• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    novembre: 2016
    L M M G V S D
    « Ott   Dic »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 344 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

Una testimonianza dalla Corea

corea-1

Carissimi amici di Cartusialover, sono tante le testimonianze di coloro che mi contattano per poter esprimere e divulgare attraverso questo blog la propria esperienza vocazionale in una certosa. Questa volta il racconto ci viene da un amico, che ha trascorso un mese nella certosa coreana di Nostra Signora, mi invia una rara e dettagliata descrizione del suo vivere in certosa. Immagini inedite da lui inviatemi, impreziosiscono questo articolo.

Credo di poter affermare che questo desiderio di provare un esperienza tra i certosini era viva in me da più di un decennio. Ma sono riuscito a realizzarlo solamente lo scorso gennaio, quando ho vissuto il mio ritiro vocazionale di trenta giorni alla certosa di Nostra Signora in Corea del Sud.

Sono rimasto profondamente emozionato quando sono arrivato, perché era la realizzazione dei miei sogni.

In verità, il primo ed il secondo giorno sono stati una tortura! Il silenzio è mortale! Mi ero già fatto un idea sulla vita certosina leggendo articoli su internet e guardando il film “Il Grande Silenzio“. Al terzo giorno, mi ero già adattato alla vita claustrale. Ho apprezzato la solitudine nella mia cella fino all’ultimo giorno del mio ritiro.

corea5

 

Mi sono incontrato con il Padre Priore Jean Michel e la mia guida del ritiro, il fratello William di Corea. Ho anche conosciuto Dom Pedro, uno spagnolo. Credo che al momento del mio ritiro, nella certosa c’erano circa tredici monaci, tra cui il nigeriano anche egli in ritiro vocazionale.

In nessun momento mi sono confuso con gli orari e la routine quotidiana; infatti, loro mi hanno aiutato, ed io già li conoscevo attraverso le letture. Ci alzavamo alle sei del mattino per prepararci all’ufficio di Prima, e poi alle nove andavamo alla chiesa per la Messa conventuale.

Corea2.JPG

Una volta, il Padre Priore mi ha visitato in cella per vedere come stavo. Gli ho chiesto se potevo visitare la chiesa per pregare. Mi ha detto di non farlo, poichè è possibile lasciare la cella soltanto durante le preghiere della comunità, quattro volte al giorno. Esclamò: “Mai lascerai la cella senza il permesso, perché ti sei sposato con essa”. E così ho fatto.

Era anche la prima volta che sperimentavo l’inverno rigido; è stato divertente ed emozionante. Non mi importava il freddo e facevo la doccia tutti i giorni; una volta al mattino e una volta alla sera prima di andare a letto. Quando ho detto questo ai monaci, si sono impressionati, perché loro facevano per abitudine la doccia una volta solo alla settimana, dopo la consueta passeggiata il lunedì oppure a seconda delle condizioni del giorno.

La passeggiata è il giorno in cui possiamo parlare ed esplorare l’esterno, il cosiddetto spaziamento. È stato prezioso conoscere ciascuno dei monaci. Mi hanno dato consigli e ho imparato molto da loro. Amo veramente il modo di vita certosina. Credo che i certosini siano allenati per essere santi, e loro vedranno Dio. Noi siamo allenati a raggiungere la purezza del cuore e la povertà di spirito. Ho scoperto la felicità che si trova nel silenzio e nella solitudine della mia cella con il Signore. Questa profonda felicità non è paragonabile a nulla. Mi sono reso conto che la felicità spirituale è la chiave per la vera e completa felicità. Nonostante sia rimasto escluso dal mondo senza la mia famiglia,gli amici, internet,l’ elettronica, ecc, sono molto felice. Una felicità diversa, appagante.

Credo che la felicità sia penetrata in profondità nella mia anima.

Andavamo a dormire alle sette e mezza di sera e ci svegliavamo a mezzanotte per prepararci alla Veglia nella chiesa (il Mattutino). Ero sempre entusiasta di andare alla Veglia a mezzanotte. A volte mi svegliavo prima che suonasse la sveglia. Alla Veglia la chiesa rimaneva buia, illuminata solo dalla luce rossa del tabernacolo. Cantavamo senza strumenti. Mi è piaciuto tantissimo! Perché mi concentravo sul nostro Signore, mentre i fratelli cantavano le nostre preghiere. Mi sono reso conto che il mio profondo amore per la Messa tradizionale in latino mi ha aiutato, perché i certosini usano il latino nelle loro preghiere, anche se a volte usano il coreano e l’ inglese.

Corea3.jpg

Ogni giorno leggevo i libri. Credo che sia stata la seconda volta che ho letto un libro fino alla fine, perché, in realtà, io non leggo molto. Ma lì ho imparato e ho finito tre libri. Mi è stato anche affidato il compito di leggere la Bibbia, a cominciare del Pentateuco, e mi è piaciuto tanto!

Il mio compito manuale era quello di raccogliere legna per il riscaldatore. Era difficile, ma ci sono riuscito. E ogni giorno pulivo la mia cella. A volte il fratello William veniva a farmi visita e vedere come stavo, ma era una visita veloce e non potevamo parlare.

Corea4.jpg

Posso dire che è stata l’esperienza migliore che ho vissuto nella mia vita. È stata la realizzazione del mio sogno certosino, ho imparato a unirmi con Dio ed il mondo. Credo che sarò un certosino nel tempo di Dio. Spero che io possa avere ispirato altre persone con questa mia breve testimonianza.

Cosa aggiungere, al nostro amico vanno i miei ringraziamenti ed auguri per il suo futuro, sperando che esso sia tra le mura di una certosa.

Corea6.JPG

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: