• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    novembre: 2016
    L M M G V S D
    « Ott   Dic »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 344 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

Ognissanti

Ognissanti

funzione

Oggi nella festività di Ognissanti, vi offro questa splendida omelia scritta da “un certosino” e rivolta alla sua comunità. Apprezziamo e meditiamo sull’essenza di queste parole.

Oggi la Chiesa riunisce nella stessa lode il Salvatore ed i salvati, da Maria Santissima all’ultimo peccatore sulla terra lavato con il sangue di Cristo. Festa di Ognissanti, festa della Santità alla quale siamo chiamati. Questa celebrazione della pasqua dei santi che sono entrati nella santità di Dio, potrebbe essere per noi, oggi, un’opportunità di rinnovare con generosità la nostra aspirazione alla santità.

La Chiesa ci insegna che la santità degli eletti si misura dal grado di carità, di umiltà e di contrizione che raggiungiamo nel momento in cui lasciamo questo mondo, momento in cui si conclude il nostro cammino pasquale. Cioè, la santità di ciascuno di noi dipende dalla nostra aspirazione a Dio, dalla nostra aspirazione alla santità, dalla nostra vita santa. La nostra aspirazione alla santità, ossia, alla vita con Dio, ha come motivo e l’ispirazione essenziale, l’aspirazione a Dio stesso o alla sua volontà divina.

Ecco la prima ragione per cui dobbiamo aspirare alla santità di vita: l’amore infinito di Dio desidera e vuole ardentemente la nostra salvezza. Dio vuole che ci salviamo e che siamo santi, che addentriamo nella sua santità, condividendo con Lui la beatitudine della sua santità. Più volte nel corso millenaria della Sua rivelazione, Dio ha detto: “Santificatevi e siate santi, perché io sono santo” (Lv 11,44). Dio parlò a Mosè: “Parla a tutta la comunità degli Israeliti e ordina loro: Siate santi, perché io, il Signore, Dio vostro, sono santo” (Lv 19,2).

La nostra santità, la nostra felicità eterna è l’unico desiderio del cuore di Dio, possiamo dire. Dio ci chiama alla santità. E Gesù non dirà un’altra cosa: “Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste” (Mt 5,48). Dio trova la sua soddisfazione, la sua gloria nella nostra santità. Non dimentichiamo questo! Il nostro cammino pasquale porta un’immensa gloria a Dio, nostro Padre. È una verità molto consolante. Ogni grado di santità, se così possiamo dire, ogni sacrificio, ogni passo che diamo nel cammino pasquale, ogni virtù o atto di amore sarà per sempre una gloria a Dio ed a noi, grazie alla Sua infinita generosità.

È per noi un’ambizione legittima lavorare in preghiera, obbedienza e umiltà, con tutte le nostre forze per partecipare di questa lode che Dio riceve della gloria dei Santi. Dobbiamo aspirare alla santità della nostra vita, aspirare ad essere parte di questa comunità di eterna lode, in cui Dio, a causa della sua generosità paterna, mette la sua compiacenza divina. È per noi motivo di meditazione e fedeltà: non accontentarci di una perfezione mediocre. Il nostro obiettivo è, al contrario, incessantemente corrispondere il più perfettamente possibile al desiderio ineffabile di Dio: “Santificatevi e siate santi, perché io sono santo”. Beati noi, se sappiamo abbandonarci senza riserve a questo desiderio divino: “Questa infatti è la volontà di Dio: la vostra santificazione” (I Ts 4,3). Beati coloro che producono grandi frutti e glorificano il Padre celeste. Gesù stesso dice: “In questo è stato glorificato il Padre mio, che voi portiate molto frutto” (Gv 15,8). Sono i frutti della santità di vita.

Affidiamo a Maria Santissima, la prima degli eletti, la nostra umile aspirazione alla santità e alla sua realizzazione.

Amen.

4 Risposte

  1. Obrigado, que Deus vos ajude!

  2. Amén! y Feliz día de Todos los Santos!

  3. Un giorno ci ritroveremo in Cielo con i nostri amati fratelli certosini. Preghiamo per loro e facciamoci raggiungere dalle loro preghiere,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: