• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    giugno: 2021
    L M M G V S D
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 618 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Il canto dei certosini X

chant

Prosegue concludendosi, l’approfondimento sul canto certosino, estratto dal testo scritto da Dom Benoit du Moustier Lambres, quindi fonte fedele, ed esplicativo sul canto dei certosini.

Ecco a voi il decimo ed ultimo capitolo….

LE CHANT DES CHARTREUX

Dom BENOIT-M. LAMBRES, O. Cart. (certosa di La Valsainte)

X. LETTERATURA

Nel corso dei secoli, diversi certosini hanno scritto canti e musica, ma i loro trattati raramente riguardano il canto certosino. Così, ad esempio, il Cantuagium, già citato, di Henri Eger de Calcar è rivolto a cantanti tra i quali compaiono i pueri cantores, e molti dei suoi esempi non si trovano nel repertorio certosino. D’altra parte, l’anonimo certosino del XIV secolo, autore del Tractatus de musica plana, sembra prendere di mira anche la pratica corale del suo Ordine. Lo stesso si deve dire dell’Opus pacis di Oswald. Un elenco molto ampio di musicologi certosini può essere trovato nell’articolo “Kartauser” del professor Heinrich Htischen, nell’Enciclopedia DIE MUSIK IN GESCHICHTE UND GEGENWART, Col. 713, 714. Da un punto di vista musicale, musicologico o paleografico, nulla di veramente valido è stato pubblicato sul canto dei Certosini, poiché la sezione dedicata a questo argomento nell’articolo “Certosino” del DAL, 1045-I07I. A parte l’articolo citato del professor Hiischen, è quasi eccezionale che gli scritti non certosini che trattano questo argomento non contengano inesattezze deplorevoli. Sulle vite misteriosamente nascoste di quegli eremiti che non incoraggiano la pubblicità, c’è anche poca letteratura che non abbonda di errori o distorca la prospettiva con un’enfasi sui lati secondari. Per ulteriori informazioni, faremmo volentieri riferimento al lavoro La Grande Chartreuse, da un chartreux (distribuzione presso la Grande Chartreuse, da S. Pierre de Chartreuse (Isere) Francia), e alla sezione “Saint Bruno et le Rayonnement de l’Ideal Cartusien” di Dom Jean Leclercq, OSB, in t. II della Storia della spiritualità di Bouyer, Leclercq, Vandenbroucke e Cognet (Aubier, Parigi 1960). Sulla profonda impressione che gli Uffici Certosini hanno sempre fatto sugli assistenti in visita, c’è una notevole letteratura aneddotica, che mette in relazione le testimonianze di un San Bernardo e di Pietro il Venerable fino a quella di un filosofo, spiritualista ed esteta conosciuto e ammirato entrambe le sponde dell’Atlantico, Sig. Jacques Maritain. Assistente per la prima volta in un Ufficio, presso la tribuna della Chiesa della Certosa di La Valsainte, era pronto a seguire i testi in un breviario. Ma, dalle prime note dell’invitante salmo Venite ‘exsultemus Domino, il suo vicino lo vide chiudere il libro e rimanere prigioniero al canto dei monaci. Interrogato da questo vicino, dopo l’ufficio ha risposto: “Altrove, avevo sentito cantare; ma, qui, preghiamo”. Il che senza dubbio significa che se, nella preghiera cantata, l’aspetto del “canto” ha facilmente la precedenza altrove, nei certosini è l’aspetto della “preghiera” ad avere la precedenza.

P.S. Mentre questo libro sta per uscire, è in corso di stampa una grande opera di primaria importanza, che fornirà in dettaglio e con ricca documentazione tutto ciò che sappiamo oggi sul canto dei monaci certosini. Essi sono: Dr. Hansjakob Becker, Die Responsorien des Kartduserbreviers, Untersuchungen zu Urform und Herkunft des Antiphonars der Kartause (nella Collezione “Liturgiewissenschaftliche Quellen und Forschungen”).

Una Risposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: