• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    dicembre: 2020
    L M M G V S D
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 635 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Pregando entrando in cella

monaca in preghiera in cella

Ecco per voi cari amici, una deliziosa preghiera composta da una monaca certosina.

Questa orazione, è stata concepita per essere recitata ogni qualvolta si entra in cella, possiamo recitarla anche noi, che pur non vivendo una vita monastica di clausura, dobbiamo cercare e trovare la “cella” del cuore, nella nostra profonda interiorità, il luogo per l’incontro con Dio.

Sforzati di entrare nella cella del tesoro che è dentro di te e vedrai quella che è in cielo: l’una e l’altra sono un’unica cella, e per una sola porta le vedrai entrambe. La scala che conduce al Regno dei cieli è nascosta dentro di te, nella tua anima.Tu immergiti in te stesso, lontano dal peccato, e lì tu troverai i gradini per salire al cielo.

Isacco di Ninive

O Gesù, prego che entrando in questa cella io possa entrare nell’immensità del tuo amore. Benedici questo luogo della mia dimora terrestre. Arricchiscilo con i meriti della Tua dimora terrestre. E concedi che la tua vita divina possa liberarmi dal mondo e da me stesso. Possa questa cella diventare un luogo sacro. Il luogo in cui lo sposo incontra la sposa. Il luogo dove attraverso il mio corpo aiuto la Chiesa a riscattare le perdite della Tua Passione. Non permettetemi di profanarlo per mancanza di silenzio o di solitudine. Concedi che sia in tutta verità il luogo in cui mi hai portato a parlare al mio cuore. E, al momento della mia morte, possa essere la porta del Paradiso.

Amen

una monaca certosina