• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    agosto: 2020
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 618 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


In silenzio nel deserto per Dio

nella cella

Molti uomini, oggi avvertono, più o meno coscientemente, nel loro cuore un desiderio di assoluto; ed in qualche modo hanno bisogno di ispirarsi ai monaci contemplativi. I certosini, in silenzio ed isolati da tutti, dal deserto ci indicano il cammino, testimoniandoci che Dio è presente e che è al di sopra di ogni cosa, «tutto è da Lui, per mezzo di Lui e per Lui». Eccoci oggi con un delizioso testo di un anonimo certosino, parole edificanti su cui riflettere e meditare.

′′ Amare Dio, però, come possiamo farlo Come amare colui che non vediamo? Si parla molto di amore nel cristianesimo, ma l’amore di Dio ha qualcosa di paragonabile alle varie forme dell’amore umano? Ponendo questi interrogativi, ricominciamo e riflettiamo, e in questo modo, quindi, cessiamo di essere innamorati.

La tradizione cristiana ha assegnato un posto importante all’intelligenza umana nella vita spirituale: mettendo al cuore della sua fede l’accoglienza della Parola di Dio, suscita un movimento in cui la parola e il rapporto con il testo sono essenziali. Ascoltare una parola, leggere un testo, richiede non solo di cercare di capire, ma anche di aspirare a conoscere colui che è il tuo autore. Così siamo abituati ad utilizzare la nostra intelligenza per cercare di conoscere Dio, capire la sua Parola e conoscere noi stessi. Siamo ben consapevoli che una ricerca del genere non è mai terminata, ma almeno abbiamo l’impressione di sapere come intraprenderla. Bisogna leggere più testi, riflettere e, alla fine, parlare di loro con altre persone.

Ci limitiamo quindi a fare atti d’amore a Dio con tutto il nostro cuore. Voltiamoci verso Lui con tutto il nostro essere, compresa l’intelligenza, in un movimento che implica allo stesso tempo adorazione, venerazione, fiducia, affetto filiale, amicizia, speranza, ogni tipo di armonia, diversa, a seconda delle persone e dei momenti. L ‘ essenziale è consegnarci completamente a lui. Per quale motivo? Perché questo è l’unico modo per entrare in una relazione paritaria con Lui. Egli si dà completamente a chi è disposto ad accoglierlo. Egli è presente in modo incondizionato accanto a coloro che ha cresciuto e considera i suoi figli. Tutto quello che possiamo fare è fare come Lui: darci completamente, rimanere presenti. Sapendo solo che la tua autodonazione precederà sempre la nostra.

L’ essere umano ha la caratteristica di non poter rimanere a lungo nello stesso atto interiore. Molto velocemente, le preoccupazioni dovute al lavoro e alle preoccupazioni quotidiane invadono lo spirito e lo deviano dal suo movimento verso Dio. La meditazione contemplativa riposa semplicemente sulla divisione del tempo in piccole unità: non siamo in grado di amare Dio, di consegnarci a Lui per molto tempo, in modo uniforme, ma possiamo farlo in una serie di momenti molto brevi. In ognuno di questi momenti è possibile voler amare Dio; voler rimanere in sua presenza con tutto ciò che siamo.

La conoscenza che abbiamo di Dio non è nell’ordine della definizione, della descrizione. Un monaco ortodosso della fine del Medioevo scriveva: ′′ Infatti, finché il pensiero non cessa di pronunciare il nome del Signore, e che l’intelligenza sia chiaramente attenta all’invocazione del nome divino, la luce della conoscenza di Dio copre l’intera anima con la sua ombra come una nuvola splendente. L’esatto ricordo di Dio genera amore e gioia “.

Proferendo dentro questa semplice parola, lo spirito si rivolge a Dio nel modo più radicale possibile. È difficile o addirittura impossibile essere completamente rivolti a Dio senza distrarre per mezz’ora o un’ora, ma non possiamo impegnarci il più possibile solo il tempo necessario per dire una parola? Poi dovremo solo ricominciare. Questo movimento verso Dio richiede due cose: lasciamo tutto ciò che ci occupa e mobilitiamo la nostra attenzione rivolgendoci a Dio con fede. Scriveva un monaco certosino inglese che ha vissuto nella prima metà del XX secolo: ′′ Il modo più semplice per fare un atto di attenzione a Dio è quello di fare un atto di inattenzione a tutto il resto “.

(un certosino)

 

Una Risposta

  1. Grazie ancora per questa altra perla ! Davvero una dietro l’altra !
    Cercherò il più possibile di trovare i ” momenti di inattenzione”…
    Signore facci trovare il modo di far leggere questi scritti ai giovani !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: