• Translate

  • I Fratelli Certosini

  • Memini, volat irreparabile tempus

    luglio: 2019
    L M M G V S D
    « Giu   Ago »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 499 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


  • I.F.S.B.

“Meditationes”

copertina

426. I santi, nel secolo futuro, saranno ovunque vorranno, poichè non vorranno essere in nessun’altra parte se non là dove si troveranno. Non sarà il luogo che donerà Dio, ma sarà Dio a donare il luogo. Ora, la conoscenza e l’amore daranno Dio, ma è Dio che li concede, in tal modo Dio donerà Dio. Un cambiamento di luogo avviene sia per necessità sia per diletto, ma chi avrà trovato altrove nulla di più utile e più piacevole. Perchè dovrebbero andare da un luogo a un altro? Non ne vedo la ragione?

427. Considera gli avvenimenti del futuro come quelli del passato, cioè destinati a svanire, e rifletti su ciò che ti rimane. Al di fuori di Dio, nulla può essere conosciuto, stimato o chiamato buono.

428. Ecco, se ami te stesso veramente, scegli, tra le cose che ti circondano, ciò che ti è utile. In effetti, se conoscessi bene la natura e la consistenza dell’opinione e del favore degli uomini, mai, o almeno ben poco, ti adopereresti per ottenerli, e neanche sarebbero per te motivo di gioia o di tristezza. Quelle cose, infatti, non sono affatto utili per chi ne è il destinatario. Come i colori e le altre forme deturpano o abbelliscono i corpi o gli altri oggetti sui quali sono posti, così l’opinione e il favore degli uomini nobilitano o avviliscono le persone stesse in cui albergano, in tal modo sono loro utili o pregiudizievoli. Qual’è stato il vantaggio che il sole e la luna hanno ricevuto dall’essere stati considerati divinità dai pagani?

Quale danno subiranno se tu consideri semplici creature? E se tu li considerassi al pari dell sterco(Fil 3,8), in che modo potresti nuocere loro? Devi scrutare la natura e la consistenza delle opinioni e dei favori altrui, come fai per le piante o gli alberi: potrai farlo facilmente, con l’aiuto di Dio, misurandoli a partire dalle tue opinioni e dai tuoi favori.

429. ” Stare uniti a Dio è un bene” (Sal 72, 28), per te, certo, non per lui. Allontanarsi da Dio è dunque un male, per te, sicuramente, non per lui. Perchè, dunque, hai ancora timore, se scegli ciò che ti è utile ed eviti ciò che ti nuoce? Neanche questo potresti fare con le sole tue forze. ” Liberami – dice Giobbe – e fà che io rimanga vicino a te” (Gb 17,3).

430. Guardati dal disprezzare l’opera di Dio a causa dell’uomo. Le opere dell’uomo sono gli omicidi, gli adulteri e altre cose simili. L’opera di Dio è l’uomo stesso. Colui che apprezza un oggetto, per esempio una casa, ama anche la materia con la quale tale oggetto è stato fatto, cioè, per la casa, il legno e la pietra. Dunque, colui che ama i buoni deve amare necessariamente anche i cattivi, poichè i buoni non possono provenire che dai cattivi. Perchè non ami ciò da cui si può trarre un angelo, mentre ami ciò da cui si può ricavare una coppa? In effetti, a proposito degli uomini è scritto: “Saranno simili agli angeli” (Lc 20, 36).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: