• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    giugno: 2014
    L M M G V S D
    « Mag   Lug »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 400 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Lunedì di Pentecoste: San Brunu Jiacuniedhu

Lunedì di Pentecoste:

San Brunu Jiacuniedhu

san Bruno

Oggi in occasione del lunedì successivo alla Pentecoste, a Serra come consuetudine si svolge la processione celebrativa in onore di san Bruno. Voglio proporvi il canto processionale in dialetto serrese tramandatosi negli anni, e dedicato al fondatore dell’ordine certosino dal titolo:

San Brunu Jiacuniedhu

vi consiglio l’ascolto della traccia audio mentre leggete il testo

Traccia audio (mp3)

(testo)

Memoria di ‘sta menti tienirìa,

cu tutti li mie siensi spirituali,

in gloria di Dio e di la Vergini Maria

di cui a vui, Eccellenza, vi vurrìa parràri.

San Brunu jacuniedhu si partìu

di li vandi di la Francia assai luntani

cu grandi amuri. E desideriu avìa

di li muntagni di Santa Maria.

Chisti eranu muntagni assai sulagni.

antichi tiempi duvi si dicìa

nu fiumi ammienzu ‘nci spartìa la via:

non si curava ch’era assai fundu.

Mo, sulli sue carni nudi

ed alli carni sue spini pungenti,

lu sangu ‘nci currìa cuomu cannàli.

Non vindi vanagroriati, o bbona aggenti,

ch’è sangu di San Brunu veramenti.

San Brunu ch’è ‘nu santu sanguinosu,

sangu di Santu Brunu gloriosu.

Chi vi pinzàti lu juornu chi facìa?

‘Ntra ‘nu lagu ‘ndinucchiuni stava.

Chi vi pinzàti la notti chi facìa?

Supa  ‘na petra la sua vita stava,

supa  ‘na petra steza ‘nu gran tiempu

e lu guvirnava lu Spiritu Santu.

Conti Ruggieru circandu lu jìa,

non sapìa in che modu mu lu trova.

‘Nu juornu fu ‘spiratu di Maria:

vitta li sue livrieri ‘ndinucchiuni.

Lu vitta setti parmi atu di terra,

cu ‘nu libbru alli mani chi lijìa.

E lu cavallu di conti Ruggiueru

‘nci fìcia riverenza e turnau arriedhi.

SAN BRUNO: O conti, conti, non t’appaghuràri,

ca io sugnu Brunoni veramenti.

E sugnu allucatu a chisti canti,

‘pi non esseri vistu di l’aggenti.

CONTE RUGGERO: Allura, si si Brunoni veramenti,

dimmi chi grazzia vue, ti sia cuncessa.

SAN BRUNO: Vuogghju ‘na chiesa ‘pi Santa Maria,

‘n’atra la vuogghju pi Sant’Anna mia,

e una la vuogghju pi putìri stari;

vuogghju tri migghja di prucissiuoni

e tutti quanti l’apuostuli dhani;

‘na vota l’annu la vaju a visitari,

e dieci juorni duoppu l’Ascinziuoni

cìtuli, ceramiedhi, sciali e suoni,

‘nu sparamientu mu ‘ndi fa trimari.

E di lu ‘mpiernu liberu dimuoni,

e li malati si ‘ndi vannu sani.

Beatu cui di stu santu ava divuzziuoni,

lu paradisu non ‘nci pò mancari!

E cui la dìcia tri buoti la notti,

non pò muriri di mala morti.

Cui la dìcia tri buoti la dia,

va in paradisu cu Gisù e Maria.

E cui la dìcia di vènnari addìjunu,

ava quindici anni di pirdunu.

E cui la dìcia e cui la vò sintiri,

peni di ‘mpiernu non pò patiri.

Candili d’uoru e candili d’argientu

a vui, San Brunu mio, vi li prisièntu.

Candili d’uoru e candili d’argientu

a vui, San Brunu mio, vi li prisièntu.

 

Annunci

2 Risposte

  1. Per i forestieri aggiungo la libera traduzione del testo serrese di San Brunu Jiacuniedhu:

    San Brunu Jiacuniedhu
    San Bruno Diacono

    Memoria di ‘sta menti tienirìa,
    Conservo nella mia memoria

    cu tutti li mie siensi spirituali,
    con tutti i sensi dello spirito,

    in gloria di Dio e di la Vergini Maria
    in gloria di dio e della Vergine Maria,

    di cui a vui, Eccellenza, vi vurrìa parràri.
    tutto quello che vorrei dire a Vostra Eccellenza.

    San Brunu jacuniedhu si partìu
    San Bruno Diacono, iniziò il suo viaggio

    di li vandi di la Francia assai luntani
    da una zona della Francia, molto distante

    di li muntagni di Santa Maria.
    dalle montagne di Santa Maria.

    Chisti eranu muntagni assai sulagni.
    Queste erano montagne desolate

    nu fiumi ammienzu ‘nci spartìa la via:
    con un fiume che le attraversava.

    non si curava ch’era assai fundu.
    Ma (questo fiume) non era temuto dall’eremita.

    Mo, sulli sue carni nudi
    Ora, (in questo luogo) sulla sua carne

    ed alli carni sue spini pungenti,
    infliggeva ferite con spine pungenti

    lu sangu ‘nci currìa cuomu cannàli.
    e il sangue scorreva copioso.

    Non vindi vanagroriati, o bbona aggenti,
    Non abbiate dubbi inutili, o buona gente,

    ch’è sangu di San Brunu veramenti.
    si tratta proprio del sangue di san Bruno.

    San Brunu ch’è ‘nu santu sanguinosu,
    san Bruno è il santo della penitenza

    sangu di Santu Brunu gloriosu.
    Il suo è il sangue della Gloria.

    Chi vi pinzàti lu juornu chi facìa?
    Cosa pensate che faceva di giorno?

    ‘Ntra ‘nu lagu ‘ndinucchiuni stava.
    Stava in penitenza inginocchiato nel lago.

    Chi vi pinzàti la notti chi facìa?
    Cosa pensate che faceva di notte?

    Supa ‘na petra la sua vita stava,
    Riposava sopra un letto di pietra.

    supa ‘na petra steza ‘nu gran tiempu.
    E sulle pietre faceva lunghe penitenze;

    e lu guvirnava lu Spiritu Santu.
    assistito e protetto dallo Spirito Santo.

    non sapìa in che modu mu lu trova.
    (Il Conte Ruggero) non sapeva dove trovarlo,

    ‘Nu juornu fu ‘spiratu di Maria:
    e un giorno cercando, guidato da Maria,

    vitta li sue livrieri ‘ndinucchiuni.
    notò che i suoi cani si erano inginocchiati

    Lu vitta setti parmi atu di terra,
    e vide san Bruno a mezz’aria,

    cu ‘nu libbru alli mani chi lijìa.
    con un libro in mano intento a meditare.

    E lu cavallu di conti Ruggieru
    Il cavallo del Conte si inginocchiò

    ‘nci fìcia riverenza e turnau arriedhi.
    in segno di riverenza, e fece per tornare indietro.

    SAN BRUNO: O conti, conti, non t’appaghuràri,
    SAN BRUNO disse: O Conte, Conte, non aver timore

    ca io sugnu Brunoni veramenti.
    Io sono Brunone veramente,

    E sugnu allucatu a chisti canti,
    e mi sono stabilito in questi luoghi

    ‘pi non esseri vistu di l’aggenti.
    per non essere disturbato dalla gente.

    CONTE RUGGERO: Allura, si si Brunoni veramenti,
    CONTE RUGGERO: Allora, se sei veramente Brunone

    dimmi chi grazzia vue, ti sia cuncessa.
    dimmi quello che vuoi, e ti sarà concesso.

    SAN BRUNO: Vuogghju ‘na chiesa ‘pi Santa Maria,
    SAN BRUNO:Voglio una chiesa per Santa Maria

    ‘n’atra la vuogghju pi Sant’Anna mia,
    e un’altra la voglio per Sant’Anna mia,

    e una la vuogghju pi putìri stari;
    e ancora una la voglio per me.

    vuogghju tri migghja di prucissiuoni
    Voglio una processione lunga tre miglia

    e tutti quanti l’apuostuli dhani;
    con gli apostoli compresi;

    ‘na vota l’annu la vaju a visitari,
    che si ripeta ogni anno.

    e dieci juorni duoppu l’Ascinziuoni
    E dieci giorni dopo l’Ascensione

    cìtuli, ceramiedhi, sciali e suoni,
    (una festa in mio onore) con canti e suoni.

    ‘nu sparamientu mu ‘ndi fa trimari.
    Una manifestazione strabiliante;

    E di lu ‘mpiernu liberu dimuoni,
    libererò i demoni dall’inferno

    e li malati si ‘ndi vannu sani.
    e guarirò i malati.

    Beatu cui di stu santu ava divuzziuoni,
    Beati i devoti di questo Santo

    lu paradisu non ‘nci pò mancari!
    saranno compensati con il paradiso.

    E cui la dìcia tri buoti la notti,
    A chi recita (questa nenia) tre volte di notte

    non pò muriri di mala morti.
    non cadrà in malasorte

    Cui la dìcia tri buoti la dia,
    Chi la recita tre volte al giorno

    va in paradisu cu Gisù e Maria.
    andrà in paradiso con Gesù e Maria.

    E cui la dìcia di vènnari addìjunu,
    Chi la recita di venerdì a digiuno

    ava quindici anni di pirdunu.
    Avrà quindici anni di perdono.

    E cui la dìcia e cui la vò sintiri,
    Chi la recita a chi la vuol sentire

    peni di ‘mpiernu non pò patiri.
    le pene dell’inferno non potrà patire.

    Candili d’uoru e candili d’argientu
    Candele d’oro e candele d’ argento

    a vui, San Brunu mio, vi li prisièntu.
    a voi San Bruno mio, vi offro.

    Candili d’uoru e candili d’argientu
    Candele d’oro e candele d’ argento

    a vui, San Brunu mio, vi li prisièntu.
    a voi San Bruno mio, vi offro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: