• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    Maggio: 2021
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Le ricette dei certosini (1)

ricettario cartusia

Cari amici, come vi avevo annunciato, in un precedente articolo, ecco per voi le prime tre ricette, scelte per voi da un antico ricettario certosino.

Consideriamo sempre che il pranzo, solitario o comunitario nei giorni festivi, è vissuto dai monaci certosini come un vero e proprio momento liturgico.

«Io consumo il mio pasto molto lentamente. Mangiare non è solo una necessità fisiologica. Nutrirsi è anche un atto quasi liturgico. E’ il momento consacrato alla cura del corpo che è tempio dello Spirito Santo. Personalmente dedico a questo momento tutto il tempo necessario, gusto il cibo fino in fondo nella piena coscienza che nutrirsi nella gratitudine è un atto eucaristico direttamente collegato al cibo spirituale che si assume nella celebrazione della messa.» Un certosino

Zuppa di riso con cipolla

Ingredienti:

Una cipolla
50 gr di burro
1 Cucchiaio di farina o amido di mais
1 Cucchiaino di Sale
1 Pizzico di Pepe nero
150 gr di riso
1 litro d’acqua

Svolgimento:

Tritate la cipolla molto finemente e fatela soffriggere nel burro. Prima che imbiondisca aggiungete una manciata di farina o amido di mais che va anche fritto un po’, mescolando con una spatola; aggiungere abbastanza acqua per il brodo; condire con sale e pepe e far bollire.
Dopo che il brodo è passato attraverso il colino, si aggiunge il riso e quando è pronto si toglie e si serve.

Sardine al forno

Ingredienti:

1 Kgr di Sardine

1 cipolla media
100 Gr. pangrattato
1 Rametto di Prezzemolo
6 spicchi d’aglio
1Pizzico di Pepe Bianco
Olio, sale a piacimento


Svolgimento:
Mondate e aprite bene le sardine, eliminando la spina centrale salarle a piacimento. In una ciotola o contenitore singolo, coprire il fondo con un soffritto di cipolla dorata e pangrattato preparato in precedenza; disporre uno strato di sardine; sopra di loro un altro strato, coprirle con lo stesso condimento fino all’ultimo strato. Sopra a quest’ultimo adagiate la cipolla cruda tritata finemente, allo stesso modo il prezzemolo, un po ‘di aglio tritato e un pizzico di pepe bianco; il tutto sarà ricoperto da pangrattato, ben distribuito sopra le sardine; il tutto viene ricoperto con olio o in alternativa fiocchetti di burro, in modo che possa sciogliersi una volta infornato e si rosoli. Sale qb.

Piselli al burro nero (manteca negro)

Ingredienti:

1/2 Kg di piselli
1 Cucchiaio di Burro
1 foglia di Alloro
1 scalogno
2 spicchi di aglio
1 Cucchiaino di Sale
1 pizzico di pepe
1 Cucchiaio di aceto.

Svolgimento:

Cuocere i piselli in acqua bollente salata. Scolateli tutti e ben caldi, metteteli in una padella con un cucchiaio abbondante di burro nero caldo, che deve rosolare un po’, con un cucchiaio di aceto bollito, alloro, aglio e pepe. Servire caldo.

converso in cucina