• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    giugno: 2021
    L M M G V S D
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 598 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Il “cardinale della pace” e La Valsainte

5444_francisco-de-asis-vidal-y-barraquer

In un precedente articolo, da questo blog, vi ho già parlato del privilegio del cardinale svizzero Charles Journet, che ottenne di essere seppellito nel cimitero della certosa di La Valsainte. Oggi, invece vi parlerò di un altro cardinale che per trentacinque anni è stato sepolto sull’altare maggiore della certosa svizzera.

Ma ciò, come fu possibile?

Proverò ad illustrarvi questa vicenda, che portò il cardinale spagnolo Francisco de Asís Vidal y Barraquer a trovarsi in certosa nel giorno della sua morte.

Egli nacque a Cambrils, a sud di Barcellona il 3 ottobre del 1868. Dopo aver completato gli studi liceali ed in seguito aver conseguito la laurea in giurisprudenza, esercitò la professione forense per qualche tempo, ma nel 1895 decise di entrare in seminario a Barcellona. Ordinato sacerdote il 17 settembre 1899, esercitò il ministero nella curia della sua diocesi. Il 10 novembre del 1913 fu consacrato vescovo titolare di Pentacomia e l’anno successivo nominato amministratore apostolico della diocesi di Solsona. Il 7 maggio del 1919 fu inviato alla sede arcivescovile di Tarragona. Nel concistoro del 7 marzo 1921 Papa Benedetto XV lo elevò al rango di cardinale.

Durante la sua attività, in Spagna vi furono eventi politici che ne determinarono il corso della sua esistenza. Fu dapprima accusato ingiustamente di essere catalanista e quindi avverso alla monarchia, mentre successivamente, allo scoppio della guerra civile nel 1936, conobbe personalmente gli orrori della persecuzione anticlericale. Il 21 luglio 1936 lasciò il suo palazzo arcivescovile e fu trasferito a Poblet, dove fu arrestato due giorni dopo da elementi della FAI (Federazione Anarchica Iberica) e imprigionato a Montblanch, ma riuscì a farsi liberare ed il 30 luglio si imbarcò a Barcellona per l’Italia, passò per Roma e in seguito si stabilì nella Certosa di Farneta, vicino Lucca, dove vi rimase fino al 1939. Trascorse un periodo tra le mura certosine, dedicandosi al silenzio ed alla preghiera, riuscendo a conciliare i suoi impegni.

Il “cardinale della pace”, come era ribattezzato Vidal y Barraquer si rese protagonista di un episodio che lo costrinse a rimanere in esilio per il resto della sua vita terrena. Difatti egli si rifiutò di firmare la lettera collettiva dell’episcopato spagnolo che rappresentava l’approvazione di una delle due parti in lotta. Il suo atteggiamento pastorale non gli permise di escludere nessun cittadino spagnolo dalla sua attività a favore della pace. Il cardinale addirittura si offrì come ostaggio per evitare gli eccessi dei suoi compatrioti. Per questa sua decisione, il governo del dittatore Francisco Franco si oppose al suo ritorno a Tarragona, una volta terminata la guerra. E’ singolare che nonostante la lontananza forzata dalla sua diocesi, Papa Pio XII non chiese mai le sue dimissioni, tenendolo sempre a capo dell’arcidiocesi. Si narra che gli inverni li trascorreva a Farneta, mentre nel periodo estivo si recava alla certosa svizzera di La Valsainte. A causa delle turbolenze della guerra mondiale, decise di rimanere nella certosa elvetica ritenuta più sicura poichè sita in territorio neutrale.

Lunedì 13 settembre del 1943, all’età di 74 anni il cardinale Francisco de Asís Vidal y Barraquer, morì in esilio.

Cardinale Vidal

La cerimonia funebre fu caratterizzata da una solenne semplicità, il Padre Priore Dom Nicolas Barras e tutta la comunità certosina di La Valsainte si strinsero al feretro da loro composto, alla presenza di pochissimi amici, tra cui monsignor Charles Journet. Successivamente le spoglie mortali del cardinale furono sistemate sull’altare maggiore della chiesa della certosa, dove rimasero per trentacinque anni. Difatti, nel suo testamento egli espresse il desiderio che le sue spoglie potessero essere trasferite un giorno nella cattedrale di Tarragona, e sepolte vicino alla tomba del suo vescovo ausiliare, Manuel Borrás. Queste volontà testamentarie furono finalmente esaudite il 13 maggio del 1978.
Questa storia che vi ho voluto narrare fa luce su un personaggio dedito alla pace che visse in un periodo tormentato da violenze e persecuzioni, e che trovò ospitalità presso i certosini.

altare dove riposavano i resti

Oggi a La Valsainte vi è una targa che ricorda quella particolare sepoltura con l’iscrizione: “Ho amato la giustizia e ho detestato l’iniquità; ecco perché muoio in esilio. 13 settembre 1943 “. D’altronde va ricordato che il motto episcopale del cardinale Vidal era: diligite alterutrum” (“amatevi l’un l’altro”).

1

S.Ugo, il “collezionista di ossa”

copertina Vita Ugo

Oggi 17 novembre si celebra la memoria liturgica di S. Ugo vescovo di Lincoln, di questo celebre certosino vi ho ampiamente parlato nel corso degli anni. L’articolo odierno vuole raccontare, altri particolari sul vescovo certosino, attraverso qualche aneddoto estratto da “La vita di Ugo”, scritto e composto dal suo cappellano Adamo di Eynsham, un monaco benedettino suo costante collaboratore, che è oggi conservata in forma manoscritta nella Bodleian Library di Oxford.

Ugo Lincoln certosa Paviadi Vermiglio Giuseppe (1587 post 1635)

Sulla personalità:

Un aneddoto ci illustra il rapporto di Ugo con la preghiera e la politica. Un giorno di festa in cui Ugo, vescovo di Lincoln, e un altro Ugo, vescovo di Coventry, erano attesi in udienza con il re Enrico II, i fratelli vescovi si ritrovarono insieme in coro a una messa conventuale. Il vescovo di Coventry omise i toni solenni propri del giorno e cominciò a salmodiare l’Introito. Il santo vescovo di Lincoln lo interruppe, cantando fin dall’inizio l’Introito con la debita solennità. Quando il vescovo di Coventry lo ha contestato: “Dobbiamo affrettarci, perché il re ci aspetterà, e ha molta fretta”, il vescovo certosino ha ribattuto: “Non posso farci niente; dobbiamo prima rendere omaggio al Re dei re. Nessun lavoro secolare può dispensarci da ciò che Gli dobbiamo; e il nostro servizio oggi dovrebbe essere festoso, non irrequieto “.

Finished-Painting-portfolio-850x1024

Sui lebbrosi:

Come molti santi prima di lui, Ugo lavava, puliva, asciugava e poi baciava i piedi dei lebbrosi e degli emarginati. A quei tempi si credeva che il “bacio di San Martino” (il bacio di un re o di un sant’uomo) curasse la lebbra, quindi questo servizio era popolare, ma Ugo ha il merito di aver detto “Con me è il contrario, i baci dei lebbrosi guariscono la mia anima malata “. Egli amava particolarmente gli emarginati e gli oppressi. Da vescovo ha rivolto la sua azione caritatevole ai malati di lebbra, ai malati e ai poveri. Ugo lavava e asciugava i piedi ai lebbrosi, si sedeva con loro li confortava e li abbracciava e li baciava uno per uno.

Miracolo di S. Ugo di Lincoln

Sugli ebrei

Quando il re Enrico morì e il famoso Riccardo Cuor di Leone salì al trono, ci fu un’ondata di rivolte antisemite, una a Lincoln. Un mercante di Lincoln di nome Aaron aveva prestato denaro all’Abbazia di St. Alban e quando lo voleva indietro una folla si ribellò e lo inseguì nella chiesa, intenzionata a bruciarlo. Ugo rimase fermo davanti all’altare e “mise il timore di Dio” nei rivoltosi in un senso molto letterale. Impauriti ed irretiti dal monito autorevole di Ugo fuggirono senza la loro vittima. In molte altre occasioni Ugo affrontò da solo una folla armata e arrabbiata e riuscì sempre a persuadere i rivoltosi che risparmiarono le loro vittime.

s. Ugo trisulti (BALBI)

Il collezionista di ossa

Vi svelo ora il significato del titolo bizzarro che ho dato a questo articolo. Sempre il biografo, fedele cronista degli episodi e dei comportamenti del nostro amato S. Ugo, ci riporta moltissimi aneddoti riguardanti le reliquie. Ci narra che Ugo era un cultore delle reliquie in genere ed un “collezionista di ossa”. Il vescovo certosino si fece costruire uno speciale anello su quale fece incastonare un piccolo reliquiario contenente una trentina di frammenti ossei!

Inoltre riuscì ad ottenere un dente di san Benedetto che mise a contatto con delle pecette che distribuiva ai monaci che ne apprezzarono il valore di reliquia. La sua smodata passione per collezionare frammenti ossei, spinse Ugo a episodi che appaiono alquanto macabri a quanto ci riferisce il biografo Adamo di Eynsham. A Fècamp, staccò con i propri denti due frammenti dal braccio del corpo di Maria Maddalena, dopo aver provato invano a staccarlo con le dita, ciò avvenne sotto lo sguardo sorpreso e terrorizzato di alcuni monaci.

bruno ugo e1600 scuola tedesca

Preghiera:

Sii la nostra luce nelle tenebre, o Signore, e nella tua grande misericordia difendici da tutti i pericoli ed insidie di questa notte; per l’amore del tuo unico Figlio, il nostro Salvatore Gesù Cristo.

Santo Dio, il nostro più grande tesoro, hai benedetto Ugo, vescovo di Lincoln, con saggia e gioiosa audacia per l’annuncio della tua Parola a ricchi e poveri allo stesso modo: concedi che tutti coloro che ministrano nel tuo nome possano servire con diligenza, disciplina e umiltà, non temendo altro che la tua perdita e attirando tutti a te per mezzo di Gesù Cristo nostro Salvatore; che vive e regna con te nella comunione dello Spirito Santo, un solo Dio, ora e sempre.

Amen.

Dom Bruno Loher ed il suo maestro Lanspergio (parte seconda)

Dom lanspergio scolpito nel pulpito a Laon

Dom Lanspergio scolpito nel pulpito della cattedrale di Laon

Prosegue la biografia di Dom Bruno Loher su Dom Giovanni Giusto Lanspergio.

” Vita conscripta venerabilis et suspiciendi D. Joannis Justi Lanspergii “

La sua pazienza è stata così ammirevole in mezzo alle atroci sofferenze che lo hanno mortificato totalmente, soprattutto alla fine della sua vita, che sembrava un miracolo per tutti coloro che lo circondavano di essere vivo. E non è stato sorprendente, quindi, essere stato spesso liquidato dai medici, che hanno annunciato la vicinanza della sua morte a causa della cattiva condizione dei suoi polmoni e del fegato per anni, contro ogni probabilità che potesse sopravvivere così molto malato. Ma era così paziente nella sofferenza che una sola espressione di impazienza non gli uscì mai di bocca. E quando alcuni religiosi, laici o potenti lo visitavano e gli chiedevano come stava, lui rispondeva sempre dicendo di essere in buone condizioni o con le parole di San Giobbe: «Come fa piacere al Signore; Possa il suo nome essere benedetto. ”Molto spesso era stanco di vivere più a lungo a causa dell’intensità del suo dolore. Voleva morire e stare con Cristo, soprattutto a causa della deplorevole rovina della Chiesa cattolica e della condanna delle anime, una situazione che meritava di essere pianto con lacrime di sangue. Ed è stato che ha visto che le anime, corrotte ovunque leggendo i libri di Erasmo, Lutero e altri disertori del suo stesso Ordine (di cui diceva che erano state consegnate da Dio nel senso reprobo), correvano senza controllo dirette all’inferno, poiché che il mondo, nella sua cecità, crea oggi falsi dottori. Si astenne completamente da tali letture e consigliò agli altri di astenersi a causa del loro scarso profitto e perché difficilmente potevano essere letti senza pericolo di contagio, poiché le sue parole, come un cancro, venivano introdotte di nascosto nell’anima; Inoltre, poiché non solo tutta la dottrina, ma anche tutti i libri di quegli pseudodottori erano stati proibiti e condannati. Commosso da questo fatto, dato il suo ammirevole amore e sete di salvezza delle anime, pubblicò molti scritti che respiravano pietà, sana fede ed un esimio amore per Dio e il prossimo. Grazie a quegli scritti, e nella misura delle sue forze, salvò molte anime corrotte dall’errore e impigliate nei legami del diavolo, in cui vide che innumerevoli di loro erano fortemente intrappolati e si precipitavano con gli occhi chiusi alle fiamme dell’inferno. Rafforzò il vacillante, rafforzò il fermo, infiammò il tiepido, aiutò l’esercitato, istruì gli ignoranti, spronò coloro che correvano e, come guida esperta, mostrò il percorso reale a coloro che desideravano servire Dio. In breve, non c’era nessuno che non trovasse alcun uso nei suoi libri. E tutto ciò è accaduto felicemente con l’aiuto di Dio, che ha riversato sui suoi scritti una grazia non volgare e ha dato così tanto frutto nella Chiesa di Dio, che tra i dottori ecclesiastici non dovrebbe essere considerato all’ultimo posto. Poiché i suoi stessi insegnamenti si applicano a se stessi, il nostro Lanspergio ha messo tutti i suoi sforzi per diventare sereni gli altri come un’immagine vivente di tutte le virtù e non ammettere a se stesso tutto ciò che dispiace alla sua dottrina o ne toglieva il peso.

Per questo motivo, tutto ciò che diceva o scriveva aveva un’enorme forza e autorità anche tra gli uomini di grande apprendimento, i quali, rendendosi conto di certe indicazioni che lo spirito di Cristo viveva in lui e parlava attraverso la sua bocca, erano spesso profondamente colpiti da Parole e scritti: in tutta la sua condotta c’era una straordinaria innocenza, la semplicità di una colomba unita a una grande prudenza, un’integrità cristiana, una pronta benevolenza verso tutti, una gentilezza spontanea, un dolce affetto ma non eccessivo, l’odio per il peccato, l’amore per la giustizia, disprezzo per il mondo e le cose terrene, grande desiderio di povertà e amore ardente. Chi gli si avvicinò senza sentirsi sollevato dal suo consiglio? Chi, dopo aver avuto una conversazione intima con lui, non ne ha avuto profitto? E non solo trattava i suoi fratelli in quel modo, ma anche estranei e sconosciuti, ma faceva sempre grandi sforzi nel dare le prove di un uomo evangelico e non solo nel portare il Vangelo in bocca, come molti fanno oggi. Abominò gran parte dei malvagi dogmatici, perché sebbene tutta la loro vita sia in chiara contraddizione con i precetti del Vangelo, tuttavia, si vantano di evangelici e vogliono fingere. La loro spudorata incoscienza e la loro folle vergogna erano sempre estremamente odiose per lui, anche se simpatizzava con la loro situazione e piangeva per la cecità e la follia con cui spingevano non solo se stessi, ma anche molti altri, a eterne miserie e calamità, non importa quanto loro stessi. non accordarono a questo fatto la minima importanza a causa dell’oscurità estremamente oscura del loro cuore e della ferrea ostinazione della loro anima. Spesso, nelle loro opere, criticavano e confutavano gli errori di questi eretici, senza altra intenzione che farli conoscere in modo che si rettificheranno da soli, o certamente in modo che gli altri non rimangano impigliati in essi. Sì, è comune per i santi di Dio combattere per liberare le vittime dalle bugie del diavolo e riportarle alla vera salvezza. I santi, infatti, soffrono molto di più per i pericoli che attendono le anime che per le difficoltà dei loro corpi. Ma le molteplici ferite che Dio Onnipotente riceve dai peccati degli uomini li tormentano anche molto a causa del loro grande amore per Lui, amore che li porta a non lasciare senza punizione i minimi peccati. Potremmo ancora scrivere con piena fedeltà molte altre cose in raccomandazione di questo venerabile padre, ma poiché i suoi scritti sono per chiunque la sua migliore raccomandazione, riteniamo superfluo estenderci molto di più. Ha vissuto felicemente e la sua vita felice è stata seguita da una morte felice. Chi viveva ogni giorno come se fosse l’ultimo non poteva avere una brutta morte. Bene, come poteva temere le trappole della morte che non permettevano che ci fosse qualcosa in lui che potesse instillare paura della morte? Mentre viveva, ha combattuto duramente per rimuovere da se stesso tutto il peccato e tutto ciò che potrebbe sopraffarlo nell’ora della morte, così che quando sarebbe arrivata, non sarebbe stato sorpreso preparandosi all’ultimo momento, come fanno molti pazzi, ma piuttosto la avrebbe accolta felicemente come porta di accesso alla vita. Era senza dubbio il numero di coloro che hanno la vita nella pazienza e nella morte in desiderio, per quale piacere avrebbe potuto trovare nella vita che, come abbiamo già detto, ha dovuto sopportare così tante malattie che sembrava più morto che vivo? Quindi voleva la morte per poter venire alla presenza della gloria di Dio. E sebbene abbia dovuto aspettare un pò di tempo che il suo desiderio fosse finalmente ascoltato molte opere fedeli e corone di pazienza, e dopo aver dato grandi frutti nella Chiesa di Dio e nell’Ordine certosino con la sua parola, penna ed esempio, confortarono spiritualmente i Sacramenti della Chiesa e confessarono scrupolosamente e piamente tutti i suoi difetti, in piena lucidità, Diede il suo spirito santo a Dio, dal quale l’aveva ricevuto, l’11 agosto 1539, dopo aver vissuto lodevolmente per 30 anni nell’ordine cartusiano.

Spero abbiate apprezzato questo testo di Dom Loher, un profilo tracciatoci da un suo contemporaneo e confratello, ed è per questo che credo assuma una importanza notevole.

Un’imperdibile intervista (parte seconda)

Cari amici, come promesso eccovi il testo della seconda parte dell’ intervista audio a Dom Antao, priore della certosa di Evora.

40160084_2211183865828495_3593168162364850176_n

Dal minuto 16:00…

Aura Miguel: Quando sei arrivato qui?

Dom Antao: Nel 1964, per aprire il noviziato. Il primo novizio di tutti è ora nella certosa dell’Inghilterra.

Aura Miguel: Da allora sei qua?

Dom Antao: Sì, quindi questa facilità per la solitudine e il silenzio viene psicologicamente già preparata dal momento in cui entriamo.

Trascorriamo la settimana da soli, in 6 giorni mangiamo da soli. Solo la domenica e le feste mangiamo insieme nel refettorio. Questo è per noi un momento, una forte esperienza, sia di solitudine che di convivenza. Nell’anno 2001 sono stati celebrati 900 anni della morte di San Bruno e il Papa, oggi San Giovanni Paolo II, è andato a celebrare alla certosa fondata da San Bruno in Calabria, dov’è la reliquia del suo corpo. Ha cantato la Messa e poi ha mangiato con i monaci nel refettorio. Ed il Priore stesso mi ha detto che al refettorio hanno iniziato con una lettura e il Papa si è rivolto a lui (che era francese) dicendo: “Padre, abbiamo bisogno di mangiare in silenzio, per favore siediti” (ride…).

Allora parliamo della parola solitudine. I giornalisti che scrivono libri parlano molto del silenzio. Il silenzio è una conseguenza della solitudine, ma la solitudine ha una carica molto più profonda. Quando siamo da soli, troviamo noi stessi. E quando siamo soli, incontriamo Dio. È un profondo stato psicologico di liberazione dagli altri, da tutto… Quando ci sentiamo soli, ci sentiamo diversi. Ed è così forte che per questo noi oggi completiamo o equilibriamo la nostra vita con queste feste celebrate insieme. Parliamo la domenica pomeriggio, non parliamo al refettorio, ma il pomeriggio parliamo e un altro pomeriggio della settimana usciamo per camminare nei campi. La solitudine è ciò che ci rende diversi.

Aura Miguel: Padre Antao, scusa la mia domanda, non so se vuoi rispondere. Ma questo per chi non sa bene a che cosa serve, non sembra egoista? Sarebbe come…ora sono chiuso, serve solo per me con Dio.

Dom Antao: Anche se solo servisse per me, serve già per qualcosa (ride…). Allora perché non siamo 200 invece di 6? Se essere egoista è così frequente e così facile, qui sarebbe pieno di gente. È egoismo? Quindi vieni e provalo! E poi, anche se fosse solo per me, il frutto vale la pena: la santificazione. Qui facilita la santificazione. Posso essere più santo parlando con Dio 8 ore ogni giorno, che con i bambini della catechesi, perché mi distraggono, mi fanno perdere la pazienza… Pertanto, se fosse egoismo santificarsi e pensare a sé stesso, ne varrebbe la pena. È già buono per qualcosa, se mi serve per essere più santo e passare più tempo con Dio. Se mi unisco a Dio, non sono inutile per gli altri.

Aura Miguel: E cosa pregate?

Dom Antao: La nostra preghiera è principalmente riferita a Dio. Dobbiamo lodare e ringraziare Dio e preghiamo per gli altri. La mia conversazione con Dio non è solo chiedere perdono o chiedere grazie, è ringraziare per i benefici che Dio continuamente ci dà. Lodare, ringraziare e poi anche chiedere. Abbiamo due ideali: l’intercessione e l’esempio, la testimonianza. Quindi la nostra preghiera deve essere principalmente lode e ringraziamento, ed anche richiesta. La richiesta a Dio si basa sulle notizie. Quindi non siamo così isolati o così ignoranti del mondo. Siamo molto preoccupati per la persecuzione alla Chiesa, che è molto più grande in Medio Oriente, i cristiani uccisi in Africa e altrove… Questo è già abbastanza per parlare con Dio. Ma Dio non ha bisogno di nomi e soprannomi. L’intercessione è fondata sulle notizie, ma non abbiamo la televisione o la radio.

Aura Miguel: Ma come ti arrivano queste notizie?

Dom Antao: Le abbiamo scritte, per due motivi: perché possiamo scegliere il tema e il momento. Quindi selezioniamo e passiamo attraverso le celle. Leggiamo dopo pranzo e poi parliamo durante la ricreazione. Si può pregare e parlare. Siamo informati.

Aura Miguel: E adesso quanti ne siete qui?

Dom Antao: Siamo 6. Eravamo 20, ma anni fa. Poi una dozzina quasi sempre. E ora molto meno certosini, un declino delle vocazioni, l’invecchiamento…e questa Certosa rimane come una porta aperta in Portogallo. Ma noi 6 viviamo le stesse ore, le stesse abitudini delle altre case. Cantiamo esattamente a mezzanotte, abbiamo le gite, la ricreazione e al refettorio…in tutto abbiamo la vita normale. Quindi vivendo questa stessa vita, offriamo la nostra vita. La differenza è che non possiamo avere noviziato. Ci sono poi 2 portoghesi nella certosa di Valencia.

Aura Miguel: Se esistesse il noviziato qua, sareste 8, 9?

Dom Antao: Sì e no. Contiamo i professi, i novizi non contano, perché forse possono non perseverare. Quando ne avevamo 12, abbiamo formato sacerdoti.

Aura Miguel: C’è stata gente famosa qui, come il pittore Fra Miguel, il calciatore

Dom Antao: Sì, un altro famoso è il “Quintela”, uno dei proprietari del “Vista Alegre”, è sepolto qui.

Aura Miguel: E il calciatore, l’hai conosciuto?

Dom Antao: Sì, l’ho formato, era il maestro dei novizi. Lui chiedeva il permesso di correre intorno al chiostro a causa dell’immobilità (ride…). L’ho conosciuto, l‘ho formato ed ora è procuratore nella certosa in Calabria.

*Alla fine, la giornalista parla del panorama commerciale del Natale e chiede a Dom Antao consigli sul modo migliore per vivere questo periodo dell’Avvento e del Natale.

Dom Antao: Una sola parola: decristianizzazione della società. La società ora trascorre le feste cristiane senza il cristianesimo. Il mio consiglio sarebbe di vivere come viviamo le feste cristiane, principalmente, non solo, ma principalmente con il contenuto cristiano. Che Gesù nasca, che si parli di Gesù, che si pensi a Gesù! L’unico consiglio è che i cristiani mantengano e preservino il cristianesimo nella società e continuino a vivere il Natale e tutte le altre feste in modo cristiano, perché adesso, sia involontariamente o inconsciamente, stanno scristianizzando le feste.

Aura Miguel: Questo scenario non ti spaventa?

Dom Antao: Sì, molto. Nella mia preghiera, ho momenti di tristezza e poi ho fiducia nelle parole di Gesù nell’ultima cena: ho vinto il mondo. È triste da vedere…non la gente che non va a Messa per essere pigra ad alzarsi dal letto…ma sì la volontà di perseguitare la Chiesa che esiste, la Massoneria e il Satanismo che agiscono. Non sono la pigrizia e l’abbandono dei cristiani deboli. Ci sono anti-cristiani che perseguitano la Chiesa. In Spagna questo è molto attuale. Una volontà di proibire, impedire, rendere difficile l’insegnamento della religione nelle scuole. C’è una persecuzione alla Chiesa, questo è ciò che dà tristezza. La debolezza umana è sempre penosa, ma c’è poco cristianesimo ed i nemici del cristianesimo ci inseguono.

Aura Miguel: Dio continua a chiamare, ma pochi sono illuminati …si dice che l’uno o l’altro appare qui.

Dom Antao: È necessario riconoscere che la situazione attuale è già descritta nel Vangelo. Un piccolo gregge. Erano pochi: “Voi anche volete andare via?” Aveva una dozzina di apostoli e non si sapeva se anche questa dozzina sarebbe andata via. Già nel Vangelo esisteva questa situazione di pochi e perseguitati. E Gesù finisce dicendo nell’ultima cena prima di morire: ho vinto il mondo. Quindi quello che succede ora è essenziale per il cristianesimo. Ma è spiacevole che lo abbiano crocifisso Gesù, anche se lui sapeva che sarebbe stato crocifisso.

Aura Miguel: Grazie Dom Antao, per questa certezza incrollabile che testimonia la vittoria in un contesto così difficile.

Grazie e se puoi, ora mi fido che preghi per tutti noi che abbiamo ascoltato e preghi per la “Radio Renascença”.

Il certosino inquisitore

21-d-_luis_mercader

Nell’articolo odierno vi proporrò la storia di un certosino spagnolo: Dom Luis Mercader Escolano, il certosino inquisitore.
Luis nacque a Murviedro nei pressi di Valencia, nel 1444, da una nobile famiglia locale i Conti di Buñol. Sin da piccolo ebbe propensione per lo studio, e dapprima studiò dottrine umanistiche a Valencia e in seguito si recò a Salamanca dove si dedicò allo studio di matematica arte e teologia, giovanissimo divenne dottore in utroque. A soli ventiquattro anni, nel 1468, decise di entrare nella certosa di Val de Cristo e diventare monaco certosino. Date le sue doti, divenne maestro dei novizi e nel 1476 procuratore. Questo incaricò lo svolgeva a malincuore e diverse volte ne chiese misericordia, ma solo nel 1488 il Capitolo Generale dell’Ordine lo nomina Priore della certosa di Porta Coeli. Ma il 24 giugno del 1489 viene eletto all’unanimità Priore della sua certosa, e pertanto svolgerà tale mansione a Val de Cristo, non solo, l’anno seguente viene nominato Visitatore della Provincia cartusiana di Catalogna.
Ancora una volta Dom Luis con questo incarico vedeva turbata la sua vocazione alla solitudine ed alla quiete della cella! Fu così accolta la sua richiesta di misericordia anche per questo compito, e il 14 ottobre del 1491 fu deposto, ma il 9 gennaio del 1494 fu nuovamente eletto all’unanimità priore alla certosa di Val de Cristo. La sua personalità era davvero forte al punto che fu scelto dal re Ferdinando il Cattolico come suo confessore ed ambasciatore personale presso il Papa. Questo incarico condusse Dom Mercader a fare visite diplomatiche all’Imperatore Massimiliano I d’Asburgo, al re Ladislao d’Ungheria e sul soglio pontificio retto da Alessandro VI. Questa sua attività diplomatica non fu gradita al capitolo Generale dell’Ordine, che nel 1511 intimava Dom Luis di ritirasi a vita claustrale. Il re Ferdinando difese questa censura ricevuta dall’ Ordine certosino, ma ne approfittò per nominare, il 13 gennaio del 1514, Dom Mercader vescovo di Tortosa ed investendolo anche del titolo di Presidente del Tribunale dell’inquisizione di Navarra e Aragon!
Quest’ultimo titolo scosse emotivamente Dom Luis, che svolse questa mansione in maniera estremamente mite, come fu la sua condotta episcopale secondo le virtù apprese tra i certosini. Continuò a praticare l’astinenza dalla carne ed un regime di vita severo. Il 9 giugno del 1516, a settantadue anni di età di ritorno da corte a Buñol, la sua anima salì al cielo. Il suo corpo fu seppellito nella Cappella della Maddalena nella sua amata certosa di Vall de Cristo. Durante il suo priorato infatti egli aveva disposto la costruzione di questa cappella, dove fu poi interrato tra la commozione dei suoi confratelli. Si spense con la fama santità, fu apprezzato come uomo saggio e ricco di rare virtù. Dopo la sua morte, e trascorsi 83 anni, da quell’infausto giorno, i monaci aprirono la cripta per pulire le reliquie del santo confratello, ma fu con grande stupore che assistettero ad un vero prodigio.
Le spoglie mortali di Dom Luis Mercader erano incorrotte!
L’aspetto fisico era identico al momento in cui era morto, aveva una folta barba rossiccia e l’abito monastico intonso e non vi era traccia di cattivo odore. I certosini, ringraziarono Dio per tale prodigio e benedissero le spoglie, seppellendole nuovamente. Nelle cronache della certosa di Val de Cristo, vi è notizia di un altro tentativo di indagine effettuato su queste spoglie. Difatti trascorsi altri cinquanta anni, ovvero centotrentaquattro dalla dipartita di Dom Luis, altri suoi confratelli aprirono la cripta. Lo stupore fu estremo nel vedere le venerabili reliquie ancora intatte. Dal corpo del loro confratello defunto emanava inoltre un soave profumo, segnale della sua santità. I monaci provarono ad estrarre un dente come reliquia da venerare, ma fu impossibile poichè esso era attaccato alla arcata dentaria come se fosse vivo!
Decisero così di chiudere la cripta e lasciar riposare il loro confratello in quell’aura di santità.
Su di lui scrissero: “Fu molto dedito allo studio della matematica, fu per questo che ebbe nella sua cella molti astrolabi e orologi che lo hanno aiutato l’uno a salire su nel cielo con la contemplazione; e l’altro a piombare e strisciare sul pavimento, prostrandosi e ricordando la brevità della vita

dom-luis-mercader-offre-lo-scudo-del-suo-casato-a-san-bruno-2

Dom Luis Mercader offre lo scudo del suo casato a san Bruno

 

 

 

“Ciao Padre Christian”

“Ciao Padre Christian”

23 padre Christian

Cari lettori di Cartusialover, ho il piacere di offrirvi la visione di un documentario su Dom Christian Thomas, il “piccolo grande” certosino. Recentemente avevo visionato questo video, essendo stato diffuso da alcune televisioni locali calabresi, rimastone attratto dalle numerose e preziose testimonianze in esso contenute, ho deciso di contattarne il regista. Al quale ho chiesto ed ottenuto la possibilità di diffonderlo da questo blog, avendogli spiegato che la figura di Padre Christian deve avere, secondo me, una conoscenza che oltrepassi i confini locali. Ho infatti potuto riscontrare un notevole interesse per questo pio certosino, sia da quanti lo hanno conosciuto di persona e sia da coloro che lo hanno potuto conoscere solo da questo blog, che ripetutamente ne ha descritto le sue opere. L’intento della divulgazione da Cartusialover è quindi la massima conoscenza e diffusione in ogni angolo del globo terracqueo, della santità di Padre Christian descritta nel documentario, affinchè possa giungere nei cuori di quanti lo hanno amato, lo amano e lo ameranno.

Numerose sono le testimonianze, gli stralci di interviste in presa diretta con la voce suadente di Dom Christian che, emanando la sua inconfondibile e percepibile aura di santità,  ci affascineranno coinvolgendoci totalmente.

A seguire, una breve nota scritta dal regista Paolo Imperio, che mi ha permesso di realizzare questo articolo, ed a cui vanno i ringraziamenti miei e di tutti i lettori del blog.

“Ciao Padre Christian”

A tre anni dalla sua scomparsa abbiamo voluto ricordare il “Certosino di strada”, Padre Christian, tracciando in pochi minuti il percorso della sua vita, con le testimonianze del Vescovo di Crotone Mons. Domenico Graziani , di Mauro Mons. Fedele Arnaldo parrocchia Beata Vergine del S.S. Rosario di Pompei, di Don Luigi della parrocchia S. Antonio, di Don Edoardo direttore del centro residenziale per anziani Villa della Fraternità S. Andrea allo Jonio, di suor Rita di Fiume Freddo e quelle di alcuni dei tantissimi fedeli, che hanno conosciuto Padre Christian, abbiamo voluto ricordare, il suo spirito di sacrificio, le sue preghiere notturne e i suoi continui combattimenti con il maligno, i suoi esorcismi, i sui lunghi digiuni, la sua bilocazione, i miracoli che è riuscito a fare con la forza della preghiera, i suoi piccoli capricci e la sua innata tranquillità nel fare le cose anche le più strane, le sue essenziali ma significative parole nel predicare per diffondere la parola di Dio, il suo contatto diretto con l’ aldilà e il celebrare messe nelle ore e nei luoghi più disparati e la sua grandissima umiltà di uomo.

Questo cortometraggio vuole appunto evidenziare tutto questo, ed essere dopo il libro che ha scritto il suo amico Franco Reali che lo ha seguito per molti anni, un segno tangibile della sua fama di santità,

Il documentario è stato prodotto dal Notaio Carlo Proto, con la produzione esecutiva ed edizione della Vesuvio Film di Paolo Imperio, sceneggiato e diretto dallo stesso Paolo Imperio e le riprese effettuate da Gino Ierardi.

Crotone 03/LUGLIO/2016

Il regista autore

Paolo Imperio

Buona visione

 

Dom Luis Telm

Dom Luis Telm

Grazie

Nell’articolo odierno voglio ricordare e farvi conoscere un Padre certosino, fondatore di due certose portoghese e primo priore di entrambe. Luis Telm nacque il 15 agosto del 1548 a Lèrida, in Spagna, da una famiglia di commercianti, che intravidero nel giorno della sua nascita (il 15 agosto giorno in cui la chiesa celebra l’Assunzione in cielo di Maria) un segno premonitore della devozione alla Madre di Gesù. I genitori contribuirono alle spese universitarie, che consentirono al giovane Luis di prendere la laurea in diritto civile e canonico. Terminati gli studi a soli 20 anni il 31 ottobre del 1568 Luis decise di entrare nella certosa spagnola di Scala Dei in Catalogna dove ebbe ben presto l’ordinazione sacerdotale, il 19 ottobre 1572. Lo studio, la preghiera e la contemplazione caratterizzarono la sua vita monastica irreprensibile, al punto da farlo nominare priore nel 1586. Per le sue qualità, il capitolo generale dell’Ordine certosino svoltosi nel 1587 decide di fondare una certosa in Portogallo ed investe Dom Luis di curare tale nuova fondazione. Ad Evora, l’arcivescovo D. Teotónio de Bragança vuole sostenere la nascita di un nuovo complesso monastico certosino.

Fu così che Dom Luis Telm accompagnato dai confratelli di Scala Dei, Dom Francisco Monroig, Dom Jerónimo Ardio, e Fra Silvestre, Fra Juan Velis, Fra Palau, Fra Juan Juncosa e Fra Ensola si recarono  in terra portoghese dove il 7 novembre del 1587 ebbe luogo la posa della prima pietra della nuova certosa. L’intitolazione di essa fu Santa Maria Scala Coeli, per omaggiare la madre del Signore a cui Telm era devotamente legato. Il clima portoghese non giovò alla salute di Dom Luis che si ammalò frequentemente e dunque fu costretto ad allontanarsi da Evora, nel 1592, su consiglio dei medici. Per riprendersi dai malanni si recò a Lisbona dove conobbe Jorge de Athayde vescovo di Viseu, e cappellano del re Filippo di Spagna che sollecitò la costruzione di una seconda certosa portoghese a Lisbona. D’accordo con i vertici dell’Ordine si diede avvio alla costruzione della certosa di  Santa Maria Vallis Misericordiae a Laveiras nel 1594. Fiaccato dalle malattie Dom Luis dopo aver assistito e contribuito alla nascita del nuovo complesso monastico, chiese di fare ritorno a Scala Dei in Spagna e gli fu accordata tale richiesta, ma sulla strada del ritorno avrebbe dovuto in qualità di Visitatore della provincia di Castiglia recarsi in tali certose. La Divina provvidenza volle che il 15 agosto del 1598 nel corso di questa missione rimise l’anima a Dio nella certosa di Cazalla, laddove fu poi sepolto nel cimitero nel chiostro. Molte persone hanno dichiarato nel corso dei secoli l’intercessione di Dom Luis Telm per molti miracoli e guarigioni prodigiose, ma nessuno mai ha promosso un processo di beatificazione per questo poco conosciuto certosino, che, come vi dicevo all’inizio, ha avuto il merito di fondare le due certose portoghesi e però dimenticato nell’oblio della storia. Questo post ha l’intento di portare a conoscenza di voi amici lettori delle vicende altrimenti dimenticate, così come sono andati smarriti i manoscritti di Dom Luis sulla preghiera mentale.

Il vagabondo di Dio

Il vagabondo di Dio

san Benedetto Giuseppe Labre

San Benedetto Giuseppe abre

contenuto audio mp3

Il personaggio protagonista dell’articolo che oggi voglio offrirvi è: san Benedetto Giuseppe Labre.

Egli nacque, il 26 marzo del 1748, in una famiglia numerosa e povera di Amettes, in Francia e sin da piccolo si curò, trasferendosi presso uno zio sacerdote, della sua formazione religiosa. Le letture e gli studi fatti presso la biblioteca dello zio, maturarono nel giovane Benedetto l’idea di una forma di vita religiosa il più possibile lontana dal mondo, che lo spinsero a considerare di abbracciare la vita monastica. Il giovane zelante provò ad entrare nella Trappa, ma senza successo, fu così che decise di provare a diventare certosino. Provò inizialmente, a soli diciannove anni, ad entrare nella certosa di Longuenesse, ma essendo tale convento devastato da un incendio, in quel periodo non accettava novizi. Fu così che il giovane Labre si rivolse alla certosa di Montreuil, nella quale non fu accettato poiché ritenuto troppo giovane e quindi non idoneo, ma fu invitato a studiare e verificare la sua vocazione. Il giovane ascoltato il consiglio e senza demordere frequentò una scuola per seminaristi. Sempre con maggiore determinazione, il 12 agosto del 1769 si presentò nuovamente alla certosa di Montreuil, dove questa volta fu ammesso senza difficoltà coronando il suo sogno.

Ma come spesso vi ho narrato la Provvidenza stravolge sorprendentemente i piani da noi concepiti per la nostra esistenza, ed infatti questo pio giovane integratosi nella vita fatta di silenzio meditazione e preghiera ben presto verrà afflitto da ansia ed angoscia.

Dopo soli 40 giorni, il Priore della certosa espresse il suo lapidario parere su questo giovane: «Via, la Provvidenza non vi chiama nel nostro istituto, seguite le ispirazioni della grazia».

A seguito di tale sentenza Benedetto scrisse ai suoi parenti il giorno stesso della partenza dalla certosa, il 2 ottobre 1769: «Mio carissimo padre e mia carissima madre. Vi informo che non avendomi i Certosini giudicato adatto alla loro condizione, io ne sono uscito il due di ottobre; io considero la cosa come un ordine della Divina Provvidenza che mi chiama ad uno stato più perfetto, essi stessi hanno detto che era la mano di Dio che mi ritirava da loro. Dunque, mi incammino verso la Trappa, questo luogo che desidero tanto, e da tanto tempo. Vi domando perdono di tutte le disobbedienze e di tutte le pene che vi ho causato. Vi prego caldamente l’uno e l’altra di darmi la vostra benedizione affinché il Signore mi accompagni. Io pregherò il buon Dio per voi, tutti i giorni della mia vita, soprattutto non vi preoccupate per me. Anche se avessi voluto restarvi, non mi avrebbero ricevuto, per questo mi rallegro molto, perché vedo che l’Onnipotente mi guida. Non affliggetevi perché sono uscito dai Certosini, non vi è permesso di resistere alla volontà di Dio che così ha disposto per il mio più gran bene e per la mia salvezza. Vi prego di fare i miei auguri ai miei fratelli e sorelle. Accordatemi la vostra benedizione, non vi darò più alcuna pena, il buon Dio che ho ricevuto prima di uscire mi assisterà e mi condurrà nell’impresa che Lui stesso mi ha ispirata. Io avrò sempre il suo timore davanti agli occhi e il suo amore nel cuore. Spero molto di esser ricevuto alla Trappa; in ogni caso mi assicurano che l’ordine di Sept-Fonts non è tanto duro e si è ricevuti anche se molto giovani. Ho l’onore di essere, con profondo rispetto, vostro umilissimo servitore. Montreuil, 2 ottobre 1769. Benoît-Joseph Labre».

Ma dopo aver tentato altre esperienze monastiche il giovane, asoli ventidue anni, decise di peregrinare e portare tra i poveri la sua vocazione, capendo che il suo posto non era all’interno di un convento ma per strada.

Percorreva i suoi itinerari con un sacco sulle spalle contenente vangeli e testi sacri, visse di offerte che donava ad altri poveri come lui, e per questo che era noto come “il vagabondo di Dio” o lo “zingaro di Cristo”. Queste misere condizioni di vita lo condussero a contrarre una malattia che lo portò alla morte a soli 35 anni, egli si spense a Roma il 16 aprile del 1783. Al suo funerale c’era una moltitudine di gente che aveva avuto modo di conoscerne le sue virtù, ben presto la fama della sua santità si diffuse in tutta Europa. Fu beatificato il 20 maggio 1860 e canonizzato l’8 dicembre 1881 da papa Leone XIII. La sua festa è oggi 16 aprile.

Conosciamo Dom Basilio Trivellato

Conosciamo Dom Basilio Trivellato

Dom Basilio Trivellato

Come comunicatovi in un precedente articolo, dal 28 novembre scorso, Dom Basilio Trivellato, è il nuovo priore della certosa di Serra san Bruno su nomina del Priore Generale Dom Dysmas de Lassus. 

Proviamo a conoscerlo di più, attraverso queste breve note biografiche che voglio proporvi.

Dom Basilio Maria Trivellato nasce il 14 settembre del 1934 a San Pietro Viminario (PD). Terminato il ginnasio nel seminario di Feltre (BL), nel 1953 entra nel seminario maggiore interdiocesano di Belluno dove frequenta il liceo e il quinquennio di teologia. Come suo insegnante d’arte, diritto e catechetica, avrà Mons. Albino Luciani, diventato Papa con il nome di Giovanni Paolo I. E’ordinato sacerdote il 29giugno del 1961 nel Duomo di Feltre e diventa vice rettore del seminario interdiocesano. Dal 1965 al 1979 è parroco ad Arson, Lasen, Meano e contemporaneamente segretario dell’Ufficio Catechistico diocesano. Solo nel 1979, all’età di 45 anni decide di abbandonare tutto ed abbracciare la vita monastica eremitica, ed entra nella certosa dello Spirito Santo a Farneta (Lucca). Dopo la professione solenne ricopre l’incarico di Procuratore per undici anni e di Priore per altri tredici. Dom Basilio aveva avuto già modo di conoscere la certosa di Serra e la popolazione serrese, poiché aveva trascorso due anni 1999 e 2000 come Vicario, ed aveva l’incarico specifico di celebrare la messa domenicale che si svolge nella cappella esterna alla certosa a cui partecipa il pubblico. Ha quindi avuto l’opportunità di farsi conoscere con il suo accento veneto ed il suo carattere mite e gioioso, frutto di chi ha vissuto nel silenzio e nella profonda contemplazione  alla ricerca di Dio. In una recente intervista egli ha detto: «..la nostra vita è consacrata alla preghiera, noi viviamo per il silenzio. Di noi è  stato già detto tutto. Per noi deve parlare il nostro silenzio. La nostra deve essere una continua contemplazione nella ricerca di Dio».

Dom Basilio saprà dare nuova linfa alla certosa di Serra, che conserva le spoglie di san Bruno fondatore dell’Ordine dei certosini, e come lui saprà far germogliare la sua ricchezza spirituale ed il suo carisma monastico.

Lo affidiamo alle benedizioni di Dio e di san Bruno,

augurandogli

in questo nuovo compito
la sapienza e la forza!

STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS!

La storia di Fray Joaquín Juncosa

La storia di Fray Joaquín Juncosa

ritratto

Il personaggio di cui voglio parlarvi oggi è Joaquín Juncosa, nato a Cornudella nei pressi di Tarragona in Spagna nel 1631. Crebbe in una famiglia nella quale vi erano alcuni pittori tra cui il padre e lo zio, che lo fecero avvicinare a questa arte. Ma il giovane Joaquin fu attratto dalla vita certosina, e fece ingresso come fratello converso nella certosa di Scala Dei a 29 anni il 21 settembre 1660. Nel complesso monastico, egli realizzò alcuni dipinti nella sala capitolare, e gli vennero commissionati dai confratelli della certosa di Montalegre otto dipinti ed altri affreschi per la volta della chiesa. Il suo talento fu tale che l’Ordine, tramite il Priore Dom Jaume Cases, decise di inviarlo a Roma per fargli migliorare la sua tecnica pittorica, egli difatti venne a contatto con il classicismo romano, e ben presto parve rinnegare le sue opere precedenti. Fece ritorno in Spagna e fu chiamato nel 1678 dalla certosa di Maiorca, per poi tornare a Scala Dei nel 1682, dove non fu apprezzato per i suoi lavori e stancatosi della durezza e severità della vita certosina decise di fuggire. Viaggiò verso Roma e dichiarò la sua apostasia al Papa Clemente XI, che perdonatolo lo invitò a vivere in eremitaggio nei pressi della certosa di Scala Dei, non potendo più fare ingresso nella comunità monastica. Si stabilì a Reus vicino Tarragona dove poco dopo morì, nel 1708.  I suoi lavori sono andati quasi del tutto perduti a causa della caduta in rovina delle certose dove egli dipinse con maestria, restano poche opere tra cui un suo presunto autoritratto nel quale si è in grado di apprezzare le notevoli qualità pittoriche di quest’uomo che non ha retto alla regola certosina. Un certosino mancato ma un eccellente pittore spagnolo, come ci testimonia quest’opera che vi allego.

Santa Elena e sua figlia Museo Prado J. Juncosa

Santa Elena e sua figlia (Museo Prado) J. Juncosa