• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    novembre: 2018
    L M M G V S D
    « Ott    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 452 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Al confine dell’abisso (seconda parte)

Al confine dell’abisso (seconda parte)

dai racconti di Dom Sebastian Maccabe

Con la seconda ed ultima parte del settimo ed ultimo racconto, termina oggi il testo di Dom Maccabe, su Dom Lanspergio. Spero abbiate apprezzato…

nascondimento

Quando Dom Nicolas ha letto la sua accusa commovente, la luce ha cominciato a scoppiare nel buio della sua anima. Come un uomo che cammina senza rendersene conto, sul ciglio di un abisso, nella notte, e improvvisamente la luce della luna arriva a irradiare un po ‘di luce sulla strada, mostrandogli il pericolo in cui si trova . Così è stato per Dom Nicholas. Ciò che si apriva ai suoi piedi non era altro che l’abisso più pericoloso. Si sedette e pensò a lungo. La storia del suo ultimo anno, che lo rammaricava di più, cominciò a svolgersi davanti alla sua coscienza. Le piccole evasioni alla Regola, gli Uffici Omessi, quei giorni di languide folle seguiti da altri di frenetica, febbrile attività. Quando aveva iniziato ad abbandonare la via della perfezione? Ha cercato di trovare la risposta, ma è venuto più dal cielo che da se stesso, così chiaro, così inquietante: NON LO AVEVA DAVVERO REALMENTE PASSATO DA LUI! Quello che stava cercando nel chiostro era migliore. Fare i conti con se stesso era stato il suo obiettivo da sempre. Ma non aveva mai amato. Come? E questi rari momenti in cui era stato commosso, quasi in lacrime, quando meditava sulla Passione, non era questo amore? Sì, lo era, ma nel suo caso era l’amor proprio che scivolava sottilmente. Conosceva la storia della Via Crucis dalla memoria, ma in realtà non aveva mai realizzato il suo significato profondo: l’amore infinito con cui Dio lo amava, l’amore manifestato all’umanità nel tempo. In un modo che gli uomini potevano vedere e toccare; che hanno il loro posto umano, storico, nel mondo, ma che, allo stesso tempo, era divino ed eterno.

Oh, Nicolas! Ha continuato, “sottometti la tua anima alla volontà di Dio, accetta di morire con lui sulla croce. Non voleva scendere dalla croce, né scappare dalle mani dei suoi nemici, voleva versare un’ultima goccia di sangue e permettere che non ci fosse parte del suo corpo che non sarebbe stata colpita e tutto per salvare la tua anima, la mia Nicolás. Oh anima preziosa, che è stata riscattata a un prezzo così alto! Oh anima preziosa che è stata amata da Dio, il tuo creatore, con un amore così immenso! Il buono è lo stato monastico in cui tu sei, nulla ti salverà, se non Dio, dalla morte. Prima di essere un monaco potresti salvarti senza essere un monaco. Ma una volta diventato monaco, ti sei offerto a Dio. Tu sei il suo possesso. Che dignità è tua! Che grande grazia di Dio! Di nuovo ti prego, ti prego di nuovo, ti supplico di nuovo, caro Nicolás, dal sangue di Gesù Cristo che ti ha redento …

Dom Nicolás interruppe la lettura, improvvisamente e alzò lo sguardo. Gli sembrava che sul muro opposto splendesse misteriosamente quell’immagine delle Cinque Piaghe che il suo ex Maestro gli aveva offerto una volta, spiegandogli le sue virtù. E si ricordò di come una volta l’aveva gettata nel suo cassetto, dicendo con disprezzo, “Immagini pie per i bambini!” Il giovane stanco si nascose il viso tra le mani, e poi arrivò il benedetto sollievo delle lacrime. Come si dice…”Non importa come finisce la lepre sul piatto.” Non sappiamo se queste lettere siano state scritte in latino o meno. O se il proverbio infastidiva il traduttore, o se si affrettava a uscire dalla penna di Lanspérgio. Quelle non erano lacrime di compassione sentimentale per se stesso. Il caldo vento del sud aveva fiaccato leggermente questa anima di ghiaccio, ma le acque che scorrevano erano le lacrime di un uomo in pena per il suo Amore. E se lo Spirito di Dio soffia dolcemente da sud, facendo aprire i fiori e riempendo l’aria con un delicato profumo di ogni tipo, può anche soffiare dal nord e far tremare il sangue nelle vene degli uomini, desiderosi di emergere e mettere in azione. Quindi era ora. Dom Nicolás riprese la sua lettura.

.. Si ricomincia. Rinnova il tuo scopo come se avessi fatto una nuova professione a Dio. Offri di fare e di soffrire tutto ciò che è della sua volontà, estirpando l’amor proprio, fomentando un santo odio contro se stesso. E poiché la nostra vita è breve, desidera ardentemente che Dio riceva consigli e aiuti, luce e guida, conforto e conformità alla sua volontà, per mantenere lo spirito fervente e molto unito a Lui. Ti ho scritto tutto questo per ordine del nostro venerabile padre Priore, troppo impegnato. L’ho fatto di fretta, secondo quello che ricordavo. Se trovi qualcosa di difficile da ascoltare, perdonami, per favore. Se senti che tutto ciò ti tranquillizza e ti fa stare bene, scriverò, con grande piacere, di nuovo e con maggior frutto. Addio, fratello più caro.

Dom Nicholas si alzò e prese coraggio per la nuova vita che avrebbe dovuto iniziare. Non sarebbe stato facile, non avrebbe cercato più cose facili. Cercherò con ardore d’amore, quell’amore forte come la morte e insaziabile come l’inferno. (Ct 8.6). Leggiamo, alla fine di uno degli eventi che hanno segnato la storia umana, che l’eroe, una volta superata la crisi, ha iniziato una nuova vita. “Si alzò e fu battezzato. E avendo preso cibo, recuperò la forza “(Atti 9: 8-9). Il segno che la crisi di Dom Nicolas non ebbe successo fu che in quel momento andò immediatamente alla finestra vicino alla porta della cella per prendere la cena da lungo trascurata. Due uova fritte, quasi fredde, una piccola ciotola di fagioli verdi freddi. Mangiò, pregò Compieta e andò a sdraiarsi e dormì profondamente.

LAUS DEO

Al confine dell’abisso (prima parte)

Al confine dell’abisso (prima parte)

dai racconti di Dom Sebastian Maccabe

cartuxa noite (1)

Era un Don Giovanni veramente turbato che sedeva nel suo piccolo oratorio, una sera, mentre l’ora di Compieta si avvicinava. All’inizio del pomeriggio aveva ricevuto un biglietto da un certo Dom Nicolas, un suo ex novizio che non aveva annunciato nulla di buono. Presto disse che la sua professione era stata un grave errore, che non era fatto per la vita certosina e che la sua salute lo provava. Aggiunse che ora sapeva che i certosini non erano santi come pensano gli estranei, e che poteva servire Dio altrove, anche nel mondo, bene o meglio che come nel chiostro. Che intendeva andare a Roma, anche a piedi, per ottenere i tori che lo avrebbero liberato dai suoi voti. Che aveva saputo che altri lo avevano fatto e che se padre Priore avesse rifiutato la sua autorizzazione, sarebbe andato anche senza averla ricevuta. Dom Giovanni, come molti maestri dei novizi, prima e dopo di lui, aveva avuto più di una volta, l’amara esperienza del potere dire: “I bambini creati e educati, ma essi si sono ribellati contro di me.” Aveva visto più di uno di quelli che sapeva fare grandi cose, ma dopo la professione, con la sua libertà guarita, lascia da parte lui e il suo consiglio e cammina lungo sentieri che non erano proprio i più perfetti. Oh, niente di veramente peccaminoso, solo il principio dell’abitudine, scegliendo il meno difficile nelle alternative. Il che significava dire addio alla santità. Santità che sapeva possibile per loro. Ma se questo era il chiodtro: uno dei suoi figli al punto di abbandonare l’Ordine come un fuggiasco! Cosa potrebbe fare? Prega, certo! Ma non potrebbe intervenire in altro modo per prevenire un simile disastro? Ma, ahimè! Erano passati solo tre anni da quando Dom Nicolás aveva fatto la sua professione, ed era già strano per il suo amico e per la guida che lo aveva servito così bene durante il noviziato. Il suo dubbio fu risolto dall’improvviso arrivo nella sua cella di padre Priore. Lui stesso di persona a quest’ora, aveva sufficiente indicazione che c’era qualcosa di molto serio. Il priore disse rapidamente che cosa stava succedendo, era lo stesso di quello di Dom Giovanni: “Non potevo farti del bene,” disse l’irritato Priore. Più duro del ferro ed orgoglioso come Lucifero. Dovresti chiuderlo immediatamente in prigione perché quella minaccia di fuga … “” Oh no, non farlo! Interruppe Dom Giovanni, “non è questo, padre Priore. Prima di ciò, lasciami almeno provare a vedere cosa posso fare. ” “È esattamente quello per cui sono venuto,” disse l’altro. Lascio il soggetto nelle tue mani. Fai tutto ciò che ti sembra giusto. Mandagli uno dei tuoi “piccoli appunti”, finì, uno schizzo di un sorriso sulle sue labbra, e poi se ne andò. Qualcosa doveva essere fatto subito. La notte e il diavolo sono buoni amici. E chi può dire il tradimento che non sono in grado di tramare tra loro per l’eterna rovina dell’anima errante del giovane monaco? Detto ciò, Don Giovanni accese una lampada e mise una candela nel suo ufficio, inzuppò la penna nell’inchiostro e scrisse velocemente per mezz’ora. Piegò il foglio, lo infilò in una busta e uscì nell’oscurità del chiostro. C’era solo abbastanza luna per poter contare le porte della cella fino a quando arrivò Dom Nicolás. Dom Giovanni colpì piano, ma la porta si aprì immediatamente, all’improvviso, rivelando la figura di un alto monaco il cui volto era vagamente visibile alla luce della piccola lanterna che il giovane sosteneva. In quel momento, percorse il corridoio come un animale in gabbia. Prese violentemente la lettera che Don Giovanni gli offriva, chiudendo silenziosamente la porta quasi in faccia. Quasi, ma non così tanto, perché la luce tremolante era abbastanza da illuminare il viso turbato del suo ex Maestro, la cui vista aveva lasciato un’impressione profonda sul giovane. Cosa gli ha ricordato? Pensò, mentre si dirigeva verso il suo cubicolo per vedere cosa il vecchio maestro doveva dirgli. “Povero vecchio Dom Giovanni!” Esclamò. Era la prima nota di tenerezza che era venuta da lui per molto tempo. Ma cosa gli ricordava quella visione fugace? Ah! Ora lo sai! Era un’immagine del nostro Signore nell’orto che aveva visto una volta: profonda sofferenza mescolata con perfetta pace. Come deve essere stato nel Getsemani. Ma visto da chi? La grazia venne da lui subito in risposta. “Per Giuda!” Dom Nicolas rabbrividì. E potrebbe essere così, perché, a poche celle più lontano, Dom Giovanni ha lottato in agonia, in preghiera per la salvezza della sua anima. Per dare la vostra mente travagliata un certo supporto che potrebbero emergere dalle profonde sofferenze di preghiera, aveva messo sul suo oratorio un’immagine delle Cinque Piaghe, e indirizzata la sua fervente preghiera al Signore ferito, oltraggiato, tradito da uno dei suoi amici più prossimi. Ai tuoi piedi, le tue mani verso il basso. E poi avvicinandosi al Tempio dell’Amore, in quel cuore incrociato, Dom Giovanni ha alleggerito tutta la sua anima ed è entrato nelle acque profonde della pace, dove nessuna malizia di sé o del vicino poteva raggiungerlo. Dom Nicholas accese una candela dalla sua lampada, aprì la busta e iniziò a leggere.

Leggo, fratello mio, la tua lettera affettuosa e non so se dovrei avere più compassione, per la tua follia o la tua malattia. Sei un giovane nell’Ordine, qualcuno che, di regola, avrebbe dovuto usare più delle redini che gli speroni, poiché in tutte le cose è coinvolto nell’ardore della sua carriera. Possa essere in te altrimenti. Guarda, ti prego, qualunque sia la causa. Non solo non vuoi correre, ma non cammini nemmeno sulla via del Signore. Dove vuoi andare? Al mondo? Sarebbe dannoso per te, così pernicioso che non puoi chiederlo senza pronunciare la tua condanna. Oh mio caro fratello! Chi è così malato che cerca la morte come medicina? E se qualcuno dovesse essere trovato con uno spirito così sciocco da preferire morire invece di vivere in afflizione, per te è qualcos’altro. In realtà, non è la morte temporale, che viene superata in poche ore, ma la dannazione eterna della tua anima. Non puoi tornare al mondo senza condannare la tua anima per sempre. È inutile, mio caro Nicolás, che tu mi parli, che mi imponi i documenti apostolici che potresti pensare di ottenere. In questa materia Cristo non li conosce, e il Diavolo non li teme. Questa dispensazione riguarda solo il giudizio della Chiesa e ha l’effetto che, se la ottieni, non sarai accusato come un apostata, ma non lo stesso con Dio.

Il lettore alzò lo sguardo e pensò tra sé: “Può davvero questa veemenza veemente venire da Dom Giovanni?” Nicolas lo aveva conosciuto in molti stati d’animo, ma non aveva mai pensato che quel vecchio e sereno e adorabile Maestro potesse toccarlo in quel modo. Era un’indicazione del pericolo in cui si trovava, e lo sentiva. E si chinò per continuare a leggere.

Tu dici: “Io sono malato, non posso portare questo fardello dell’Ordine perché sono di struttura delicata”. Caro fratello, non sai che questo e non un altro, è il modo in cui conduce alla Vita? (Ebrei 14:21). Non devi attraversare molte tribolazioni per entrare nel Regno di Dio? “Il sentiero che conduce alla vita è stretto” (Mt 7,14), disse Gesù. E cercherò il vasto? Caro fratello Nicola, sei in un grande errore che merita di essere compatito. Se vuoi salvarti, non c’è altra speranza che quella che Cristo ha insegnato con la sua parola e il suo esempio e che tutti i santi hanno vissuto. Dirai: “non erano certosini”. Vero, ma tutti erano pazienti, umili, sottomessi a Dio e alla Chiesa, obbedienti ai loro superiori. Quando hai iniziato a farlo, tutte le tentazioni scompariranno. Per, fratello più caro, la causa della tua petizione non è che sei mal disposto, ma (mi perdonerai per averlo detto) che sei arido, pigro, vuoto dell’amore di Dio, e non mortificato in passioni viziose. Queste sono le cose che producono questo malessere e questa malattia.

Secco! Pigro! Vuoto dell’amore di Dio! Non mortificato! Le parole sembravano pervertire, in sé stesse, terribili colpi al suo cervello stanco.

Talvolta mi dico: “Sono entrato nell’Ordine con uno scopo chiaro, così Dio non ha chiamato me” Se l’intenzione non era chiara quando ero libero, chiarire ora come la necessità richiede di essere buono. Felice quel bisogno che ti spinge a cose migliori. Qui risplende la saggezza di Dio, che sa guidarti attraverso l’obbedienza. E ciò che non hai ricevuto per l’amor di Dio, ora tienilo per l’amor di Dio. E chissà se sarebbe difficile per voi domare, non sarebbe per la vostra salvezza essere assediato da Dio? Mi hai sedotto, Signore, dice il profeta, e mi sono fatto sedurre! Eri più forte e hai prevalso. (Geremia 20: 7). Oh benedetta seduzione! Seducimi, Signore, e io sarò sedotto. Sei connesso al suo servizio, non sei autorizzato a ritirarti. Dovunque andrai porterai con te questo infelice e pigro Nicolás, caro fratello, e dovrai sopportare ciò che ora non vuoi sopportare e anche cose più pesanti. Ovunque troverai fastidi, tentazioni ovunque, diavoli ovunque, perché ovunque tu vada, li porterai. Te lo dico perché è una vana tentazione del diavolo persuasivo, che da un’altra parte puoi servire Dio meglio e più facilmente. Lo fa in modo astuto per farti tornare al mondo con i pretesti, con l’apparenza del bene. Rimprovera l’Ordine, diffama i superiori, condanna i fratelli, ci fa credere che non c’è carità nella comunità, per portarti all’insoddisfazione del tuo stato. Ti mette in testa che nulla nell’Ordine ti si addice. Quel cibo è contro di te, la solitudine distruttrice della natura, una malattia dello stomaco molto grande e innumerevoli altre cose di questo tipo. Ma chiudi una malattia che, una volta conosciuta, è rimedio, tutti gli altri sarebbero guariti. È la mancanza di mortificazione, la tiepidezza, l’aridità e la mancanza di pietà dell’uomo interiore. Questo è silenzioso perché fa il suo nido lì, dove incuba tutte le altre tentazioni.