lettura simbolica che vi ho offerto.  Dopo una slide, segue uno schema con i santi fondatori.  Buona visione…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per visualizzare le immagini cliccate sulle relative icone.

Filippo Neri
XVI secolo
Fondatore Oratoriani
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten33.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten01.JPG Teresa di Avila
XVI secolo
Riformatrice del Carmelo
Ignazio di Loyola
XV /XVI secolo
Fondatore dei Gesuiti
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten32.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten02.JPG Giovanni di Dio (?)
XV/XVI secolo
Modello per i Fratelli della Carità
Gaetano da Thiene
XV/XVI secolo
Fondatore dei Teatini
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten31.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten04.JPG Francesco d’Assisi (?)
XII/XIII secolo
Fondatore dei Francescani
Brigitta di Svezia (?)
XIV secolo
Fondatrice delle Brigidine
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten29.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten05.JPG Pietro da Morrone
XIII secolo
Fondatore dei celestini eremiti
Pietro Nolasco
XII/XII secolo
Cofondatore dei Mercedari
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten28.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten06.JPG Filippo Benizi
XIII secolo
Priore Generale dei servi di Maria
Francesco di Paola (?)
XV/XVI secolo
Fondatore dei Minimi
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten27.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten07.JPG Domenico di Guzman
XII/XII secolo
Fondatore dei Domenicani
Giovanni de Matha
XII/XIII secolo
Cofondatore dei Trinitari
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten26.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten08.JPG Guido di Montpellier
XII/XIII secoloFondatore dell’Ordine dello Spirito Santo
Stefano di Muret (?)
XI/XII secolo
Fondatore di Grandmont
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten25.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten09.JPG Norberto di Xanten
11./12. Jh.
Modello per i Premonstratensi
Guglielmo di Malavalle
XII secolo
Modello per i Guglielmiti
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten24.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten10.JPG Roberto di Molesme (?)
XI/XII secolo
Cofondatore dei Cistercensi
Bruno di Colonia
XI/XII secolo
Fondatore dei Certosini
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten23.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten11.JPG Romualdo di Camaldoli (?)
X/XI secolo
Fondatore dei Camaldolesi
Oddone di Cluny
IX/X secolo
Abate benedettino (riformatore)
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten22.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten12.JPG Benedetto da Norcia
V/VI secolo
Fondatore dei Benedettini
Agostino (?)
IV/V secolo
Autore della regola degli Agostiniani
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten21.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten13.JPG Girolamo
IV/V secolo
Eremita e Dottore della Chiesa
Basilio il Grande
IV secolo
Padre del monachesimo orientale
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten20.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten14.JPG Antonio il Grande
III/IV secoloPadre del monachesimo occidentale
Paolo di Tebe (mancante)
III/ IV secolo
Primo eremita e modello per i Paolini
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten19.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten15.JPG Giovanni il Battista (mancante)
I secolo
Modello per gli eremiti
Elia
IX secolo a.C.
Considerato dai carmelitani come “fondatore”
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten18.JPG
KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten16.JPG Maria Gesù Cristo KarthauseBuxheimChorgestuehlHlFigurenUnten17.JPG
Annunci

Una Risposta

  1. bellissima certosa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: