• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    maggio: 2015
    L M M G V S D
    « Apr   Giu »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 344 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

Contemplazioni mariane di Guillerand IV°

Contemplazioni mariane  IV°

di Dom Augustin Guillerand

copertina guillerand

 

Stabat Mater 

Gesù , Verbo Incarnato , riproduce il Padre . E’ lo specchio in cui possiamo vederlo , egli è l’immagine perfetta in cui il Padre si riconosce : <<Chi mi vede , vede il Padre >> (Gv. 14,9) .
Questo è Gesù : un riflesso , riflesso ideale che non è che una cosa sola con l’oggetto che riflette ; un riflesso posto fra noi e questo oggetto , in modo che tramite suo noi lo si possa conoscere .
Il Padre però ha voluto ci fosse , tra noi e questo riflesso , in intermediario , un’altra immagine più vicina a noi , che riceva nella perfezione le sue sembianze e ce le trasmetta . Perchè questo secondo intermediario , questo specchio più ravvicinato ?
Non si discute Dio nè la sua volontà . Si accetta ciò che stabilisce , lo si adora….e in seguito si tenta , nella sua luce , di intravedere le bellezze dei suoi disegni , sicuramente meravigliosi . Ogni altro atteggiamento dell’animo non è cristiano o lo è in modo insufficiente .
La vita di Gesù e la vita di Maria , l’animo di Gesù e l’animo di Maria << sono una sola cosa >> ; essi hanno vissuto senza sosta l’uno dell’altra , l’una per l’altro ; trovare l’uno significa raggiungere l’altro . Vederli così , vicini nell’accostamento delle loro anime , vuol dire conoscerli meglio entrambi .
In Dio , infatti , tutto e tutti si rischiarono a vicenda . In queste due vite c’è un culmine : il Calvario .
La loro storia , semplice come il loro animo , in questo momento si delinea con maggiore precisione . Essi vi appaiono esattamente in questo rapporto : l’uno davanti all’altro , in atteggiamento di comunicarsi tutto ciò che essi sono ; l’oggetto divino davanti allo specchio ; l’uno in piena luce , staccato dalla terra , stagliantesi nel cielo , al di sopra del mondo e degli uomini , mentre li raduna per elevarli con Sé ; l’altra ancora sulla terra , mescolata agli uomini , ai quali deve mostrare quanto riceve , preoccupata unicamente di ricevere perchè l’immagine risulti perfetta .
<< Vicino alla Croce di Gesù stava Maria , sua Madre >> (Gv. 19,25) .
Maria guarda e segue tutto , per ricevere tutto .
Questo è uno dei significati delle parole << vicino alla Croce >> .
Ed è una delle ragioni di questa posizione che l’attenzione cristiana ha giustamente notato : in piedi e vicinissima . Ella non deve perdere né un movimento , né un dolore ; non sarebbe più in grado di riprodurre perfettamente .
E’ abituata a mantenere fisso il suo sguardo , senza distoglierlo né rivolgerlo altrove ; questo sguardo è stato la sua vita . Se fosse cessato , avrebbe anch’ella finito di vivere .
Questo sguardo è stato fissato attraverso l’Immacolata Concezione ; l’Angelo l’ha salutata quando l’ha definita
<< piena di grazia >> ; la tenerezza materna ne ha accresciuto incessantemente la fissità intensa ; la Passione , il desiderio di compatire….e di compatire per conservare , prolungare , trasmettere , far rivivere , fondare una nuova famiglia , dare dei fratelli a Gesù e dei figli a suo Padre , rappresentano in quell’istante , per questo sguardo , un qualcosa che nessuna parola può esprimere .
Per Maria , in quest’ora , il raggio divino , attraverso questo supplizio , questa croce , quest’abbandono così completo , è un raggio diretto , la luce è scintillante , è la Luce stessa…
L’oggetto divino è senza veli : non gli rimane che questa donna , che non è un ostacolo , certamente , e che , d’altronde , egli si prepara a donarci . Più nulla di creato ; fino a questo momento , il creato non l’ha occupato , ma avvolto . Anch’egli , per noi , toccava col piede il suolo e viveva la nostra vita , così come farà ancora Maria , sempre per noi , per qualche anno .
Ora , è il momento del passaggio , del ritorno . Egli si allontana , si distingue da tutto ciò che è tenebre ; si eleva al di sopra ; è in piena luce ; si fissa in essa ; lo sostiene la croce un tempo oscura e oramai risplendente di lui per tutti i secoli .
Di fronte a questa luce , a questo splendore , Maria sta << ai piedi della Croce >> .
E’ questo ch’Ella vuole riprodurre perfettamente e mostrarci e generare in noi , è la Luce che illumina la vita e vivifica tutto e tutti : << Colui che mi segue non cammina nelle tenebre , ma avrà la luce , che è vita >> (Gv.8,12) .
Maria guarda questa Luce , se ne colma ; essa non è più che uno specchio che la riflette , così come Gesù riflette suo Padre , luce-riflesso , la luce dei tempi in cui il Sole di giustizia illumina di lontano e di sbieco , attraverso gli immensi spazi della fede , che è notte oscura .
Divenendo riflesso , finisce di generare , di essere madre .
Anche se Giovanni , che ha seguito ogni cosa , compreso tutto , voluto tutto , vissuto tutto , insiste nel ricordare il suo titolo :<< Vicino alla Croce di Gesù, stava Maria, sua madre >> .
E’ l’ultima volta ; senza distaccare lo sguardo da lui , per mostrarlo a noi , diviene << LA MADRE DEGLI UOMINI >>.
<< STAVA >> . San Giovanni fa largo uso dell’imperfetto , il tempo impreciso che si prolunga dal passato al futuro , sino alla durata eterna , e sembra partecipare di entrambi .
Gli studiosi mi daranno dotte spiegazioni di questo fatto . Io preferisco le ragioni semplici e contemplative che , sole , sono all’altezza di un’anima come quella di San Giovanni .
<< Ella stava >>, rimaneva là , a lungo ; prolungava , sosteneva quello sguardo e quello sguardo la sosteneva . Non aveva alcun altro sostegno , e quello le era sufficiente in ore così lunghe e crudeli . Erano davvero lunghe e crudeli , quelle ore ? Sì , indicibilmente ; tuttavia erano , nello stesso tempo , dolci e brevi , perchè Maria era unita .
Strano mistero contro cui mi trovo ad urtare ad ogni momento , quando mi pongo di fronte a loro : sofferenze senza nome e una gioia ancor più profonda !
Mai la loro unione era stata più completa e profonda e così intimamente dolce . E’ il risultato di tanti fatti , di tante azioni , di tante ore d’amore ! Oso appena pensarci .
Vedo levarsi davanti alla mia immaginazione gli anni che hanno preceduto l’Incarnazione….., poi quelli che hanno seguito il periodo di gestazione , in cui egli fu veramente per lei sola .
San Giuseppe stesso – sì , persino San Giuseppe – non suppone la celeste presenza .
Poi i trent’anni dell’esistenza terrena . Tutto aveva per scopo quell’istante , quello << STABAT >>per lei , quella Croce di Gesù….
Tra di loro è nata una comunione che non vuole morire , non può finire , deve proseguire , dev’essere feconda , una comunione che la separazione esteriore non può minacciare ; ed è questa comunione che Gesù consuma prima di morire .
E’ la VETTA della loro vita comune , quaggiù .
Essi l’hanno scalata assieme…lentamente , cioè con il passo di Dio , che non è né lento né rapido , ma giusto . E ancor ora , entrambi immobili , lui fissato alla croce , lei al suo Crocifisso , sono nel movimento , ridicono il loro << FIAT >> comune , che ha accordato le loro anime durante la loro vita .
<< Ella stava >> là , in piedi ed unita , in piedi perchè unita , dritta nel volere divino che è la rettitudine infinita , forte della sua forza .
Non ho più nulla da aggiungere : sento fortemente che tutta la sua anima è là , in quel volere che li lega l’uno all’altro e al loro Principio….e che tutto è là !.

Augustin--Maxime--Guillerand

Dom Augustin–Maxime–Guillerand

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: