• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    ottobre: 2018
    L M M G V S D
    « Set    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 448 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Il cavallo certosino

Il cavallo certosino

cavallo cartujanos

Questa volta parleremo indirettamente dei monaci certosini, ovvero, del ruolo determinante che essi hanno avuto nel mantenimento di questa razza di cavalli che ha appunto preso il nome di certosino.

Prima di parlare della storia di questo destriero, va detto che esso è caratterizzato da un manto grigio chiaro, che ricorda il colore dell’abito monastico, ha la testa piccola collo arcuato ed arti sottili ed ha un carattere docile e mansueto. Va anche precisato che nella certosa di Jerez, sin dal 1484 i certosini decisero di istituire un’allevamento di cavalli di razza Andalusa, di cui si presero cura con amore e dedizione. Trascorsi molti secoli  i monaci furono determinanti per la creazione del cavallo noto come certosino, “cartujo”  o “cartujano”.

L’origine del cavallo certosino risale agli inizi del XVIII secolo, allorquando i fratelli Zamora acquistarono presso Jerez de la Frontera in Spagna uno stallone per farlo accoppiare con le proprie cavalle. Esclavo fu il nome del miglior puledro che nacque con eccellenti caratteristiche morfologiche, e divenne presto anch’egli un riproduttore di una specie ormai nota nella zona come Zamorranos dal nome degli allevatori. Alla morte dei fratelli Zamora l’allevamento passò nel 1730, ai monaci certosini della vicina certosa di Jerez, i quali con meticolosa dedizione si dedicarono a perfezionare la razza con sangue Andaluso e con apporto di incroci di razze Arabe e Berbere.

La conoscenza e la cura scrupolosa dei monaci rese possibile il risultato finale ossia  il cavallo cartujo!!!

Un esemplare di rara bellezza, un cavallo leggero e aggraziato, che ricorda i cavalli orientali con l’aggiunta della docilità. Fu un purosangue apprezzato e desiderato nelle migliori corti europee, e scelto dai re di Spagna. Successivamente,  nonostante le leggi napoleoniche e la conseguente soppressione della certosa di Jerez, i monaci riuscirono a conservare e mettere in salvo solo due stalloni e sei giumente di questi meravigliosi esemplari. E’ quindi grazie alla loro tenacia ed amore per la conservazione della specie, che questa superba razza equina e sopravvissuta fino ai giorni nostri.

Music Study III_ 004

2

3

4

56