• Translate

  • I Fratelli Certosini

  • Memini, volat irreparabile tempus

    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr   Giu »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 489 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


  • I.F.S.B.

Disapproviamo

Dom_Dysmas_1

Lo scorso 12 maggio sul sito ufficiale dell’Ordine certosino è apparso un comunicato, a firma Dom Dysmas de Lassus. Per dovere di cronaca, ho ritenuto opportuno tradurlo dal francese ed offrirvene la lettura, al fine di diffonderne la notizia. Il comunicato dal titolo Disapproviamo, è una replica, una puntualizzazione, ad un articolo apparso il 10 maggio scorso sul quotidiano cattolico francese La Croix. Ecco per voi, di seguito il testo del Reverendo Padre, Priore della Grande Chartreuse.

Cerosa di Selignac.jpg

Disapproviamo

Noi disapproviamo formalmente il contenuto dell’articolo de La Croix apparso il 10 maggio 2019, che riportava un’intervista a Bertrad e Marika Thomas ed altre persone, che si è svolta nella certosa di Sélignac, una certosa che oggi non è più abitata da una comunità monastica. Le persone che parlano in quest’articolo sono le uniche responsabili delle loro affermazioni che non riflettono assolutamente il pensiero dell’Ordine. Ciò dovrebbe essere scontato, ma l’inizio dell’articolo, che sottolinea in particolar modo il luogo dell’incontro, potrebbe lasciar pensare che noi condividiamo la loro visione. Al fine di dirimere ogni dubbio, è mio dovere far sapere che noi disapproviamo questi propositi.

I certosini sono al corrente dei problemi attuali che scuotono la Chiesa e si uniscono con la preghiera a tutti coloro che dicono: mai più tutto ciò, dal Papa Francesco fino a coloro che preferiscono abbandonare la Chiesa. Ma ciò non ci impedisce in alcun modo di continuare a credere alla realtà al contempo umana e divina di una Chiesa Corpo di Cristo, costituita da uomini reali e quindi peccatori. Non ci appartiene sapere cosa bisogna fare per riparare la Chiesa, altri hanno ricevuto questa missione. La nostra è di riformare noi stessi affinché il Corpo della Chiesa ne riceva i frutti, secondo l’adagio che vuole che ogni anima che si eleva, eleva il mondo, e di pregare affinché le persone che devono prendere delle decisioni abbiano i lumi e il coraggio per farlo.

Ciò non giustifica pertanto di accettare delle accuse senza fondamento. È falso ad esempio di lasciar intendere che è la Chiesa che ha fatto ritirare il documentario di Arte, è un prete tedesco che si è riconosciuto in uno degli scandali svelati e, valutando di essere riconoscibile, ha sporto querela davanti ad un tribunale civile che ha preso la decisione. La Chiesa non c’entra proprio niente. Per rileggere l’articolo qui.

Noi aderiamo totalmente al Magistero della Chiesa, e tra l’altro all’insegnamento di Papa Paolo VI nell’enciclica “Humanae vitae”. Come si può parlare di “dissacrare” il sacerdozio quando la parola stessa sacerdozio viene dal termine “sacer-sacro”? Un ultimo punto che dispiace è il sottotitolo che associa la pisside e orpelli. Noi siamo feriti da questo modo indegno di parlare di uno dei più grandi misteri del dono che Gesù ci ha fatto del Suo corpo e del Suo Sangue.

Nel complesso, una tale intervista non sarebbe mai dovuta avvenire in una certosa, anche se non ospita più una comunità monastica. Quando San Bruno fu chiamato dal papa, vi ha trovato una società infuocata e importante, era giustamente questione di riparare la Chiesa. Egli ha convinto il papa che non era il suo ruolo e di ciò che fece durante un anno a Roma non vi è traccia. Del periodo italiano della sua vita, la storia ha conservato solo la sua solitudine con i suoi fratelli e il suo silenzio.

La Grande Chartreuse, 12 maggio 2019

Dom Dysmas de Lassus, Priore della Certosa

(Un grazie speciale all’amica Antonella per la traduzione)

 

 

3 Risposte

  1. Grand merci, Roberto, de nous avoir transmis le message de dom Dysmas que nous attendions avec impatience. L’article du journal La Croix nous a tous surpris et attristés. J’espère que ce couple de concierges se feront montrer la porte le plus vite possible!

  2. Bravo, o Reverendíssimo Prior da Grande Cartuxa deveria de tecer mais comentários acerca da vida monástica e laical, pois a sua opinião é muito importante para todos nós.

  3. Intensifichiamo la nostra preghiera ed i nostri sacrifici….la Chiesa è nella tempesta!! Ringraziamo e benediciamo i nostri cari Fratelli Certosini ..che ci confermano nella fede. Compito principale del Papa.
    Grazie Roberto per la luce che ci mandi nel nostro quotidiano! Dio te ne renda merito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: