• Translate

  • I Fratelli Certosini

  • Memini, volat irreparabile tempus

    dicembre: 2019
    L M M G V S D
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 528 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Reportage dall’Argentina seconda parte

la-certosa.jpg

La certosa

Come vi avevo annunciato ieri, ecco per voi la seconda parte dell’intervista all’architetto Federico Shanahan.
Intervistatore: Abbiamo già affrontato la genesi del progetto; parliamo del processo di costruzione ora. Come sono iniziati? Quale supporto era disponibile?
Shanahan: Fondamentalmente, la realtà è che nel primo anno i monaci dovevano avere al più presto un posto fisico tra la campagna e le montagne. Avevano pensato di costruire alcune case prefabbricate, poiché avevano inconsapevolmente pensato allo schema di San Bruno che, quando si ritira in Francia, un piccolo monastero è realizzato con una serie di capanne separate. Non ero d’accordo, perché la qualità della prefabbricazione qui non è troppo buona e, allo stesso tempo, il contesto sarebbe stato difficile, dati i climi piuttosto forti di questa zona. Quindi, dal momento che erano sul campo, in futuro avrebbero avuto bisogno di magazzini per immagazzinare macchinari e così via, ho proposto di sollevare due piccoli capannoni che erano ben costruiti e che erano piacevoli; alcuni capannoni collegati tra loro, uno per i padri e uno per i fratelli. Quindi un domani le baracche sarebbero rimaste per l’obbedienza del campo e l’argento invertito sarebbe rimasto l’argento. Altrimenti, in dieci anni avrebbero dovuto buttare via queste casette e sarebbe stato un peccato, perché la maggior parte dei mezzi economici disponibili per il monastero provengono dai fondi generali dell’ordine.
Intervistatore: Come si sono evoluti il successivo sviluppo e il culmine delle opere, con una comunità che stava già iniziando a vivere nella sua nuova casa e che richiedeva solitudine e silenzio in ogni momento?
Shanahan: Nel 1999 ho iniziato a realizzare il grande progetto e sono venuto a vivere in una zona molto vicina alle montagne di Cordova, una cittadina chiamata La Cumbre, vicino alla città in cui sarebbe stato costruito il monastero. Una volta qui, ho lavorato intensamente con i monaci per tutta la settimana: pensando, proiettando, esibendomi … e così siamo andati passo dopo passo sviluppando il progetto per presentarlo alla Casa Madre. Lì, una commissione formata dal generale e quattro priori (Definitorio) hanno valutato la nostra proposta, ci hanno dato le loro opinioni e abbiamo confrontato diverse opzioni fino a quando non è stata finalmente approvata in termini di dimensioni, tipo di design e costi e investimenti che avrebbero dovuto essere presentati al Capitolo Generale. In quel momento abbiamo iniziato davvero a lavorare.
Come architetto, realizzo edifici di ogni tipo, in particolare case di campagna, ed è per questo che capisco che il mio è un servizio professionale per risolvere la qualità del luogo in cui una persona vivrà, nel miglior modo possibile. Cerco di trovare situazioni in cui ritengo sia molto importante rispondere al contesto della persona per cui lavoro, migliorarlo, reinterpretarlo. In effetti, con i monaci di quel tempo, che erano i quattro fondatori, ho formato un gruppo di lavoro in cui mi hanno dato proposte e idee e io, come architetto, le ho valutate e ho detto loro fino a che punto potevano andare. Era il mio modo di capire di cosa avevano bisogno, mentre erano loro a dirigere i lavori con me. Alla fine, finiamo per essere, più che una squadra di amici, una famiglia.

chiostro grande con in fondo il cimitero

Chiostro con in fondo il cimitero

Intervistatore: Come in ogni grande costruzione religiosa e in qualsiasi momento della storia, l’architetto non si limita solo a dare le tracce di un edificio, ma si occupa anche dell’integrazione di altre arti minori. Com’è stata la supervisione e l’integrazione di tutti questi elementi? Chi e in che modo sono stati responsabili della loro materializzazione?
Shanahan: Man mano che i lavori procedevano, alcune aziende, in particolare la carpenteria, si unirono al progetto, con cui avevo già lavorato su altri progetti. Ciò che è stato fatto soprattutto è stato un arredamento molto semplice, ma che ha mantenuto l’idea di ciò che era in ogni certosa. Furono fatte sedie per il coro, la sala capitolare e il refettorio; i cubicoli delle celle e della cucina, lo studio, i mobili della biblioteca … Solo in alcuni luoghi, come in chiesa o nelle cappelle, ci sono alcuni dettagli decorativi su porte e finestre, ma questo è il minimo.
La verità è che quando stavamo finendo i lavori, ci fu un tempo in cui la casa di Jerez fu chiusa a causa della mancanza di persone dell’ordine. Lì ho osato andare a Jerez e chiedere attrezzature, perché avremmo potuto mettere tutto nuovo, ma mi sembrava che avere cose già usate dai monaci avrebbe dato un sapore completamente diverso. Ho portato letti, tavoli, scrivanie, sedie a sdraio, libri … Erano cose semplici usate dai monaci e con loro ho riempito due contenitori. Quando ero sulla nave di ritorno mi sentivo un po ‘come se stessi per ritrovare la fede dalla Spagna (ride). Naturalmente, portiamo anche, con il permesso del Ministero di Cultura andalusa, alcune opere d’arte che appartengono all’ordine e che mentre andavano, non in Argentina, ma in un’altra proprietà dell’ordine, è perfettamente. Erano una scultura di San José, un crocifisso e alcuni dipinti, non di grande valore, ma di una rappresentazione artistica che segna l’espressione di un’epoca. Questi pezzi sono stati pregati e amati in un’altra epoca, e questo i monaci lo sentono!

Refettorio.JPG

Refettorio

Intervistatore: Un’opera di questa portata e con così tanto carico simbolico sarà stata una vera pietra miliare nella sua carriera professionale. Come hai vissuto il completamento dei lavori? Cosa è cambiato in Federico Shanahan?
Shanahan: Per me è stata una grande sfida. A volte è stato difficile, come uomo di fede, fare qualcosa per qualcuno che dedicherà la sua vita alla preghiera e sapere che diverse generazioni di quelle persone vivranno all’interno di qualcosa che hai progettato; che tutto ciò che pensi per loro, in qualche modo, sarà lì duraturo nel tempo. La verità è che furono quasi cinque anni molto intensi, perché mentre i monaci vivevano in quel piccolo posto che avevo adornato con le tettoie, durante la settimana rimasi a vivere nel monastero. La distanza da casa mia era notevole e la necessità era di molti lavori, quindi vivevo provvisoriamente in ogni stanza, stavo ruotando attraverso quei luoghi che stavamo finendo e stavo vedendo come ci si sentiva, cosa mancava, cosa doveva essere rettificato e ciò che è rimasto per accogliere. I monaci sono felici del luogo e di come si sentono lì, e per me è stata una situazione in cui ringraziare Dio. Non mi è mai importato che a persone come il monastero piacesse o no, ma ho avuto molta paura di sbagliare e non sapere come capire i bisogni dei monaci. Ma la verità è che, sia quelli che vivono qui che quelli che vengono a visitarlo, sono felici perché, nonostante siano una nuova certosa, sono realizzati con qualità e cura; Capiscono che si pensava che stesse cercando di rendere qualcosa di veramente importante.
Intervistatore: Finalmente, oserò chiederti un po ‘di curiosità, ti sei mai sentito come uno di quegli architetti del passato che hanno sollevato per la Certosa una di quelle magnifiche costruzioni che oggi sono un riferimento nella storia dell’arte? Cosa ha incarnato Federico Shanahan tra le sue mura della sua personalità e della sua identità latinoamericana?
Shanahan: Non mi sono mai sentito come uno di quei grandi geni del passato che mi stupiscono, ma è vero che questo lavoro non è stato lo stesso che progettare una torre di appartamenti. Alla certosa ho messo tanto amore e mi sono chiuso a lavorare solo per loro, non ho fatto altro. Quando ho finito, ho capito perché mi hanno scelto: perché tutte queste sfumature che ho raccontato sono la chiave in modo che il monastero possa iniziare a funzionare seriamente, sempre dal posto del professionista, ma con il cuore impostato sul veramente trascendente. Che sì è un privilegio degli artisti del passato che penso di essere stato in grado di vivere. C’è qualcosa che ti cambia, che è diverso e che deve essere diverso. All’inizio abbiamo pensato che gli investimenti sarebbero stati la cosa più importante, ma poi abbiamo visto che il valore è davvero nello sviluppo di una vocazione e che l’Argentina può avere un posto che aggiunge la storia dell’Europa alla sua storia e, in un certo modo In questo modo, questo è ciò che ricordano gli elementi delle costruzioni della missione, perché la fede è stata ricostruita su qualcosa che prima non esisteva.
Intervistatore: Grazie per il tuo contributo a questo lavoro, che aumenterà senza dubbio la consapevolezza di come questi spazi monastici siano ancora utili, continuino a godersi la vita e continuino ad emergere in nuovi territori e che, senza perdere la loro essenza, siano capace di adattarlo alle nuove concezioni della contemporaneità, tra cui il buon lavoro svolto in Deán Funes è già chiaro.

Al termine di questo reportage, che spero abbiate apprezzato, voglio esprimere i miei ringraziamenti all’autore di questo servizio José Antonio Díaz al cui link originario vi rimando.

Cliccare sulle foto per ingrandirle

Reportage dall’Argentina

Vista satellitare

Veduta satellitare della certosa di San Josè

Cari amici lettori di questo blog, eccoci giunti al termine di questo 2019 anno nel quale come ormai tutti sapete si è celebrato il decennale del blog. A questo evento celebrativo, ha fatto da contraccolpo la triste notizia della chiusura della certosa di Evora, a causa della scarsità di vocazioni. Ci conforta aver appreso proprio dalla voce di Dom Antao Lopes, il Priore di Santa Maria Scala Coeli, che la mancanza di vocazioni è un problema principalmente europeo. Egli infatti ci ha fatto notare, in un’intervista, come nel continente americano, e più precisamente in Argentina si stanno costruendo nuove celle nella certosa di San Josè, che al pari delle certose giovani sorte in Brasile e Sud Corea, appaiono più fiorenti di vocazioni, e risultano in espansione rispetto a quelle del vecchio continente.

E’ per questo motivo, che ho pensato di concludere il 2019, con un focus sulla certosa argentina di San Josè. Che sia di auspicio per le nuove vocazioni che ci auguriamo verranno in futuro.

A seguire una preziosa intervista del 2015 all’architetto Federico Shanahan che fu incaricato per la progettazione e costruzione della certosa argentina.

Federico Shanahan

L’architetto Federico Shanahan

Essa sarà divisa in due parti, oggi la prima parte mentre la seconda sarà pubblicata domani. Andiamo dunque a scoprire le origini del seme che ha fatto germogliare questa fiorente certosa latinoamericana.

Intervistatore: L’Ordine della Certosa ha affrontato la chiusura dei monasteri in Europa con la timida apertura di nuove case in territori che le erano estranei. Nel tuo caso, non ricevi niente di più e niente di meno che la commissione di essere colui che dà le tracce per la terza fondazione americana, che è anche la prima in America Latina. Come nasce questa iniziativa e come ti arriva la proposta?

Shanahan: La realtà è che sono un uomo di fede e, negli anni ’90, ci siamo uniti a un gruppo di amici, tutti uomini e donne di fede, per aiutare i monaci che volevano venire dalla Spagna all’Argentina. Così fondammo l’associazione Paradisus Mariæ, di cui ero vicepresidente e, quando i monaci decisero di venire qui per vedere posti diversi, toccò a me rappresentarli. Fu un mio vescovo di famiglia ormai deceduto, mons. Lucas Donnelly, che mi portò alla Conferenza episcopale, dove tenni un incontro con diversi vescovi per spiegare un po ‘qual era la ragione che portò i monaci a fondare in Argentina. Durante quell’incontro, monsignor Donnelly riferisce di possedere terreni nell’area del suo vescovato, a Cordova, che aveva salvato per una congregazione contemplativa. Poco dopo quell’incontro, i monaci mi chiamano e mi dicono che vogliono lavorare con me.

Intervistatore: Conoscevi in precedenza il modo di vivere dei monaci certosini? Cosa hai provato quando hai ricevuto la fiducia dell’Ordine per questa nuova sede?

Shanahan: Quando i monaci mi hanno offerto di fare il monastero, volevo essere prima di tutto cauto, perché non conoscevo troppo bene il loro stile di vita e ho anche iniziato a sviluppare un progetto a Buenos Aires, dove abitavo di solito a quel tempo, così che la distanza mi avrebbe reso molto difficile capire la loro vita. Pertanto, all’inizio ho proposto di fare un’esperienza in cui lavorare insieme per un anno, dal momento che ciò che doveva essere fatto non era di tale portata e quindi vedere se ci fossimo davvero intesi.

Intervistatore: È noto che, prima di affrontare la commissione, ha deciso di visitare diverse certose europee. Tutti rispondono a un modello simile, ma allo stesso tempo ognuno è molto diverso dal resto. Quali sono stati i tuoi modelli di ispirazione più diretti?

Shanahan: ho visitato vecchie case e nuove case. Tra le nuove ho alloggiato in una certosa femminile in Italia e l’unica in Germania, che è degli anni 60. Ma è vero che, all’inizio, ho anche attraversato altre case classiche, come la Grande Chartreuse in Francia. Più tardi, durante la costruzione, ho visitato quella che una volta era Aula Dei, ma anche le certose di Burgos e Jerez. Sebbene fossimo in piena costruzione, che ci ha impiegato più o meno cinque anni, ho trovato interessante vedere i luoghi per verificare ciò che era corretto e in conformità con ciò che l’ordine aveva sempre fatto.

Intervistatore: Cosa possiamo trovare delle altre certose in questa a San José?

Shanahan: una delle sfide più rare e difficili è quella di cercare di rispettare determinati schemi e criteri che hanno funzionato per secoli. Come architetto, puoi ricreare un po’, ma in linea di principio devi rispettare determinate planimetrie. Rispetto, non copia, perché in realtà ciò che era in altre certose non veniva copiato, ma il funzionamento degli impianti era rispettato. D’altra parte, per quanto riguarda la parte dell’immagine, deve essere chiaro che questo è un altro paese, che questa non è l’Europa, dove le costruzioni delle certose furono molto prolungate nel tempo e furono autentiche opere d’arte. Oggi non puoi fare ciò che le certose di Siviglia, Jerez o Burgos, in cui lavoravano intere famiglie che avevano il talento di geni che sapevano lavorare la pietra, il rilievo, i pavimenti specifici … Erano meraviglie che, con la tecnologia semplicistica di oggi, non è possibile replicare; in Europa sarà ancora possibile, ma in Argentina costerebbe una fortuna e ciò lo rende impossibile.

pianta della certosa di San Josè

Pianta della certosa di San Josè

Intervistatore: Visitare questi monasteri ancora attivi non ti lascerebbe indifferente alla severa austerità della vita che i certosini praticano nella loro vita quotidiana. In che modo questo ascetismo si è riflesso in Deán Funes? Perché è stata scelta questa località?

Shanahan: Conoscevo anche il background che vi era prima delle nuove fondazioni negli Stati Uniti e poi in Brasile. La Certosa degli Stati Uniti è semplice ma molto moderna ed è troppo rara per i monaci, specialmente quelli che non vivono in quella casa; quando la vedono nelle fotografie sono inorriditi, perché i monaci sono molto classici in se stessi e in ciò che è estetico cercano qualcosa di più tradizionale. La Certosa del Brasile non ebbe buoni risultati di architettura, perché in realtà non fu costruita da un architetto ma piuttosto da un monaco che, soprattutto, cercava l’economia. Nella mia lettera, nella parte dell’immagine, edilizia e altro, la prima situazione che mi è sembrata molto importante è stata quella di dargli una grande semplicità. Perché nel mondo esterno si può vivere in una casa che ha tensioni e proposte interessanti, ma si entra e si esce da quella casa e, alla fine, quando ci si ritorna ogni giorno, si diverte, non ci si stanca di esso. Un’altra cosa molto diversa è quella di costruire una casa in cui sarai dentro per tutta la vita e uscirai solo per andare dal dottore.

Pertanto, quando ha parlato con il Generale dell’Ordine, abbiamo visto chiaramente che sia l’ambiente che il monastero dovevano essere luoghi che davano un po ‘di pace, stabilità, serenità e semplicità. Ad ogni modo, è vero che abbiamo costruito la Certosa e riparato i suoi dintorni, ma sia la Certosa che l’ambiente che finiscono di dare carattere sono i monaci quando passano per vivere e lavorare al loro interno. Ho sempre visto chiaramente che i monaci furono quelli che completarono la costruzione. La realtà è che le opere d’arte viste in Europa danno ai monasteri uno stile che potrebbe piacere o meno, ma è chiaro che li arricchiscono notevolmente e conferiscono loro un carattere estremamente religioso. Tuttavia, quando costruisci qualcosa di semplice, tutto ciò che puoi fare è impostare un quadro che i monaci completeranno.

Intervistatore: Cartusia nunquam reformata quia nunquam deformata, i certosini proclamano con orgoglio. Tuttavia, ci sono aspetti che sono stati sostanzialmente modificati dalle riforme avviate con il Concilio Vaticano II, quali differenze hanno segnato il rinnovamento postconciliare delle tracce del monastero rispetto alle certose storiche?

Shanahan: La verità è che non conosco troppo bene questa domanda, anche se è vero che questa Certosa in Argentina ha semplificato molti spazi che in Europa erano divisi al momento della loro creazione. Non c’è più tanta separazione tra Padri e Fratelli. Li abbiamo tenuti separati solo qui nei chiostri dove si trovano le celle, che ce n’è una per fratelli e una per padri, perché hanno orari diversi e un ritmo di lavoro diverso che non può interferire. Ma non c’è più separazione; vanno tutti nella stessa sala capitolare, nello stesso refettorio, nella stessa chiesa e partecipano tutti alla messa. Gli uffici sono fatti con il loro rito, che è dell’XI ° secolo, e li cantano in latino, ma la messa conventuale è in spagnolo e rivolta verso il pubblico, quindi un altare esente per la chiesa è stato realizzato in pietra. Uno dei momenti più interessanti è quello della comunione, poiché l’intera comunità si avvicina all’altare e si comunicano uniti nello stesso tempo, quindi questo spazio dell’altare dovrebbe avere una grande profondità.

Intervistatore: Come hai risolto in questo caso elementi così eminentemente simbolici nella vita cenobitica come gli spazi della comunità?

Shanahan: Sin dall’inizio, la costruzione del monastero mi è sempre sembrata un’opera di enorme responsabilità. La prima cosa che mi hanno detto i monaci è che volevano che facessi loro una casa che dura non meno di cento anni e ciò non posso garantirlo. Non posso costruire un monastero come quelle meraviglie delle certose in Europa. Sapevo che la chiesa era un problema fondamentale, poiché era l’unico posto che doveva iniziare a evidenziarlo in volume, nella sua posizione e in materia di spazio interno, in modo che rispondesse a quella che è la presenza del Signore all’interno di quell’edificio. La chiesa è il luogo in cui il monaco si unisce alla comunità, partecipando all’unità di tutti nel lodare Dio. Quindi questo posto deve dare un forte sentimento di unità; la sensazione di uno spazio in cui la ricerca di Dio può essere coperta, e per questo abbiamo dovuto dare una versione molto concreta di un volume d’aria, di una spazialità in cui i monaci siedono alla presenza di Dio e allo stesso tempo uniti come famiglia. Ci sono anche altri due punti della casa che mi preoccupano, sebbene fossero di diversa importanza, essi sono la sala capitolare e il refettorio, che vengono utilizzati solo la domenica e le festività specifiche. Non hanno la stessa vita di tutti i giorni della chiesa, ma sono anche luoghi di incontro, dove si trova la famiglia, e anche a loro dovevo dare importanza, calore e spazialità.

entrata

Verso l’entrata

Intervistatore: Come comprendi quell’altro spazio così essenziale a livello emotivo per il monaco, che è la foresteria?

Shanahan: Questo è un altro punto che trovo molto interessante, specialmente nel mondo di oggi, poiché è il luogo di visita delle famiglie. Perché in precedenza c’erano famiglie enormi ed era molto normale che uno o più bambini diventassero religiosi. Ma nella società odierna questi mandati non esistono e esiste un concetto di famiglia e unione con i genitori che rende molto raro per una persona voler entrare nella certosa per vivere da sola. Non è necessario che il monaco provenga da una famiglia di fede; Ci sono alcuni che si sono appena convertiti alcuni anni fa.

Ma, in ogni caso, c’è un contesto molto interessante: tuo figlio entrerà in un monastero di chiusura, dove potrai vederlo una volta all’anno, per due giorni di fila e nient’altro. Questo è emotivamente molto forte e soprattutto nei primi anni in cui, per rafforzare la vocazione, è importante non parlare così tanto. Pertanto, una preoccupazione generale era quella di creare un ostello più attuale. Prima, le foresterie avevano un concetto molto freddo e non erano altro che piccoli parlatori. Per questo motivo siamo giunti alla conclusione che questa doveva essere una classica casa della classe media, niente di speciale; una casa davvero confortevole, dove le famiglie si sistemano e si sentono a proprio agio, così che il monaco crea anche la sensazione di lasciare il suo solito posto per andare a visitare la sua famiglia. La foresteria qui ha un vero sapore di casa, dove le famiglie possono leggere un libro nel calore di un camino. Tutto questo ambiente è molto importante, poiché l’incontro del monaco con la sua famiglia è un momento molto forte emotivamente e devi far partire la famiglia con un buona sensazione e non preoccupata.

Intervistatore: Com’è concepita la cella certosina nel XXI° secolo?

Shanahan: Dopo la chiesa, la cella è il secondo posto fondamentale per il monaco; È lì che si incarna la sua spiritualità, dove raggiunge la via dell’eremita e dove Dio deve essere abbracciato molto forte, perché quella cella non è qualcosa che tutti possono tollerare, poiché ci sono molte cose su di te. Quindi, la cella era una questione delicata, dal momento che bisognava fare qualcosa di piacevole, molto soleggiato, che dava un certo senso di tregua. Ero molto interessato a dove fossero orientati, così che il monaco ebbe anche la sensazione di essere spettatore di un grande paesaggio pieno di montagne. Il monaco lascia la cella solo per incontrare la vita della comunità negli uffici e, per lui, il ritorno in cella è come tornare a casa dopo il lavoro. Ecco perché volevo che la cella avesse un certo sapore di casa, che ti ricordasse quando torni a casa in inverno e fa freddo, sebbene l’esperienza sia molto più forte perché la cella diventa completamente solitudine.

Intervistatore: E a livello generale, come sono state concepite le strutture? Inserendoli in un centro il cui modo di vivere si sviluppa pressoché identico a quello dell’undicesimo secolo, quali nuovi materiali e tecnologie collocano questo progetto nella contemporaneità in cui è stato gestito?

Shanahan: L’edificio ha anche altri settori, come cucine, lavanderie, luoghi per cucire abitudini e dispense per conservare il cibo. Questi luoghi devono avere una buona installazione ed essere perfettamente attrezzati, perché è lì che ci saranno grandi macchine, come le macchine per curare i formaggi e conservare le verdure, o la macchina per l’imballaggio per il vino, poiché a volte i monaci hanno i propri raccolti. Questi spazi sono il luogo di lavoro dei fratelli monaci e sono integrati nel contesto del monastero. Altre obbedienze che hanno a che fare con la campagna, come la falegnameria, si trovano nei vecchi capannoni e tutto ciò che necessita di buone strutture per l’elettricità e l’acqua. Per il resto, l’edificio è stato progettato con grande semplicità e austerità, ma sono stati utilizzati materiali di buona qualità e durevoli, come posate di pietra artificiale, pareti di massi, marmi per pavimenti, pareti di mattoni o legno di cedro e cipresso per soffitti e mobili.

La tela di Fra Diego de Leyva

sacrestia della certosa

Altare della Sacrestia della certosa di Miraflores

Cari amici in molti mi avete scritto per chiedermi maggiori informazioni sul dipinto che ho scelto per arricchire l’articolo fatto lo scorso 25 dicembre con gli auguri di Natale. Mi avete richiesto maggiori informazioni sulla tela, e sull’artista che lo realizzò. Provo ad esaudire le vostre richieste.

25 Adorazione dei pastori-Diego de Leyva-certosa di Miraflores

Il dipinto in oggetto, ” Adorazione dei pastori”, fu realizzato da Diego de Leyva, costui nacque ad Haro, in Spagna, nel 1580 della sua giovinezza si conosce poco, si sa solo che era un pittore si sposò ed ebbe due figli. Ma presto rimase vedovo, e dopo aver fatto sposare la primogenita fu stravolto dalla prematura perdita del figlio maschio. Nel 1633, rimasto solo ed addolorato, decise di entrare nella certosa di Miraflores come fratello converso, e dopo quasi un anno di noviziato il 25 giugno del 1634 fece la sua professione. La sua vita monastica fu breve poichè morì il 24 novembre 1637 lasciando un numero significativo di dipinti in certosa, dove aveva proseguito la sua attività pittorica. Il suo carattere era molto volitivo e si narra che fosse un uomo laborioso e salvifico, con mezzi economici sufficienti ma senza lussi in casa, dove ciò che è più abbondante erano i suoi dipinti e gli strumenti di lavoro che manterrà con sé per usarli nella sua nuova vita monastica. Alternava gli impegni claustrali alla sua passione pittorica. Fu in generale un pittore di produzione abbondante, la sua specialità erano i martirii dei santi, e quando risiedette in certosa realizzò quindici oli su tela a grandezza naturale nel Capitolo, con scene della vita di San Bruno. Nel chiostrino c’erano undici martiri dell’ordine e dieci ritratti dei generali dell’Ordine, la pala di Santa Caterina e altre opere, tra cui l’adorazione dei pastori in questione.

Di tutte queste opere purtroppo non vi è più traccia, ad eccezione del dipinto che vi ho mostrato. Esso infatti è esposto attualmente nella Sacrestia della certosa di Miraflores che è visitabile. Il dipinto è posto in alto sopra l’enorme reliquiario. In esso appare eccellente la illuminazione del volto della Vergine che proviene dalla luce che emana il Bambino Gesù. sui due lati De Leyva, dipinse a sinistra un S. Ugo di Lincoln ed a destra S. Ugo di Grenoble, come potete ammirare nella immagine seguente. 

dipinto.JPG

Buon Natale 2019

25 Adorazione dei pastori-Diego de Leyva-certosa di Miraflores

Adorazione dei pastori -Diego de Leyva- certosa di Miraflores

Carissimi lettori di Cartusialover con l’augurio che questo Santo Natale porti nei vostri cuori e nelle vostre vite tanta salute, tanto amore e tanta serenita’. Vi auguro ogni bene…

B u o n  N a t a l e

Ai miei auguri, si aggiungano quelli della comunità certosina di Serra san Bruno….

Auguri dalla certosa

Eccoci dunque giunti al giorno di Natale, celebriamolo leggendo e meditando un testo estratto da “Vita Christi” di Dom Ludolfo di Sassonia.

Coloro che desiderano incontrare Cristo hanno bisogno spiritualmente di tre cose: comunicare con Lui attraverso la meditazione della Scrittura; passare a Lui attraverso la contemplazione delle creature; ed avvicinarsi apprezzando le cose divine. Per trovare Cristo, dobbiamo comunicare con Lui mediante la confessione dei peccati, passare dal disprezzo per le cose temporali ed affrettarci per la corsa del desiderio fervente; e questo anche a Betlemme, “casa del pane”, per il gusto delle cose divine. Quindi incontreremo Cristo nel presepio dei nostri cuori, nel dono delizioso della sua presenza, poiché “la sua gioia è stare con i figli degli uomini” (Pr 8:31). La nascita di Cristo è triplice: divina, umana e di grazia. Il primo è eternamente dal Padre; il secondo dalla Madre nel tempo; il terzo, nella mente, spiritualmente. Queste tre nascite sono prese secondo le tre sostanze che sono in Cristo: divinità, carne e spirito. Perché Dio nasce dal Padre; da sua madre nasce la carne; e nella mente nasce per grazia dello Spirito Santo. Dal Padre nasce sempre, da sua Madre una volta, nella mente molte volte.

Toscana, terra di certose

Certosa-del-Galluzzo

Lo spunto per la realizzazione di questo articolo mi è offerto da un servizio andato in onda, recentemente, sul TG3 della regione Toscana. Questa splendida regione italiana, terra di certose, con la presenza di ben sette conventi certosini, e più precisamente: Maggiano, Farneta, Firenze, Pontignano, Belriguardo, Pisa e La Gorgona, potrebbe essere la meta delle vostre vacanze natalizie. Tutte da visitare ad eccezione di quella di Farneta, che come molti di voi sapranno, è una certosa attiva.

La certosa del Galluzzo sita nei pressi di Firenze, da questo blog trattata diverse volte, è stata oggetto di questo breve documento filmato che vi allego e del quale via auguro di godervene la visione.

 

 

 

Da Porta Coeli a Valldecristo per lo spaziamento

Da Porta Coeli a Valldecristo

Da Porta Coeli a Valldecristo

Cari amici, lo scorso lunedi 23 settembre, la comunità certosina di Porta Coeli ha effettuato in occasione del cosiddetto “grande spaziamento” una visita alla storica certosa di Vall de Cristo. I monaci hanno scelto l’antica certosa, che dista oltre quaranta chilometri (distanza con auto), come meta della loro passeggiata lunga, che avviene con cadenza semestrale. Previo contatto, il Padre Priore Luis Maria Nolasco ha richiesto di partecipare ad una visita guidata del complesso storico, condotta dalla Associazione Culturale certosa di Valldecristo. Va ricordato che l’Associazione Culturale certosa di Valldecristo ha iniziato nel 2009 il progetto denominato Caminos de Valldecrist con l’intenzione di recuperare una serie di camminamenti. L’itinerario che cerca di ricostruire, sono i percorsi ed i sentieri che i monaci percorrevano tra la certosa di Valldecrist e Porta Coeli nei tempi di splendore dell’Ordine certosino, per mantenere il contatto e comunicare in un tempo nel quale non esistevano i mezzi di trasporto attuali. Pare che questo sentiero pedonale recuperato accorci la distanza tra le due certose a soli ventuno chilometri!

Sentiero dei certosini

Questa Associazione Culturale è un movimento culturale che cerca di salvare dall’oblio il monumento e la storia di quello che era uno dei più splendidi monasteri dell’Ordine certosino. L’obiettivo principale resta quello di restituire la dignità a questo sito attraverso la conservazione, la promozione ed il recupero del patrimonio culturale, consentendone il recupero della memoria storica che merita. Ma veniamo alla visita.

La visita si è svolta tra la comprensibile emozione degli operatori, intenti a spiegare ai monaci certosini la architettura e le vicende storiche di Valldecristo. Il Padre Priore ha voluto inoltre fermarsi in preghiera con i suoi confratelli negli ambienti della chiesa. Vi riporto con estrema riservatezza le immagini distribuite in rete, che testimoniano questo suggestivo ed eccezionale momento. A seguire un video che ci mostra l’attuale stato della certosa di Valldecristo.

Un messaggio gratificante

E’ con grande soddisfazione che voglio oggi condividere con voi un messaggio ricevuto dal Padre Priore di una comunità certosina latinoamericana, che manterrò anonimo come da sua espressa volontà. L’ho ricevuto poichè egli si è voluto associare ad un augurio per questo anno nel quale come sapete ricorre il decennale di Cartusialover. Parole che mi hanno emozionato e che mi inducono a proseguire con sempre maggiore slancio in questo cammino, con l’auspicio che il mio blog possa sempre più contribuire alla conoscenza ed alla diffusione dell’Ordine certosino nel mondo. La mia gratitudine verso il Padre Priore che riconosce in Cartusialover anche una funzione di riferimento per molti giovani inclini alla vocazione.

Ecco per voi amici il testo della lettera da me ricevuta. Mi auguro possiate gioire con me di questa gratificazione inattesa.

 

 

Auguri per il decennale di Cartusialover

Carissimi, pace nel Signore!

Come mi avete chiesto, rivolgo una speciale benedizione per celebrare la missione decennale del blog Cartusia Lover.

Sì, lodiamo Dio per l’apostolato che il sig. Roberto Sabatinelli, da buon cattolico esegue senza trascurare la sua vita familiare.

Ringraziamo anche Dio per i suoi 33 anni, nei quali ha lavorato in modo che la famosa “Certosa di San Martino” a Napoli, continui ad essere un luogo di spiritualità. Come tutte le Certose che, in questo momento, non hanno una comunità di monaci viventi, la Certosa napoletana continua ad avere, sì, una comunità già in gloria, ma in quel luogo santo attende la risurrezione dei loro corpi. Ciò rende sacro quel luogo.

Inoltre, il lavoro svolto dal sig. Sabatinelli, con oltre 1.400 articoli ed oltre 1.500.000 visite da 180 paesi, è un bellissimo servizio a Cristo, nella sua Sposa, la Chiesa.

Non dubitiamo che tali visite abbiano favorito più di un giovane nella sua vocazione, sia essa certosina o per qualsiasi carisma nella vigna del Signore.

Promuovere i valori contemplativi della Chiesa significa promuovere la vita più profonda della Chiesa stessa, come ci ricorda il Concilio Vaticano II: “È caratteristica della Chiesa essere, allo stesso tempo, umana e divina, visibile e dotata di elementi invisibili, consegnata all’azione e data alla contemplazione, presente nel mondo e tuttavia pellegrina; e tutto questo in modo che in essa, l’umano sia ordinato e subordinato al divino, il visibile all’invisibile, l’azione alla contemplazione, il presente alla Città futura che cerchiamo “(SC, 2).

Questa dimensione contemplativa del Popolo di Dio è così per la semplice ragione di quel “Grande mistero” (cfr Ef 5: 25-32) per il quale la Chiesa è la Sposa di Cristo. E se è così, è normale che la Chiesa abbia come vocazione essenziale la contemplazione, desideri il cordiale trattamento con lo Sposo, la sua contemplazione.

Non abbiamo dubbi, quindi, che il lavoro del sig. Sabatinelli e tutti i suoi collaboratori, coopera in questo sublime ideale di elevare “l’umano al divino, il visibile all’invisibile, l’azione alla contemplazione, il presente alla Città futura”.

Che Dio benedica questa bella opera, il suo fondatore, i suoi collaboratori, e che a tutti faccia provare, con N.P. San Bruno, come Dio è buono, facendoli esclamare tutti dall’intimo:

Oh Bonitas! Quanto è buono Dio, nostro Signore!

Un certosino latinoamericano

31-01-2019

monk

STAT