• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    dicembre: 2018
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


“Meditationes”

copertina

266. Come la fanciulla della fiaba è venuta meno guardando fisso il sole, cos’ è accaduto a te guardando le forme dei corpi, che necessariamente periscono, e considerando le opinioni umane.

267. Gli uomini si sforzano di costruirsi da sè una vera gioia o una vera beatitudine, come se esse non esistessero già o come se fosse possibile produrle, mentre esse sono le sole a esistere veramente e non possono essere in alcun modo fatte dagli uomini. Ora, è la stessa cosa costruirsi da sè la beatitudine e un Dio o credere che non c’è nè beatitudine nè Dio.

268. Come essere unito a Dio è per te tutto il tuo bene (Sal72, 28) , Allo stesso modo essere separato da lui è per il solo vero male, e nient’altro. Ciò è per te la geenna, l’inferno.

269. L’ignoranza è la causa della pace terrena. Infatti, se tu conoscessi perfettamente il valore dei beni di questo mondo, mai cercheresti di acquisirli per goderne e riposarti in essi.

270. Conoscere, lodare, stimare grandemente, amare, ammirare, rispettare, gioire di qualcosa come di un bene: tutto ciò torna a profitto o è nocivo a colui che lo fa. Ogni uomo, infatti, è giudicato buono in base a ciò che ama e che stima di grande valore. Pertanto, essere conosciuto, lodato e stimato non è di giovamento a colui che è conosciuto e amato come buono, ma a chi agisce veramente da persona buona. Quale vantaggio ha il sole per il fatto che tutti lo ammirano? O quale profitto trae il miele dal fatto che tutti lo amano?