• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    maggio: 2014
    L M M G V S D
    « Apr   Giu »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 410 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Su Maria (Dom Giovanni Giusto Lanspergio)

Su Maria

(Dom Giovanni Giusto Lanspergio)

Madonna dei certosini certosa Pesio (affresco)

Continuo in questo mese di maggio ad offrirvi testimonianze certosine sulla devozione mariana. L’autore Lanspergio, era un grande amante della Madonna, come madre. Vi riporto il testo delle vibranti raccomandazioni che egli faceva ad un giovane confratello del XVI° secolo:

“Saluta Maria dando a lei non come fanno certuni il titolo di patrona generale, ma quello di Madre (del nostro ordine). I nostri Padri non l’hanno scelta solamente come patrona, cioè solamente come qualcuno che è sempre soccorrevole, ma non necessariamente sempre occupata a farci esperimentare le effusioni del suo amore e la grandezza del suo affetto. Essi l’hanno scelta come Madre… Per dire meglio, lei non ci ha scelti come servitori, ma come figli, non come individui, che si accontenta di proteggere o di difendere, ma come figli che vuole stringere al suo cuore, proteggere e nutrire… e ai quali, fino a quest’ora, non ha finito di prodigare le sue cure materne…». È ancora Giovanni Lanspergio che si rivolge a Maria con il motto Totus tuus, esortando anche altri a fare altrettanto: «Ti saluto, o bellissima, degnissima, e gloriosissima Madre di Dio, sfolgorante Regina del cielo, mia amabilissima Signora e dolcissima Vergine Maria! Ti saluto con il cuore del tuo Figlio diletto, con il suo amore e con l’amore di tutti quelli che ti amano, mi metto sotto la tua protezione e mi affido a te come figlio, nella fiducia che tu mi accolga e ottenga da Dio di essere tutto tuo (Totus tuus) e tu tutta mia, tu che dopo Dio sei la mia Signora, la mia gioia, la mia corona e la dolcissima e fedelissimo madre mia».

Dall’interno di ogni cella di una certosa si è da sempre elevata e si eleva ancora dinanzi a Maria una preghiera, che chissà quanti certosini avranno usato nei colloqui con la Vergine:

«O Maria castissima, sapientissima, humillisima, veracissima, devotissima, obbedientissima, pauperrima, purissima et dolorosissima Mater Dei, ora pro nobis exulibus peccatorilius nunc et in bora nostrae mortis. Amen».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: