• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    Maggio: 2021
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


La “casa rifugio” a Zepperen

Zepperen 1

Oggi vi parlerò della “casa rifugio” a Zepperen, della comunità certosina di Glandier, la quale svolse attività monastica in certosa fino al 1901, anno in cui una nuova legge impose la spoliazione, obbligando così i monaci ad abbandonarla.

Al 1 ° luglio 1901 a Glandier c’erano 37 religiosi, di cui 21 padri e 16 fratelli. Dom Pierre Ligeon, il priore ricevette il 22 agosto un invito dalla Grande Chartreuse per discutere con gli altri priori sulle misure da adottare contro quella odiosa legge.

Fu deciso che la comunità di Glandier doveva trovare un nuovo luogo dove recarsi, al di fuori dei confini francesi. Furono fatti vari tentativi, in Belgio, nei Paesi Bassi, in Spagna ed in Italia. Vano fu anche il tentativo di insediarsi nella antica certosa olandese di Roermond.

Alcune settimane dopo, Dom Albert Courtray, che era stato nominato il 2 novembre 1900. procuratore di Glandier individuò in Belgio, e precisamente in prossimità della cittadina di Sint-Truiden, nella provincia del Limburgo, in Belgio un castello da poter acquistare. Dopo una prima missione esplorativa di due monaci sul luogo, avvenuta il 19 settembre del 1901, fece seguito, poichè sollecitati ad abbandonare la certosa, un primo gruppo di confratelli, composto da Dom Mansuetus Bretoneiche, antiquior e responsabile del gruppo, Dom Auguste Hastraffer, Dom Alexis Sirois, Dom Ephrem Bruneel, Dom Pierre Anthouard e del fratello converso Jacques Marti, il 23 settembre raggiunse Zepperen. Con la partenza di questo primo gruppo terminò l’attività monastica a Le Glandier! Il 25 settembre giunse un nuovo scaglione che comprendeva altri dieci religiosi. Il vicario, Dom Hilaire Legrand, Dom Jean de la Croix Dufaître, Dom Félix Charvot, Dom Jean-Baptiste Lefebvre, Dom Léonce Choquette, Dom Basile Romans, Dom Grégoire Boutiron, Dom Gervais Gatineau, ed i fratelli conversi Georges Nora e Placide Scholastic.

Il giorno successsivo, giovedi 26 settembre un terzo gruppo guidato da Dom Joël Girandier, coadiutore, e composto da Dom Joseph de Cussé, Dom Hilaire Aurit, e dai Fratelli Michel Michel, Julien Lopez, Martin Rougemaître e Bernardin Escot si aggregò a Zepperen.

I fratelli del noviziato, Joseph Casnelnaud, Irénée Petit e Bruno Zurbach, erano stati promessi alla certosa di Montalègre in Spagna, pertanto lasciarono Glandier il 27 settembre in abiti civili.

Rimase l’ultimo gruppo, composto dal Padre priore, dal sacrestano Dom François d’Assise Marechal, dal Procuratore, Dom Albert Courtray e dai fratelli Alphonse Allen, Emmanuel Bélenguer, Victor Léonard, Hubert Bleylevens e Jean-Marie Raset, partì il 30 settembre da Le Glandier, lasciando definitivamente vuota la certosa.

Purtroppo, il frettoloso trasferimento non aveva consentito l’idonea trasformazione del castello di Zepperen alle necessità della vita monastica certosina. Dopo le pratiche burocratiche di acquisizione, non si era riusciti a rendere agevole la quiete monastica.

Il solerte Padre priore, riuscì già dal2 ottobre a recitare l’ufficio notturno in una cappella improvvisata, mentre i confratelli risiedevano in stanze che nulla avevano a che vedere con le loro amate celle. Piano piano, con grande pazienza e sacrificio, i monaci tutti dovettero adattarsi a quella difficile situazione, che non garantiva loro l’ideale isolamento e solitudine per svolgere la vita claustrale a cui erano abituati.

Zepperen interno

Breve fu la durata di quel soggiorno forzato, difatti il Capitolo generale del 1905 fu deciso di sopprimere Zepperen che rimase soltanto “una casa rifugio”, poichè non riuscì mai a garantire il silenzio e la solitudine cercata. Tra il maggio e l’agosto del 1905, i religiosi partirono per le certose a cui erano stati destinati, abbandonando per sempre il castello di Zepperen. Ma che ne fu di questa casa rifugio? Dopo un tentativo di insediarvi la comunità certosina femminile di Gard, come vi ho descritto in un precedente articolo, questa proprietà certosina fu venduta il 24 luglio del 1920 ai Padri Assunzionisti. Oggi, l’antico castello ospita l’Istituto Sint-Aloysius, ovvero un campus universitario.

Ho voluto narrarvi le vicissitudini di questi confratelli certosini alle prese con i trambusti derivanti da odiose leggi anticlericali, che videro turbata la serenità della loro vita eremitica.

Zepperen aerea

-Zepperen oggi