• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    febbraio: 2021
    L M M G V S D
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


La preghiera per la sera di Dom Augustin Guillerand

cella_copia

Oggi voglio proporvi una sublime preghiera per la sera concepita da Dom Augustin Guillerand.

Parole provenienti dal profondo del cuore sulle quali vi invito a meditare.

“O Padre, quando scende la sera,

ho bisogno di pregare Te”

“Mi piace quello che ti piace. È la tua Vita Eterna, ma in me, accolta da me, vissuta da me. Quando cala la sera e la fine di una giornata, annunciandosi, mi fa pensare alla fine delle cose, a come devo chiederti di trattenermi questa vita che non passa: “Ascolta, in questo momento dove si avvicina l’oscurità della notte, le nostre preghiere accompagnate dalle nostre lacrime. Non permettere che la nostra anima, appesantita dal peso dei peccati, si allontani dalle cose eterne e lasci questa patria interiore dove Ti conosciamo, dove Ti amiamo ”. Il peccato ti insegue, fa notte, sostituisce la luce, che Te lo mostra nel tuo radioso Splendore di infinito, per l’inferiore e dubbia chiarezza che mi porta fuori strada verso la creatura. Non mi permette più di discernere chiaramente cosa sia verità e menzogna, vero bene e falso bene. Porta via questa oscurità da me. Al contrario, rendi la sera della mia vita sempre più la fine serena delle lunghe giornate estive, dove le nuvole possono essersi raccolte, il tuono che rimbomba, il sole che saetta un raggio troppo forte, ma che stanno volgendo al termine. nella calma raccolta e fiduciosa dove si annuncia un bellissimo domani. Dammi questo, o Tu per cui non c’è tempesta, nessuna nuvola minacciosa, nessun raggio ardente, nessuna tempesta devastante, nessun giorno che finisce. Dammi di conoscerti e di amarti come conosci te stesso e ami te stesso; dammi la tua vita eterna. Vivi in me, o Padre, nella mia anima che lo sforzo quotidiano, sorretto dalla tua Grazia, renderà sempre più evidente; genera come in uno specchio puro la tua Immagine che è tuo Figlio; incidi in me i tuoi tratti, o meglio fammi fare quello, che molto spesso il mio pensiero amorevole si rivolge a Te. Dammi per riconoscerti, per adorarti, in tutto ciò che fai. Dammi il tuo Spirito che così ti riconosce, ti adora e ti ama”.

Amen.