• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    novembre: 2018
    L M M G V S D
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 618 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


La nostra grande eredità

– La nostra grande eredità –

videoreportage sulla

Certosa di Porta Coeli

Porta Coeli

Cari amici lettori di Cartusialover, ecco oggi per voi due brevi video tratti da un reportage sulla certosa spagnola di Porta Coeli. Il documento filmato fu realizzato nel 1991 per il programma televisivo “Pueblo de Dios” dalla emittente nazionale spagnola TVE1. La trasmissione comincia con una breve introduzione, ovvero “punto di vista” di J. Martin Descalzo, sull’Ordine certosino ed il suo fondatore San Bruno. A seguire il reportage all’interno delle mura certosine, fatta di immagini talvolta davvero preziose, come il fratello maniscalco alle prese con un incudine oppure il fratello che si dedica allo stirare i panni, oppure il funzionamento della tabula hebdomadaria. Gli ambienti monastici vengono descritti dallo speaker che descrive anche i momenti salienti della vita claustrale certosina. A seguire una simpatica intervista al priore dell’epoca, Dom Isidoro Maria Alonso, in essa egli ci spiega aneddoti reali ed inventati circa alcuni luoghi comuni attribuiti erroneamente ai certosini. Singolare la spiegazione dello stratagemma che ogni monaco ha escogitato, come una utile abitudine, per non riaddormentarsi dopo essere svegliato dalla campana per il Mattutino. Dom Isidoro, dopo aver risposto alla domanda dell’intervistatore sul sonno interrotto per l’ufficio notturno, ci svela un simpatico aneddoto. Ogni monaco dovendo rispondere alla campana della sveglia con un colpo di un bastone dato alla porta della cella per assicurare il fratello addetto alla sveglia di essersi realmente svegliato, onde evitare di riaddormentasi posiziona il bastone distante dal letto, così facendo è costretto ad alzarsi e quindi a svegliarsi.

Che sagacia!

Il filmato procede nel mostrarci immagini relative alla professione di Juan Jesus Zaldumbide Viadas alla presenza di alcuni familiari, ed in seguito la cerimonia di presa d’abito di due giovani novizi, uno spagnolo ed uno portoghese, e con la relativa formula per l’assegnazione della cella letta dal Padre Priore. Sono immagini di non perfetta qualità, ma che ritengo siano preziose ed interessanti per tutti coloro seguono con ammirazione e con interesse questo blog sull’ universo certosino.

Buona visione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: