• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    maggio: 2016
    L M M G V S D
    « Apr   Giu »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 344 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

La mia vocazione, la ricordo molto bene.

tLLa mia vocazione, la ricordo molto bene.

monaco de la valsainte

Dalla certosa svizzera di la Valsainte, ci giunge questa testimoninza di un Padre certosino, con un racconto che parte dal momento topico della comparsa della vocazione. Una dimostrazione di come la Divina Provvidenza abbia per ognuno di noi un disegno apparentemente contorto, ma in grado nel suo sviluppo di renderci felici.

Leggetela, spero vi piaccia!

Volevo confessarmi, ma non è avevo la forza.Per darmi coraggio, o meglio, per ottenere la grazia, sono andato a una piccola preghiera libera, dove c’era l’adorazione eucaristica, che si è conclusa a mezzogiorno.Ma sono arrivato quindici minuti prima della fine.A mezzogiorno, la suora che era lì in conclusione cantava una canzoncina, e la gente lasciava la cappella. In quel momento, un religioso mi si avvicinò e disse: Questo “Se si vuole, si può stare ancora … Questa è la chiave del tabernacolo, quando hai finito, chiudi il tabernacolo e metti la chiave qui.” credetemi fui sorpreso e molto toccato.

Poi cominciò la lotta interna di confessarmi.E ‘durata due ore.Ma io non mi potevo arrendere. Scoraggiato, ho chiuso la tenda e ho lasciato la cappella;nel corridoio, ho indugiato davanti a un piccolo dispenser con opuscoli, immagini sulla fede, etc. A caso, ho preso un volantino su Claire de Castelbajac, della quale avevo letto già una biografia. Ho letto che Claire prima di morire molto giovane, ha avuto una lunga preghiera a Lourdes, prostrata, che era tornò con un aria seria. Pochi giorni dopo il fulmine ha dichiarato la malattia che si sviluppò in fretta. è stato specificata la data di inizio di questa terribile malattia: Sabato 4 gennaio. Ma quel giorno che ho voluto confessarmi era anche un Sabato 4 gennaio.Ho sentito la terra cedere sotto i miei piedi.Ero sconvolto, ma senza capire perché.Come al solito, questo tipo di coincidenza mi lascia indifferente.Ora ero davvero commosso, per cercare di capire cosa mi stava succedendo, sono andato a nascondermi in un bagno pubblico nella piazza di fronte alla cappella.

Dopo alcuni momenti di pianto ora, improvvisamente, ho pensato di aver visto una porta aperta, sulla quale si affaccia una grande luce, con una chiesa nel mezzo. Ma ciò che mi ha colpito è stata la sua abitudine, il suo abito religioso. E ho pensato che tutto ciò stava accadendo a me, era una chiamata alla vita religiosa. Credo che non mi sono fermato più di cinque minuti nella toilette. Immediatamente, mi sono precipitato dal sacerdote – un carmelitano – che mi aveva confessato di recente. Ho subito fatto la mia confessione, e poi gli ho detto quello che stava succedendo, ma con molta cautela, perché io non mi volevo condizionare. Quando alla fine gli ho chiesto, con molta cautela, se pensava che potesse essere una vocazione, egli ha risposto con un sorriso: “Ma sai, mi aspettavo!” A questa risposta il peso di una tonnellata è caduto sul mio cuore, e ho pianto dentro di me:“Finalmente posso fare del bene a tutti in una volta!”

La spontaneità di questa reazione mi ha sorpreso profondamente.

Più tardi, ho trovato la stessa preoccupazione nella narrazione della vocazione di più persone chiamate alla vita contemplativa.Nella conversazione che seguì, il Padre mi ha chiesto se avevo un’idea circa la congregazione religiosa dove volevo andare. Senza pensare, ho detto, ma non sapevo quasi nulla su di loro, “Certosino!”. Solo questo: 3 o 4 anni fa, un amico mi ha spiegato che i certosini utilizzano cucchiai e forchette di legno nei giorni hanno preso i loro pasti insieme, senza fare il minimo rumore.Ho dimenticato il resto.Ma in quel momento mi sono reso conto per la prima volta che era gente che viveva solo per Dio. E io dissi: “Da quando abbiamo detto che Dio è così importante, allora questo è l’unico modo veramente coerente di vita.” Mentre aggiungendo: “. Ma in ogni caso è troppo alto per me,” e io non ci ho mai seriamente pensato, fino al 4 gennaio.

Due anni più tardi, eccomi qui in certosa. I primi giorni sono stati completamente scoraggianti.Tutto sembrava troppo difficile per me, e ho sentito che mai e poi mai sarei arrivato lì. Ho chiesto a Dio di farmi morire, di sfuggire a questa montagna di sforzo. Ma un giorno stavo riscrivendo questa “preghiera” (Vedo la sala dove è accaduto), una specie di gentilezza, il calore, la gentilezza, mi avvolse completamente, e ho sentito – senza parole, ma è stato molto chiaro: “. non si sa come andrà ma andrà bene” E ‘stato detto in un tono che non riesco a descrivere meglio che con la sola parola “padre”, ma nel vero senso , profondo, forte e gentile. Questo mi ha fatto decidere di compiere gli sforzi richiesti da questa vita esigente.

Ero debole, moralmente parlando, senza energia e piuttosto “amorfo“. Non ho mai avuto l’abitudine di fare sforzi o vincolarmi in alcun modo in discipline. Ho imparato qui, e ho sperimentato i benefici che ne derivano. Anche se non ho incontrato particolari difficoltà, lo sforzo di adattarsi alla vita certosina mi è costato molto, a causa della mia mancanza di energia. Ho spesso avuto l’impressione di aver raggiunto il limite estremo delle mie capacità. Questo è durato per molti anni. Quello che mi ha sostenuto è stata la sensazione di essere davvero nel posto giusto stando nella mia cella, che ho tradotto come:“Anche se ho fatto dieci volte il giro del mondo, non potrò mai trovare un posto dove mi sento bene come qui. Per me, la felicità è qui, e non altrove. “

A questo punto, la questione non è stata: “Dovrei rimanere?“, Ma “Come si riesce a rimanere?“.E mi ha aiutato molto, perché anche se questa certezza di essere al mio posto non rimuove le difficoltà, è ancora un vantaggio di sapere che sono sulla strada giusta.

Quello che mi ha fatto rinascere, è l’esempio di Teresa di Lisieux. La conoscevo un po ‘, ma non mi ero reso conto di quanto nella sua vita aveva fatto bene. E io dissi: “Bene, io sono debole e non vivo molto lontano dall’essere cristiano. Ma io sono ancora giovane, Dio è buono, e se posso fare del bene fintanto che posso, quindi lo voglio. “Sapevo che avrei lottato e sofferto tremendamente, e che ero lungi dall’essere grado.Ma ho avuto anche nel mio cuore questa certezza: “Se io sto facendo tutto il possibile, con la migliore volontà che posso fare, sarà Dio stesso che mi aiuterà a farmi riuscire. Mi sosterrà nei guai.

Posso dire che la mia aspettativa non fu tradita. Ho avuto tutto da imparare, e spesso mi sono rotto il naso. Ma quando, nonostante tutto l’aiuto la mia comunità, stava diventando troppo per me, Dio è sempre intervenuto. Dio esiste, Egli è Padre, Egli può e ci renderà felici. In precedenza, ho pensato che queste erano le opinioni degli altri, ora so per esperienza che questo è vero. Ecco perché non ho paura del futuro. Anche se sono un po’ preoccupato a causa della crisi delle vocazioni (di cui soffrono come tutti gli altri ordini) è ancora la fiducia a prevalere.

(un Père Chartreux de la Valsainte)

 

2 Risposte

  1. Ai se eu podesse voltar atras!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: