• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    dicembre: 2018
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Un aneddoto su Praga

certosino a san vanceslao praga

Con l’articolo di oggi, un pò bizzarro, voglio dare una risposta ad un amico lettore della Repubblica Ceca che mi ha posto recentemente un quesito. L’oggetto della sua curiosità, riguarda una delle figure poste alla base della statua equestre situata in piazza San Venceslao a Praga. Il monumento in statue bronzee, dedicato principalmente al santo protettore della Repubblica Ceca il duca di Boemia Venceslao I, è situato nell’importante piazza omonima del quartiere di Nové Město a Praga.

La statua attuale è del 1912 e insieme al principale santo patrono a cavallo ci sono, più in basso sui quattro lati gli altrettanti patroni della Repubblica Ceca

(Santa Ludmilla e San Procopio davanti, S. Adalberto e SantAgnese dietro).

Sullo zoccolo si possono leggere delle parole che i cechi hanno sempre invocato nei momenti di difficoltà:“San Venceslao, duca di terre ceche, nostro principe, Non permettere il nostro perire e quello dei nostri figli”.

Fin qui la descrizione di questo importante monumento nazionale, ma quale è il dilemma del nostro amico lettore ceco?

Ebbene, una delle due figure poste anteriormente, esattamente quella raffigurante San Procopio di Sázava è stata scolpita vestita con l’abito certosino!

Ma che nesso c’è tra questo patrono ceco, abate boemo e fondatore di un abbazia nel IX secolo?

Nessuno….è la risposta.

L’unico “collegamento” plausibile è che anch’egli ha condotto una vita eremitica, ma oggettivamente un po pochino per giustificare l’abito certosino. L’amico che mi ha contattato per dissipare i suoi dubbi, aveva ritenuto che l’autore della statua, avesse voluto ricordare la persecuzione subita dai certosini di Praga, con la successiva distruzione della certosa di Mariengarten.

Dopo una ricerca storica credo di poter affermare che trattasi di un errore grossolano, commesso dall’autore della statua, che rappresenta una curiosità sulla quale è stato interessante approfondire ogni aspetto. Se ci fosse qualcuno tra voi che ha una spiegazione diversa, suffragata da elementi storici, non esiti a contattarmi e comunicarmelo. 

certosino piazza san venceslao praga