• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    febbraio: 2014
    L M M G V S D
    « Gen   Mar »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    2425262728  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 400 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Il cinquecentenario del ritorno dei certosini a Serra

Il cinquecentenario del ritorno dei certosini a Serra

500

StefanoBosco

Oggi 27 febbraio 2014, ricorre il cinquecentenario del ritorno dei certosini nella certosa di Serra san Bruno, dopo 322 anni di permanenza cistercense. A seguito dell’evento del ritrovamento delle ossa del santo fondatore Bruno, il Papa Leone X, nel 1514 approvò il culto di san Bruno e ritenne opportuno far insediare nuovamente i certosini a Serra. Sulle ragioni del precedente allontanamento dei monaci bruniani, avvenuto nel 1194 per volontà di Papa Celestino III e di re Tancredi e sui monaci cistercensi che vi subentrarono, recentemente, un libro ha cercato di fare chiarezza, sull’accaduto. Il titolo del libro è “l’Angelo di Sibilla” e vi consiglio di leggerlo. Ma proseguiamo nella descrizione dei fatti che riportarono il carisma certosino in Calabria. Alla presenza dei priori delle certose meridionali di Napoli, Capri, Padula e Chiaromonte, nonchè di esponenti della nobiltà napoletana e calabrese il 27 febbraio del 1514 avvenne ufficialmente la “recuperazione” della certosa di S. Stefano, che prese il nome di  “Domus sanctorum Stephani et Brunonis”. Avuta la delega dal Capitolo Generale il certosino bolognese Dom Costanzo De Rigetis, proveniente dalla certosa di Montello, ne assunse la guida come priore, dando avvio all’attività monastica.

Il passaggio di consegne avvenne con una suggestiva processione dei cistercensi che uscirono dal monastero andando incontro ai certosini che subentrarono, e da tutti fu cantato il TeDeum.

Fu fondamentale l’opera intrapresa da De Rigetis che scrupolosamente e con meticolosa cura nella ricerca, realizzò un “Libretto della Ricuperazione” datato 1523, una sorta di inventario di quello che trovò al suo arrivo in certosa. Esso ha costituito un documento importantissimo per ricostruire la vita di Bruno in Calabria e dei primi successori. Subito dopo essersi insediati i monaci certosini, furono costretti ad avviare grandi lavori di ristrutturazione ed abbellimento, sostenuti economicamente dai confratelli di san Martino di Napoli, e che continuarono per diversi secoli.

Vi fu l’ampliamento del chiostro grande, che fu e dotato di 24 celle (1523), il consolidamento del muro di cinta, rafforzato con 7 torri di guardia (1536), il completamento del chiostro e la costruzione del Refettorio (1543, il completamento della nuova chiesa conventuale (1600,oltre alla creazione del laghetto artificiale delle penitenze (1645)ed alla risistemazione del cosiddetto Dormitorio (1776). Una vera rinascita che dette lustro alla certosa calabrese ed a tutto il territorio circostante, che trovò beneficio grazie alle attività agricole svolto nelle grange e nei possedimenti dei monaci. Nonostante le ulteriori e successive vicende legate al terremoto ed alle soppressioni monastiche, la vita certosina a Serra è ancora fiorente e la certosa risulta essere il cuore pulsante della spiritualità di tutta la Calabria.

A tal proposito come vi ho esposto in un precedente articolo il simbolo di questo anniversario è la ormai celebre icona intronizzata nella cappella esterna della certosa con cerimonia solenne lo scorso 18 gennaio. Potrete assistere alla funzione svoltasi, grazie ad un documento filmato inviatomi da un amico di questo blog, che ha immortalato le fasi salienti dell’evento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: