• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    luglio: 2019
    L M M G V S D
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 618 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Alla scoperta della certosa di Ferrara

copertina-del-libro-la-certosa-di-san-cristoforo-ferrara

Cari amici lettori di Cartusialover, è con grande piacere che in questo articolo vi annuncio l’uscita di un nuovo libro di interesse per noi amanti dell’Ordine certosino, riguardante la certosa di Ferrara.

Di questo insigne complesso monastico, voluto nel 1452 da Borso d’Este, che ne fece dono all’Ordine eremitico dei certosini, ve ne avevo già parlato in un precedente articolo, per segnalarne i danni subiti a causa di un terremoto.

Oggi invece una lieta notizia.

Lo scorso 31 gennaio, presso il Salone d’onore di Palazzo Tassoni dell’ Università degli Studi di Ferrara, è stato presentato un importante volume sulla certosa estense dal titolo:

“La certosa di San Cristoforo” testimone di arte e architettura cartusiana in terra estense.

Un prezioso testo, composto da 335 pagine, 432 illustrazioni e 9 tavole, nel quale si sviluppa una narrazione che è frutto di uno studio intenso ed approfondito sull’architettura e sulla spiritualità della vita cartusiana. Un lavoro rigoroso e attento, ma di facile lettura che rende il volume attraente.

Le autrici Rita Fabbri, Elisabetta Lopresti e Giuliana Marcolini, hanno voluto essenzialmente soffermarsi sulla primigenia funzione del luogo, ovvero quella legata alla sua erezione quale monastero certosino, ed in quella successiva coeva all’Addizione Erculea, nonchè dalla sua definitiva trasformazione in cimitero monumentale della città di Ferrara a seguito della soppressione della certosa (1801). Viene illustrata la similitudine architettonica con le altre certose, a causa dei tipici spazi architettonici certosini, funzionali alla regola spirituale e di vita dell’Ordine, si prosegue con la spiegazione della distinzione tra la vita attiva del Fratelli e la vita contemplativa dei Padri, e la loro complementarietà. Ogni ambiente monastico viene spiegato in maniera capillare, e supportato da immagini eloquenti. Un viaggio affascinante, che ci condurrà alla scoperta di questa splendida certosa oltre a coinvolgere il lettore nella conoscenza del mondo monastico certosino.

Grazie alle autrici e complimenti per il loro lavoro, oserei dire certosino!

Ve ne consiglio vivamente la lettura!

Vi allego in basso il link per poterlo acquistare online.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: