• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    novembre: 2017
    L M M G V S D
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Fratello Jean Ode

converso al lavoro

Fratello Jean Ode

Professo della Grande Chartreuse

Cinquant’anni di vita religiosa, contraddistinti da una puntualità immutata e da un lavoro ininterrotto, hanno reso questo buon fratello una figura notevole, degno di essere proposto come modello. Era professo di Mont Dieu, e non pensava che sarebbe mai uscito da lì, quando fu chiamato alla Grande Chartreuse, dove, secondo i costumi, ha rinnovato i suoi voti religiosi. Il Padre reverendo Dom Pierre Roux (1494-1503), dopo aver sentito le attitudini di fratello Ode, voleva rendersi conto da cosa poteva trarre da lui. Gli ordinò di aprire il sentiero di S. Laurent al monastero. L’impresa non era senza difficoltà o pericoli. Il nostro ingegnere è riuscito nell’arduo compito assegnatogli, tanto da risultare una via molto frequentata che è stata migliorata nel 1855. Si può ancora vedere sulla montagna numerose tracce del vecchio percorso. Il grande merito del coraggioso Fratello converso non è tanto di aver portato questa grande esplorazione alla fruizione di tanti, ma che è stato in mezzo a questo grande opera assolutamente padrone delle sue capacità interiori. La ragione è che è stato ispirato e guidato in tutto da un ammirevole spirito di fede e da un ricordo abituale alla presenza di Dio. Dopo mezzo secolo di questa vita regolare ed edificante, il fratello Ode si addormentò pio nel Signore, felice di aver speso molto per la sua famiglia religiosa, più felice ancora di andare in Paradiso. La sua morte è avvenuta il 12 gennaio 1509. Pochi mesi dopo, il Capitolo Generale ha inserito una nota di lode per questo ammirabile fratello..