• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    settembre: 2015
    L M M G V S D
    « Ago   Ott »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 344 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

Riapre la certosa di Vedana, ma per girare un film

Riapre la certosa di Vedana, ma per girare un film

Certosa Vedana.

Riapre la certosa di San Marco, situata nel comune di Sospirolo a Vedana, che recentemente era stata chiusa. La comunità monastica femminile certosina difatti dalla fine del 2014 ha interrotto la vita monastica a causa della veneranda età delle ultime consorelle rimaste. La notizia della riapertura è da ricondursi all’utilizzo temporaneo degli ambienti monastici come set cinematografico. Dopo una lunga trattativa tra l’Ordine certosino, ancora proprietario del monastero ora inattivo, e la casa cinematografica bellunese Dual Frame Production che ne ha  richiesto l’uso per la realizzazione di un lungometraggio, il permesso è stato accordato Le riprese avverranno tra quest’estate e quest’autunno, e porteranno alla realizzazione di un film, ambientato nel periodo della Grande Guerra. La cornice della certosa di Vedana sarà utile per raccontare molto probabilmente i fatti storici accaduti in quel periodo all’interno della certosa. La gente del posto dovette subire l’invasione austroungarica dei propri territori, e affrontò con enormi difficoltà questa intrusione nemica, dal novembre 1917 al novembre del 1918. Un anno intero, meglio noto come ”an de la fan”, ovvero l’anno della fame poichè la penuria di cibo fu drastica e mietè molte vittime.

La gente si trovò di fronte ad emergenze inaspettate: fame, freddo, violenza delle truppe nemiche, morte, distruzione, spesso abbandono forzato delle case.

 Nella zona del Sospirolese, lo spettro della carestia venne lenito dal caritatevole aiuto dei monaci certosini di Vedana, i quali per attenuare le sofferenze della popolazione somministravano la  rinomata “minestra dei frati”. I certosini di Vedana , pur essendo chiusi nel convento come ordine contemplativo obbligato alla clausura, si impegnarono fin dall’inizio della loro presenza in quei territori, nell’assistenza  di poveri e pellegrini. Dal 1882 i certosini avevano ripreso possesso della certosa, distinguendosi, specialmente agli inizi del secolo, per l’opera a favore dei più bisognosi.

Ci sono ancora oggi, quelli che ricordano il piatto di minestra dato ai poveri che salivano alla certosa e ai viandanti che scendevano dalla valle del Mis, e quei monaci dall’aspetto angelico.

certosini a Vedana

Anche nel dopoguerra molti poveri sostavano a mezzogiorno fuori le mura del convento in attesa di ricevere l’agognato piatto della famigerata minestra. I frati, poi, mettevano a disposizione una carrozza per il trasporto degli ammalati e dei morti. Dentro le mura la vita pullulava di attività. Tra il convento e l’esterno vi era uno scambio continuo di prodotti e di conoscenze; furono i monaci i primi a dotarsi di un’incubatrice per la nascita dei pulcini. Ben diciassette specie di uva crescevano entro il convento e un numero cospicuo di mucche, fino a venti, veniva allevato assieme ad una grande quantità e varietà di animali da cortile. Dieci lavoratori erano poi occupati nel disbrigo delle faccende agricole.

La proverbiale saggezza dei frati sollecitava molti a rivolgersi a loro nei momenti di difficoltà per riceverne un consiglio.

Verrà nel film quindi sottolineato l’impegno monastico in quel momento di difficoltà, ma anche l’importanza dei rapporti della popolazione con i monaci, i quali divennero  il tessuto connettivo di quel territorio.

Risulta evidente che l’aiuto dei monaci e la certosa faranno da sfondo ad una storia che tratterà la tragicità degli uomini di montagna durante l’evento bellico ed alla realtà migratoria dei primi decenni del Novecento.

Riparleremo di questa pellicola, dopo la sua uscita nelle sale cinematografiche prevista per l’inizio del 2016, quando avremo l’opportunità di ammirare gli ambienti monastici certosini, nelle scene del film. Grazie alla Dual Frame Production, che solleverà, anche se per poco tempo, il complesso monastico dall’oblio.

cartolina

2 Risposte

  1. Che triste notizia, non ero a conoscenza che la Certosa femminile di Vedana era stata da poco soppressa!!
    Quindi nel nostro territorio Italiano, rimangono le due certose maschili, più quella di Dego, l’unica certosa femminile, che al contrario, mi sembra sia una comunità abbastanza giovane e le vocazioni non mancano!!
    Anche se poche, sono fiera ed orgogliosa che nel nostro paese, ci siano tre Certose, tra l’altro quelle maschili di grande importanza, soprattutto per l’Ordine Certosino, e per alcuni eventi che hanno segnato la nostra storia.
    Daniela

  2. Sono nato e cresciuto a Belluno a pochi chilometri da Vedana e questo luogo per me è particolarmente caro; ora quando ci ritorno, manca qualcosa, ma gli anni preghiere di questi monaci e monache hanno lasciato un segno indelebile

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: