• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    ottobre: 2020
    L M M G V S D
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti a 659 altri iscritti
  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Novena a San Bruno 2020: V°giorno

San-Bruno novena logo

V° giorno

LA CROCE E IL MONDO

Introduzione

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Inno

Gesù, premio e corona dei tuoi servi fedeli, glorifica il tuo nome. Concedi ai tuoi fedeli, che venerano san Bruno, la vittoria sul male. Seguendo le tue orme sulla via della croce, egli piacque a Dio Padre. Sapiente e vigilante, testimoniò il Vangelo in parole e in opere. Dalla città dei santi, dove regna glorioso, ci guidi e ci protegga. A te, Cristo, sia lode, al Padre e allo Spirito nei secoli dei secoli. Amen.

Dialogo d’inizio

La sofferenza e la croce sono un mistero ineliminabile dalla nostra vita di uomini. Cristo ha condiviso in tutto la nostra condizione umana, eccetto il peccato.

Ha assunto la sofferenza fino in fondo.

L’ha accettata per amore e l’ha trasformata in salvezza e redenzione per tutti noi.

O Gesù, vogliamo imparare ad essere sensibili, a condividere, a partecipare, a piangere con chi piange.

Fa’ che accettiamo con amore la nostra croce, essa è sorgente di salvezza.

Prima lettura

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati (6,14-17) Fratelli, quanto a me invece non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo. Non è infatti la circoncisione che conta, né la non circoncisione, ma l’essere nuova creatura. E su quanti seguiranno questa norma sia pace e misericordia, come su tutto l’Israele di Dio. D’ora innanzi nessuno mi procuri fastidi: io porto le stigmate di Gesù sul mio corpo.

Salmo (66,1-7.16.20) Acclamate Dio, voi tutti della terra, cantate la gloria del suo nome, dategli gloria con la lode. Dite a Dio: «Terribili sono le tue opere! Per la grandezza della tua potenza ti lusingano i tuoi nemici. A te si prostri tutta la terra, a te canti inni, canti al tuo nome». Venite e vedete le opere di Dio, terribile nel suo agire sugli uomini. Egli cambiò il mare in terraferma; passarono a piedi il fiume: per questo in lui esultiamo di gioia. Con la sua forza domina in eterno, Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio, e narrerò quanto per me ha fatto. Sia benedetto Dio, che non ha respinto la mia preghiera, non mi ha negato la sua misericordia.

Seconda lettura

Dall’Esortazione pastorale: “Gioite, dunque, fratelli carissimi” Parlando di Gesù Cristo come unico Salvatore, si capisce perché da secoli risuoni forte per i Certosini il famoso motto “Stat Crux dum volvitur orbis”, “Sta ferma la Croce mentre il mondo gira” (o, forse più esattamente, “si agita”). È, difatti, la croce la rivelazione più piena dell’amore di Dio. E perciò fu nel Cristo crocifisso che san Bruno scoprì Dio come Bontà. Gesù Cristo infatti non ci ha salvati con i miracoli, la potenza, le visioni, bensì nella più piena fedeltà alla condizione umana, accettando di morire per tutti e per ciascuno di noi. Ha vinto morendo. Perché morendo ha gridato la sua verità: Dio è amore! E ci ha detto che amore significa essere disposti a dare la vita per gli altri. Si ha perciò tutto il diritto di parlare di centralità del mistero della croce. Chi non comprende e non vive questa centralità, non può comprendere e gustare la vita. Pensiamo a san Bruno: fu, la sua, una vita pienamente realizzata proprio perché egli ebbe “la sapienza della croce”. Amò soprattutto quella croce che consiste nel morire ogni giorno a se stessi per diventare ostia che liberamente e gioiosamente si offre per la salvezza di tutti.

Responsorio

Ho combattuto la buona battaglia, sono giunto al traguardo, ho conservato la fede. Ora è pronta per me la corona di giustizia.

Tutto ho stimato una perdita, pur di conoscere Cristo e partecipare alle sue sofferenze, conforme a lui nella morte.

Ora è pronta per me la corona di giustizia.

Padre nostro

Preghiera

Signore, abbiamo paura della croce, anche se comprendiamo che è la dimostrazione più evidente del nostro amore per il prossimo sapersi sacrificare ogni giorno per gli altri e rinunciare alle nostre comodità! O Padre, che hai concesso a san Bruno la grazia di vivere la sublimità del mistero della croce, dà anche a noi la tua sapienza per capirne la necessità nella nostra vita come mezzo di purificazione personale. Dacci di essere sensibili alle necessità altrui per amare coi fatti e nella verità e comunicare gioia, pace e amore nella ferma fede nella risurrezione. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, tuo Figlio, e per l’intercessione di san Bruno, nostro Protettore. Amen.

Benedizione L’intercessione di san Bruno ci liberi dai mali presenti, e il suo esempio ci sproni a una vita santa, nel servizio di Dio e dei fratelli. Amen.