• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    novembre: 2016
    L M M G V S D
    « Ott   Dic »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Lo scherzo dopo la morte

50-cartujo-anglada-por-purgatorio

In questo mese di novembre, principalmente incentrato sul tema della morte, voglio narrarvi questa storiella realmente accaduta in una certosa. Si tratta della vicenda legata al trapasso di un certosino di nome Anselmo, ma dal risvolto simpaticamente umoristico. Ma vediamo perchè.

La narrazione viene fatta da un cugino del religioso, il quale avvisato dalla sorella a sua volta informata dal Priore della certosa di Miraflores della dipartita del loro congiunto, decidono di recarsi al monastero per rendergli omaggio con un ultimo saluto. La comunità monastica diede il permesso ai due parenti di Fratello Anselmo di poterlo vegliare per tutta la notte all’interno della sua cella. Nel viaggio per recarsi a Burgos, il cugino rievoca la vita del defunto ricordando come fu un eccellente studente dapprima di Filosofia e successivamente di Ingegneria. Ricco di famiglia, brillante, e di carattere molto gioviale, nel 1970 ricevette una cospicua dote familiare, che decise di investire in una azienda farmaceutica nella quale fui coinvolto personalmente. Dopo alcuni anni, siccome era molto esuberante e pieno di idee, decise di riconvertire l’azienda alla vendita di piccoli elettrodomestici. Finchè un giorno mollò tutto, me e l’azienda per recarsi negli Stati Uniti per insegnare Filosofia in una Università. Al ritorno in Spagna, divenne direttore di produzione di un laboratorio farmaceutico, e purtroppo i nostri incontri si diradarono e non avemmo modo di incontrarci spesso.

Un giorno poi, improvvisamente, fui contattato da lui che, sorprendentemente, mi comunicava di sentirsi chiamato dallo Spirito Santo e pertanto aveva deciso di abbracciare la vita monastica entrando nella certosa di Miraflores a Burgos.

Io rimasi impietrito e senza parole!

Mio cugino Anselmo aveva deciso di vivere il resto della sua vita tra le mura monastiche, dove poi fece la professione come fratello converso, in silenzio e solitudine, elevando le sue preghiere e contemplazioni alla ricerca di Dio.

Terminato il viaggio per Burgos, ero curioso di vedere i luoghi dove mio cugino aveva vissuto gli ultimi anni della sua esistenza.

Giunti in certosa io e mia cugina, fummo accolti dal Padre Priore, il quale, dopo poche parole di circostanza ci ha condotti nella cella di Fratello Anselmo, dove il suo corpo giaceva su un lettino molto spartano.

Il mio sguardo fece brevemente una ricognizione in quella umile cella, scorgendo oltre al letto, un crocifisso ed una sedia sulla quale ci saremmo alternati noi due parenti per la veglia che avremmo fatto quella notte. Fummo lasciati soli con il defunto, e cominciammo a pregare in silenzio ed a meditare su quella scomparsa del nostro parente. In assoluto silenzio e nella penombra lentamente trascorrevano le ore, allorquando udimmo all’alba, il cigolare della porta della cella lasciata socchiusa che si apriva. Apparve la sagoma di un fratello converso con in mano una caraffa e due bicchieri grezzi di terracotta, in silenzio ce li porse, mentre la brocca contenente cioccolata bollente la depose sul ventre del defunto Anselmo. Con un gesto ci fece intendere che se avremmo gradito servircene avremmo potuto farlo, ma… nessuno di noi due scelse di prenderne. Rimasti nuovamente da soli, senza parlarci entrambi ci chiedevamo per quale motivo la caraffa fumante era stata posizionata sulla salma.

Dopo qualche minuto, il silenzio assordante fu rotto da un rumorosissimo ed enorme peto, una violenta flatulenza che fuoriuscì dal cadavere facendo vibrare l’addome tra il nostro stupore e spavento. Uscendo dalla cella incontrammo il Padre Priore, che ci tranquillizzò rassicurandoci che è una consuetudine da loro usata per i defunti al fine di consentire la fuoriuscita di gas intestinali prima della sepoltura.

cimitero

Rasserenati da quella notizia fummo condotti nel nel chiostro, dove in un angolo vi era il cimiterino della certosa laddove il povero Anselmo fu seppellito legato ad un asse di legno con il suo abito monastico,e con il cappuccio cucito. Fu poi interrato senza cassa di legno e ricoperto di nuda terra, sulla quale fu posta una croce anonima. Salutato il Priore, varcammo il portone della certosa con la consapevolezza che quanto accaduto quella notte aveva rischiato di farmi venire un infarto per lo spavento, ma poi risi pensando che era stato l’ultimo scherzo fattomi dal mio amato cugino buontempone. Uno scherzo dopo la morte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: