• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    novembre: 2017
    L M M G V S D
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


La vita interiore di F. Pollien cap.IX

LA VITA INTERIORE

semplificata e ricondotta al suo fondamento

Dom François Pollien

copertina libro

CAPITOLO IX

RIEPILOGO GENERALE

538. Alleluia. Deo gratias. Amen. – 539. L’unità. – 540. La vita. – 541. Comandamenti alla mia portata. – 542. Via fa­cile. – 543. Preghiera.

538. Alleluia. Deo gratias. Amen. – Al termine della corsa, dando uno sguardo generale ai tre luoghi di idee percorse, io vedo emergere in ciascuna di esse un punto, come un faro luminoso. Nella prima, la gloria di Dio, che predomina come fine; nella seconda, il grazie che apre la via alle operazioni di Dio ed alle mie; nella terza, l’occhiata dell’esame di coscienza, che adatta alla grazia e dirige l’uso dei mezzi.

Per dare a ciascuno la sua veste liturgica, dirò che la prima si sintetizza nell’Alleluia, la seconda nel Deo gratias e la terza nell’Amen.

Alleluia, lodate il Signore, glorificate Dio. Anima mia, elevando questo grido dal tuo intimo, che puoi dire di più per formulare il tuo canto?

Deo gratias, grazie a Dio; grazie per quel che compie e per quello che domanda; grazie assoluto di viva conformità alla sua azione e direzione. Questo grazie è la formula più perfetta per conservarti e spronarti nella tua via, o anima mia.

Amen, col suo duplice significato di assenso e di affermazione. Amen, così sia, per tutte le sollecitazioni e gli impulsi della grazia. Amen, in verità, per dare all’occhiata il suo orientamento e la sua efficacia e porla nella luce di colui che si è chiamato: l’Amen, il testimone fedele e verace (cf. Ap 3, 14). Ecco dunque, anima mia, il motto per farti corrispondere ai mezzi di Dio, per illuminarti circa l’uso dei tuoi.

In queste tre esclamazioni della tua preghiera, tu hai il triplice segnale della tua pietà, che ti rammenta il tutto del tuo fine, della tua via e dei tuoi mezzi.

539. L’unità. – Ed ecco in che modo la pietà è ricondotta all’unità del fine, della via, dei mezzi, di tutto. Non vi è che un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo, dice il grande apostolo. Non vi è che un solo Dio e Padre di tutti, che è sopra di tutti e verso il quale dobbiamo elevarci; che è in noi tutti per elevarci a lui; e che si serve di tutte le cose come mezzi per condurci a lui (Cf . Ef 4, 5-6).

Com’è facile a un’anima che ha compreso ciò, progredire con questo mezzo, su questa via, verso questo fine! La pietà così compresa, così liberata dalle molteplici complicazioni, nel cui dedalo ci si smarrisce troppo spesso, non è forse alla portata di tutte le anime avide di perfezione? Essa mi appare grande, è vero, infinita come Dio, ed io vedo un po’ meglio l’estensione di quella sentenza del Salvatore: « Siate dunque perfetti come perfetto è il Padre vostro celeste » (Mt 5, 48). Quanto è semplice questa grandezza nella sua unità!

540. La vita. – Qui dunque l’unità è dappertutto, come pure la vita. Il capitolo che apre e spiega la prima Parte è intitolato: La vita. In realtà, che cosa ho io fatto nei quattro libri che compongono questa prima Parte, se non meditare sugli elementi, sull’ordinamento, sulla crescita e sul coronamento della mia vita? La seconda Parte mi ha mostrato le vie della vita; i mezzi di essa costituiscono l’oggetto della terza Parte. L’opera intera è intitolata: La vita interiore. Questa, infatti, ho cercato continuamente e senza tergiversazioni. Ho cercato la vita nelle sue sorgenti; ma la vita con Dio, interiore, non la vita di agitazione esteriore, la quale, separata da lui, non è che lo sciupio dell’esistenza.

Mio Dio! da questa meditazione mi sembra di aver attinto un vero desiderio di vivere, ossia di crescere sempre e con tutti i mezzi. Conoscere, ma in voi, per mezzo vostro, per voi; crescere continuamente, senza riposo, fino all’eternità del riposo nella pace.

541. Comandamenti alla mia portata. – « Questo comando che oggi ti ordino non è troppo alto per te, né troppo lontano da te. Non è nel cielo, perché tu dica: Chi salirà per noi in cielo, per prendercelo e farcelo udire sì che lo possiamo eseguire? Non è di là dal mare, perché tu dica: Chi attraverserà per noi il mare per prendercelo e farcelo udire sì che lo possiamo eseguire? Anzi, questa parola è molto vicina a te, è nella tua bocca e nel tuo cuore, perché tu la metta in pratica. Vedi, io pongo oggi davanti a te la vita e il bene, la morte e il male… Scegli dunque la vita, perché viva tu e la tua discendenza, amando il Signore tuo Dio, obbedendo alla sua voce e tenendoti unito a lui » (Dt 30, 11-20).

542. Via facile. – « Ci sarà una strada appianata e la chiameranno Via santa; nessun impuro la percorrerà e gli stolti non vi si aggireranno » (Is 35, 8).

Ecco davanti a me questo sentiero della perfezione, ecco questa grande via della santità. Pochi sono quelli che sanno trovarla (cf. Mt 7, 14), poiché colui che è ostacolato dalla ricerca di se stesso e delle creature non la conosce affatto. Batte le vie molteplici e difficili delle creature, ma ignora la via di Dio (cf. Sap 5, 7). Questa non è difficile; è unica, diritta, breve, facile, sicura. Vi si può camminare senza timore, avanzare senza pericolo. Non si richiede né la sagacia del giudizio, né l’abilità dell’esecuzione. Il più semplice, il più ignorante, il più stolto stesso, non corre rischio di smarrirvisi. Essa è alla portata di tutti. Ascoltiamo dunque tutti il consiglio del saggio Tobia: « In ogni circostanza benedici il Signore e domanda che ti sia guida nelle tue vie e che i tuoi sentieri e i tuoi desideri giungano a buon fine » (Tb 4, 19).

543. Preghiera. – Mio Dio, Padre della mia vita, fate che, in tutta la perfezione accessibile al mio essere, oggi e tutti i giorni della mia vita, docile alla grazia del vostro Spirito Santo e fedele ai miei mezzi di santificazione, resti incessantemente conforme alle disposizioni della vostra Provvidenza ed esatto nei doveri del mio stato, affinché per voi prima di tutto, e per voi solo, io cresca in Gesù Cristo, mediante l’operazione della verità nella carità, e mi rallegri della somma ed unica gloria del vostro nome.

Così sia.

ATTENZIONE: Da oggi nella sezione Download è disponibile l’intero libro di  Dom François Pollien “La vita interiore, semplificata e ricondotta al suo fondamento” in formato PDF da poter scaricare.