• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    dicembre: 2016
    L M M G V S D
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 618 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


La vita interiore di F. Pollien Libro I


LA VITA INTERIORE

semplificata e ricondotta al suo fondamento

Dom François Pollien

copertina libro

LIBRO PRIMO

LA VOLONTA SIGNIFICATA

239. Perché la volontà significata è qui trattata prima della volontà di beneplacito, mentre nelle realtà viventi dell’ordine naturale, come in quelle dell’ordine soprannaturale, di fatto come di diritto, l’azione divina precede quella dell’uomo? Di fatto: se Dio non operasse per primo in me e per me, io non sarei e non avrei nulla, poiché tutto è di Dio. Di diritto: la sua azione deve animare e reggere la mia, nello stesso modo che la sua gloria deve dominare e produrre la mia felicità, poiché Dio è tanto padrone della mia vita quanto autore di essa. Logicamente, dunque, dovrei prima vedere ciò che egli riserva alla sua condotta, prima di considerare ciò che traccia alla mia. Ma, se è meno logico in sé, forse è più utile in pratica, affermare anzitutto la necessità e le regole della mia azione, per far così apparire meglio, contro ogni tendenza quietista, che la sottomissione a Dio nella pietà non è un’inerzia.

Due considerazioni generali riassumeranno la materia di questo libro. Anzitutto, le regole tracciate alla mia azione, per mezzo dei voleri divini; in seguito, la corrispondenza e la conformità della mia condotta alle leggi che le sono fissate. In altre parole: segni della volontà divina manifestanti ciò che è chiesto dal Maestro; pietà attiva mediante la quale il servo risponde agli ordini ed ai desideri del suo Signore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: