• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    settembre: 2015
    L M M G V S D
    « Ago   Ott »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 344 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

La visione di Dionigi di Rijkel, il Certosino

La visione di Dionigi  di Rijkel, il Certosino

P05238

Ancora un dipinto di Vicente Carducho, che stavolta è dedicato a Dionigi di Rijkel. Rinomato monaco, originario dei Paesi Bassi, distintosi per la sua cultura e per la imponente mole di opere scritte. Fu denominato doctor extaticus, egli infatti incarnando i principali valori propri dell’Ordine di san Bruno come la meditazione, la preghiera nella solitudine della sua cella fu anche noto come Dionigi il certosino. In questo blog, diversi sono stati nel corso degli anni gli articoli a lui dedicati e riferiti a stralci di suoi meravigliosi scritti. Ma veniamo alla descrizione di questo splendido dipinto, che riassume la figura dell’alacre scrittore certosino. Al centro della scena, vi è Dionigi seduto allo scrittoio all’interno della sua cella, che ha sulle pareti una preziosa e ricca libreria, forse in riferimento alla sua colossale opera di quarantaquattro tomi.

Il monaco, sembra rapito da un estasi, raffigurata da un raggio prodigioso, proveniente dall’alto, che sembra ispirarlo. Sulla scrivania, un crocifisso, una clessidra ed un teschio richiamano la meditazione sul sacrificio cristico, lo scorrere inesorabile del tempo la conseguente caducità della vita. Come una folgorazione, alle spalle dello scrittore si irradia una visione del Padreterno che spesso accompagnava Dionigi mentre concepiva ed elaborava i suoi scritti. Per terra, in un angolo, altri elementi decorativi ma dal chiaro valore simbolico. Una pianta d’arancio con frutti e fiori bianchi, sinonimo di incorruttibilità, castità e  purezza valori certosini, a cui si aggiungono un gatto che gioca con una tartaruga. L’allegoria di questi due animali è da ritrovare nel male, il diavolo, rappresentato dal felino, che gioca tentando di distrarre e distogliere la testuggine, che rappresenta il lento ma costante percorso spirituale dei monaci all’interno della propria cella. Una rappresentazione molto eloquente, seppur celata da alcune simbologie, che esprimono cripticamente il vero significato di questa magnifica tela.

Puzzle

 

 
preview120 pieceLa visione di Dionigi di Rijkel, il Certosino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: