• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    ottobre: 2015
    L M M G V S D
    « Set   Nov »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 344 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

Intervista a Dom Dysmas de Lassus

Intervista a Dom Dysmas de Lassus

Dom Dysmas de Lassus nel cimitero della Grande Chartreuse

Vi propongo oggi una recente intervista rilasciata da Dom Dysmas de Lassus, Priore Generale della Grande Chartreuse, al quotidiano cattolico francese “La Croix”. L’incontro è avvenuto in occasione della celebrazione dell’anno dedicato alla vita consacrata. Alle domande poste dall’intervistatore, Dom Dysmas risponde in maniera esaustiva tentando di farci comprendere i motivi e la natura di una scelta di vita così severa. Risposte semplici ma profonde, parole che ci fanno percepire lo spessore di questo Priore in grado di spiegare con un linguaggio comprensibile la complessa e profonda spiritualità certosina. Dissetiamoci da questa fonte di saggezza.

INTERVISTA

Nella diversità di scelta di vita consacrata, come è possibile caratterizzare i certosini?

Dom Dysmas de Lassus: Il modo certosino è radicato nel monachesimo dei Padri del deserto. Siamo monaci, con un enorme azione ordinaria come i benedettini ed i cistercensi. La nostra peculiarità è una maggiore enfasi sulla vita solitaria. Non siamo, tuttavia eremiti, dal momento che la parte di vita comunitaria è tutt’altro che trascurabile.

La vostra separazione dal mondo è particolarmente trincea …

Dom Dysmas de Lassus: E ‘vero, la nostra clausura è rigorosa, non è sempre facile da accettare. Noi non andiamo mai fuori dal deserto, salvo, in casi eccezionali, per la morte dei nostri genitori. Invece di spiegare, preferisco fare riferimento a Cristo, che si è ritirato per quaranta giorni nel deserto per pregare. Quando si parla di deserto, di questo noi parliamo. Ma due giorni l’anno, riceviamo le nostre famiglie negli alberghi.

Per quale motivo la solitudine non è più sofferenza? 

Dom Dysmas de Lassus: L’insistenza sulla solitudine non delude perché non è per noi come una condizione esterna e un mezzo. L’obiettivo non è la solitudine, ma piuttosto il suo contrario, ovvero la comunione. Tutta la nostra vita è costruita sulla relazione. Tutto è pensato per promuovere lo sviluppo della relazione con Dio, la comunione d’amore con lui. Se egli vive pienamente la sua vocazione, il certosino non è mai solo. Egli, resta vivo in solitudine, anche con questa comunione con Dio, necessita avere che alcune capacità, una forma di mente che è in grado di trasportare. E non è data a tutti.

L’austerità della Certosa, questo non è il mangiare, l’ alzarsi di notte, o il freddo, anche se questi aspetti sono reali. La vera austerità è la solitudine.I primi anni, l’intimità con Dio è ancora fragile e il deserto, dentro e fuori, a volte può essere sentito duramente. Ma ho sentito più spesso monaci che si lamentano di non avere abbastanza la solitudine che il contrario.

Nel silenzio, come non essere assordati dall’essere solo?

Dom Dysmas de Lassus: In un primo momento, ho necessariamente occupato molto spazio a fare un sacco di rumore. Rendere quiete le nostre forze interiori richiede tempo. Ma fin dall’inizio, possiamo già gustare un vero silenzio e ci si alla presenza della persona amata. Ed è questo che attirerà al vero silenzio perché questa comunione è così bella che rende il suono dei pensieri offuscata.

L’ addomesticamento è un’arte, che si tratti di un animale o del nostro zoo interiore. Non si tratta di distruggere o rifiutare, ma di guidare, per correggere, per aiutare le nostri forze interiori ed unirle verso la stessa direzione.

Voi vivete separati dal mondo, ma non in fuga. Come? 

Dom Dysmas de Lassus: Quando c’erano guardie nei fari, anche loro vivevano separati dal mondo, eppure rendevano un servizio a coloro che passavano di li senza vederli. Noi facciamo ciò che gli altri dovrebbero fare e non fanno: ascoltare il loro cuore per ascoltare la voce di Colui che ha dato loro la vita. Come uno splendido passaggio dei nostri statuti: “separato da tutti, a tutti siamo uniti perché questo è il nome di tutto ciò che ci troviamo al cospetto del Dio vivente. ”   

Noi siamo i custodi di una stazione di trasmissione sulla cima di una montagna. A quanto pare isolata, tuttavia vediamo passare di milioni di comunicazioni e persone che si collegano tra loro o con i satelliti sopra di esso. Mancherebbe qualcosa sulla Terra se non ci fossero gli uomini (tutti i contemplativi, non solo noi) che hanno donato la vita in questa comunicazione con il cielo, in nome di tutta l’umanità.

Che cosa percepite voi dal mondo?

Dom Dysmas de Lassus: Se mi consente darò una risposta maliziosa, direi: prima noi stessi. Voglio dire che gli uomini sono ancora uomini in qualsiasi parte del mondo vi troviate, compreso all’interno della recinzione di un monastero certosino. Quindi siamo un campione perfettamente normale e assolutamente tipici del mondo, lontano dalle immagini che circolano troppo spesso su di noi. L’essere umano, e che è l’essenza del mondo, e che qui da noi lo è al 100%.

Per quanto riguarda gli eventi, riceviamo la Croce  e alcune altre riviste. Il priore trasmette ai monaci le cose importanti. Materialmente, ci sono abbastanza giornali e le notizie che circolano, i testi del Papa, del nostro vescovo, il bollettino diocesano, etc. Non è necessario sentire ogni giorno in modo affinché il collegamento venga mantenuto. Il numero delle notizie è piuttosto limitato al fine di  non soffocare le cose più importanti in una moltitudine di cose secondarie. Seguiamo molto bene, per esempio, il dramma dei cristiani d’Oriente, il Sinodo sulla famiglia, l’Anno della vita consacrata e la misericordia, e tutto il resto della vita della Chiesa e del mondo.

Cosa direbbe ad un giovane che cerca di raggiungere voi? Qual è, dal tuo punto di vista l’aspetto fondamentale?

Dom Dysmas de Lassus: Se siete tentati, venite a vedere. La nostra vita non richiede qualità straordinarie. Ci sono persone tra noi che sono laureate ed altre che non hanno neanche il diploma. Ci sono persone solide e fragili. E ‘quindi sbagliato credere che la Certosa è riservato per gli individui eccezionali. E ‘vero, tuttavia, che solo un piccolo numero di persone è in grado di sostenere una vita solitaria, perché non avrà bisogno di qualità eccezionali, ma qualità molto specifiche. In realtà, solo l’esperienza può dire se vi sentite in armonia con la vita della cella o meno. Se non si hanno esigenze particolari ne intellettuale ne umane, non possiamo essere che un rifugio dalle difficoltà del mondo. Molti si rendono conto molto presto che questa vita non è per loro. Ma per coloro che hanno ricevuto la grazia, è un dono straordinario. Ok, c’è un prezzo da pagare. Ma in realtà non ho rimpianti: siamo dei privilegiati

Come perdurate nella vita consacrata?

Dom Dysmas de Lassus: Questa è la parte difficile oggi perché la fedeltà non è più un valore nella cultura attuale. Ogni giorno alla volta, perché riceviamo la grazia per oggi. La certezza incrollabile dell’amore di Dio, fiducia nel nostro Padre celeste, l’attaccamento del cuore a Gesù, la dolcezza discreta dello Spirito Santo, la protezione della nostra Madre del Cielo, ma anche la conoscenza di se stessi Allo stesso modo, il supporto di un padre spirituale, la capacità di ascoltare e di convertire, ben consapevole dell’immensità del dono che è stato fatto per noi: filiazione divina. E’ tutto ciò che ci permette di perdurare.

Il rischio più grande, dopo un po ‘è che il desiderio si affievolisce, e  ferma di crescere. Ci accomodiamo. Si diventa un vecchio ragazzoni cella .L’amore è una vita che parla. Come nel matrimonio, ci sono giorni difficili e ci sono giorni meravigliosi. Ma colui che ha compreso, anche solo parzialmente, cosa significa essere un figlio di Dio, non teme le difficoltà del cammino.

Come i certosini vedono i propri desideri?

Dom Dysmas de Lassus: Rinunciamo a tutti i desideri, ma per uno, il desiderio di Dio. Il rischio, che potrebbe farci correre al disastro, sarebbe quello di cercare la rinuncia del primo.

Cerca solo di distruggere i propri desideri poiché non darebbe modo di amare Dio. Il certosino che vorrebbe diventare esempio di ascetismo mancherebbe il punto. Con noi, lo sprint è inutile. Siamo come in una maratona. I nostri statuti dicono (§ 32, 2): “Nessuno ancora non si fida del suo giudizio: per chi non riesce ad aprire il suo cuore a un certo potere discrezionale rischio guide di cattiva condotta, a meno che non dovrebbe avanzare o correre troppo correre, o addormentarsi in forza di trascinare. “

Sappiamo che dobbiamo gestire i nostri anni di sensibilità. Nella solitudine, non  possiamo fare un dramma per niente. Un adagio classico tra noi certosini recita:“I novizi sono santi. I giovani monaci non sono santi, ma non lo sanno. Monaci maturi non sono santi e loro lo sanno. Ci sono vecchi monaci sono santi, ma non lo sanno. “

(articolo di FRÉDÉRIC MOUNIER) La Croix

Voglio altresì segnalarvi, che in concomitanza di oggi, 13 ottobre, giorno dedicato alla memoria liturgica di tutti i santi dell’Ordine certosino, ci sarà una pagina apposita che raccoglierá un Calendario ad essi dedicato.

2 Risposte

  1. I cannot tell you how much I enjoyed this interview!!

  2. Excellent reportage … grand merci!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: