• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    maggio: 2015
    L M M G V S D
    « Apr   Giu »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 344 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

Contemplazioni mariane di Guillerand V°

Contemplazioni mariane  V°

di Dom Augustin Guillerand

copertina guillerand

 

Ecco Tuo figlio 

Lo stesso Giovanni è fuggito al momento dell’arresto : << Avendolo abbandonato , tutti presero la fuga >>(Mt.26,56 – Mc.14,50) .
Non bisogna esagerare il carattere di questa fuga . E’ una debolezza , ma permessa , indicata e favorita dal divino Maestro . Egli ha detto << Prendete me , ma costoro lasciateli andare >>(Gv.18,8) .

Essi se ne sono andati perchè l’ha detto lui . Giovanni , mi sembra , è andato a trovare la Vergine . I suoi rapporti con lei dovevano avere da molto tempo un carattere particolare , da quando egli aveva conosciuto Gesù . Aveva amato la Madre nel Figlio , come il Figlio , ed era stato amato da lei con la stessa tenerezza . Al momento dell’arresto , egli dovette raggiungerla , e , probabilmente , lo fecero anche tutti gli altri . La Vergine e le pie donne non erano alla Cena , nella sala del pasto pasquale .
Ma non erano in una stanza vicina ? Comunque fosse , io m’immagino Giovanni che accorre in fretta , arriva per primo , come al sepolcro , e narra affannosamente dell’arresto del Salvatore .
Me lo immagino , ma non oso immaginare colei che è colpita dalla notizia .
Maria è il mare immenso davanti a cui le nostre diverse sensibilità possono , senza allontanarsi dalla verità , vedere ciò che meglio si confà loro .
La superficie – come quella del mare – ha potuto agitarsi , sollevarsi in tempesta . Perchè no , se questa tempesta era nel volere divino e liberamente , amorosamente , accolta da lei ?
La forza non consiste nell’impassibilità , né in un atteggiamento qualsiasi , ma nella sottomissione all’Amore .
Maria e Giovanni si sono affrettati ; lui l’ha sostenuta , ricoprendo già il ruolo di figlio che gli sarà ufficialmente conferito dopo qualche ora . Quando è cominciato il martirio dell’incontro ?
A me piace vedere Giovanni nel discepolo riconosciuto dal Sommo Sacerdote , che introdusse San Pietro nel palazzo nel corso della notte…..
Questo non è il mio nome : Giovanni si chiama << il discepolo che Gesù amava >> (Gv. 13; 23; 20; 2; 21; 7)…. Ai piedi della croce – questa volta i testi sono chiari : Maria e Giovanni sono là . << Gesù , avendo visto sua madre e vicino a lei il discepolo che amava… >> (Gv.19,26) .
Lo sguardo di Gesù li vede , incontra i loro sguardi . E la scena ha luogo , la scena semplice , ma così grande e decisiva per loro come per noi . Gesù la presiede . Domina il gruppo , così come domina ogni altra cosa in quel momento .
Egli è grandissimo : << Quando sarò innalzato in Cielo >> (Gv.12,32) , quando sarò al di sopra di tutto ciò che è terrestre , ha annunciato lui stesso .
<< E’ per questo che Dio l’ha innalzato e gli ha dato un NOME superiore ad ogni altro >> (Fil.2,9) .
Da questa posizione di preminenza egli parla e la sua parola , come sempre , è un atto ; essa crea ciò che dice , come ogni altra parola del Verbo .
Dice a sua Madre : << Donna , ecco tuo figlio >> .
In quel momento , nudo e spogliato di tutto , inchiodato alla croce che lo teneva senza peraltro possederlo , non aveva che sua Madre nel mondo e suo Padre nei cieli . Egli volle , per quanto gli era possibile , abbandonarli . Donò a noi sua Madre e , non potendosi separare da suo Padre , per amor nostro volle almeno provare questa impossibile separazione :
<< Padre mio , Padre mio , perchè mi hai abbandonato ? >> (Mt.27,46 ; Mc. 15,34) .
Non approfondiamo ulteriormente le parole di Gesù ; io parlo di ciò che possiamo comprendere , che è umanamente comprensibile , poichè queste parole hanno una profondità divina che è senza fondo . Meditandole a lungo , come facevano le anime serene dei secoli passati , scopriremo in esse ricchezze e profondità inusitate..
Questa donna che è qui , sotto i suoi occhi – << avendo visto>> – ai suoi piedi , vicinissima a lui , egli l’ha costruita completamente , è la sua Opera più bella .
Il mondo intero è suo : << Egli parlò e le cose furono create >> (Ps. 148,5) .
La Parola ha fatto tutto . Ma c’è un ordine , ci sono delle ordinate intenzioni in tutta la sua opera . Questa donna è la prima e la più amata delle sue intenzioni . Egli la vuole posta avanti ad ogni altra cosa e nella sua vita ch’egli regola in ogni dettaglio , vede e vuole soprattutto l’ora in cui la perfezionerà . Infatti , lei , come lui , non è ancora completa . C’è in essi come un prolungamento che deve iniziare alla Croce . E’ venuto il momento di iniziare in lei l’ultima opera che deve coronare tutte le altre .
Maria sta per riprendere , nel corso dei secoli , il concepimento spirituale che era stato proprio della sua prima parte di vita . Torna ad essere per lui la donna in cui e per cui egli nascerà in noi . Il concepimento fisico preparava questo concepimento definitivo , per cui il Verbo ha fatto di lei la sua stessa madre . Maria è quì veramente al culmine della sua vita e del suo compito , sulla sommità da cui si riparte , non per andare più in alto , ma per porre le basi dell’opera che dà un significato all’esistenza .
<< Donna , ecco tuo Figlio . E’ il discepolo che amo , non ha altro nome che questo, la sua caratteristica è quella di essere amato, rappresenta tutti coloro che amo >> .
Qualcuno può forse amare di più , ma è un altro aspetto della questione . Può darsi che un altro possa essere amato di più , poichè l’amore che si porta a Dio corrisponde a quello che si riceve da lui . Ma non si tratta di gradi d’amore , né superiori , né inferiori ; è questione di rappresentanza .
San Giovanni , ai piedi della croce , rappresenta coloro che Gesù ama ; è il discepolo amato e tutti quelli che Gesù ama sono in lui . Ciò che Gesù fa per lui , lo farà per i << suoi >> , fino alla fine del mondo . Fino alla fine dei tempi , i discepoli di Gesù – e in modo speciale le nature interiori , intime, contemplative , dolci , di profonda sensibilità – avranno con Maria queste relazioni di figli con la madre . Il Maestro comunicherà loro il suo spirito attraverso di lei . Lo comunicherà loro ai piedi della croce . Si troveranno a questo punto senza dover lottare o soffrire più degli altri . Ci si troveranno per un insieme di circostanze molto particolari e vi rimarranno con facilità…

Augustin--Maxime--Guillerand

Dom Augustin–Maxime–Guillerand

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: