• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    ottobre: 2018
    L M M G V S D
    « Set    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 448 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Fratello Joao de Villanueva

Fratello in cucina

Fratello Joao de Villanueva

Professo di Siviglia

La Navarra era la sua patria d’origine. Docile alle lezioni che ricevette sotto il tetto del padre, il bambino mostrò, nonostante la vivacità della sua età, un felicità naturale, una grande innocenza e un’attrazione segnata dalla pietà. Eccitato fin da piccolo dal desiderio di penetrare i segreti della scienza, si innamorò della matematica. Da giovane divenne dipendente, come contabile, negli uffici navali di Madrid, con le sue doti ha attirato la stima dei suoi capi, sia per la regolarità del servizio che per il fascino del suo trattamento. Una cosa rara in questo modo, ha preso dal suo stipendio ciò che ha chiamato la parte povera. Ma questa situazione, sebbene onorevole e redditizia, non rispondeva affatto ai bisogni innati del suo cuore. Dominato dal pensiero della vita religiosa, si pose questa questa domanda: “Che cosa è che è meglio il mondo o il chiostro?” fastidiosa domanda, ed alla quale egli non riusciva non voleva rispondere. La lotta interiore è stata lunga. Dobbiamo rimanere sorpresi? C’è indubbiamente la chiamata di Dio e l’appello della vocazione, ma è una prova scortese, perché un uomo maturo lasci le sue abitudini senza transizione e si pieghi alle esigenze di una regola nell’entusiasmo del suo ventesimo anno. Ma la voce dello Spirito Santo non cessava di suonare nelle sue orecchie: “Tutte le cose passano. Rimango solo Perché esitare tanto a lungo? Devo essere me stesso costi quel che costi. “In un istante, da uno di questi dubbi si trasforma in grazia, Villanueva, si sente più ardente d’amore, disgustato come non mai, aspirando alla solitudine, il silenzio, la povertà monastica.

Ammesso come aspirante nella certosa di Siviglia, riceve l’abito e fa la sua professione solenne il 6 gennaio 1620. Raramente una trasformazione è stata più improvvisa e anche più completa. Incaricato della cucina, – di ogni obbedienza al più schiavo, e di ciò che offre un novizio, più occasioni per mostrare ciò che varrà più tardi – il buon Fratello diventa irriconoscibile. È così vivo, così infatuato della sua piccola persona; lui, che all’esterno era alquanto fumantino, che non poteva sopportare la minima contraddizione, non mostra il minimo segno di impazienza. Lo vediamo sempre lo stesso, calmo, moderato, quasi freddo. A prima vista, sembrava di marmo. Per quanto riguarda i suoi aiutanti, – si sa quanto a volte sono attivi in questa obbedienza – egli era pieno di attenzioni, sempre dolcissimo, non una lagnanza dalle sue labbra. Tutti notavano l’atteggiamento dell’amato Fratello alla presenza dei religiosi, specialmente dei Padri. Molto diverso da certi conversi che a volte dimenticano questo punto, non perdeva mai di vista il carattere sacro di cui sono investiti e che li rende superiori agli angeli. È dalla mattina alla sera guidato da puro spirito di fede, vivendo in Dio, con Dio, da Dio. Il segreto di trovare Dio sia in una cucina, sia nell’oratorio, o ai piedi del tabernacolo, è di portare molto amore ovunque. Per riparare le lunghe ore che il lavoro lo privava della preghiera, il fratello Joao rinunciava al suo sonno. Alle anime semplici è permesso di penetrare a fatica questo principio elementare: lavorare è pregare. Come, senza di ciò praticava la parola del Salvatore nel Vangelo: È necessario pregare senza interruzione? L’intrepido converso non ha alcuna opportunità di praticare la penitenza. Bruciando di sete, rifiuta ogni tipo di rinfrescante. Per quanto riguarda il cibo, prende solo ciò che è strettamente necessario. Di solito ha un cilicio irsuto con punte d’acciaio. Con quali attenzioni coinvolge i malati! Con quanta attenzione, con quale delicatezza, prepara le sue piccole zuppe, apprezzate da i poveri monaci malati in una cella! Parleremo dei suoi eroici atti di carità! Un giorno si gettò ai piedi di un Padre colpito ad una gamba da un’ulcera purulenta. Leccò le sue ferite sanguinanti e deglutì senza esitazione quel terribile virus. Il santo fratello ha vissuto e servito intensamente la comunità fino alla fine della sua vita. Percependo il giorno, ed anche l’ora della sua morte, ha organizzato tutto con la sua solita calma e la sua pietà ammirevole, così si trovò pronto a rispondere al giudice d’appello sovrano. Aveva sessant’anni, quando cambiò il suo esilio in patria. (18 maggio 1654). Una vita certosina davvero esemplare!

Diego Sarmiento, il certosino vescovo di Cuba

Diego Sarmiento, il certosino vescovo di Cuba

Il personaggio di cui oggi voglio parlarvi, è Diego Sarmiento nativo di Burgos in Spagna. Egli nacque nella nobile famiglia Sarmiento, fu ben educato e sin da piccolo avviato agli studi. In seguito decise di intraprendere la vita monastica presso i certosini, entrando nella certosa di Santa Maria de las Cuevas di Siviglia. In questo monastero, si fece notare per le sue spiccate qualità che lo portarono a diventare, ben presto, priore della comunità dal 1526 al 1530. La sua notorietà travalicò le mura della certosa, giungendo al pontefice Paolo III, che lo volle consacrare vescovo il 20 ottobre del 1535, indicandolo idoneo per recarsi nella Arcidiocesi di Santiago di Cuba. Sarmiento giunse per la prima volta nell’isola nel luglio del 1538, realizzando la sua prima visita pastorale e dichiarandosi strenuo difensore degli indios. Durante il suo episcopato, il vescovo certosino, terzo dell’isola cubana, si impegnò a difesa dei diritti degli indios, sviluppando l’evangelizzazione verso questa popolazione. Egli periodicamente relazionava della situazione della sua Diocesi all’Imperatore Carlo V, re di Spagna. In una lettera a proposito della popolazione indigena si espresse così: “Gli indiani sono in via di estinzione, e non si moltiplicano, perché gli spagnoli e meticci, per mancanza di donne, si sposano donne indiane, e l’uomo indiano anziano che può avere al suo fianco una donna anziana, si considera fortunato “(Carta del Obispo Fray Diego de Sarmiento al Emperador Dando cuenta de su Visita a ciudad e Iglesias de Cuba”, 25 de Julio 1544)

Raggiunse i villaggi più remoti della sua diocesi, compiendo numerose visite pastorali affrontando disagi e pericoli, forte della sua profonda spiritualità che amò diffondere. Dom Diego Sarmiento apprezzato ed amato da tutti, mantenne il suo incarico fino al 1544, quando dimettendosi tornò in Spagna, nel convento di Santa Maria del Paular. Pochi anni dopo si spense in un palazzo di sua proprietà situato nei pressi del convento certosino, era lunedì 30 maggio del 1547. Egli fu seppellito all’interno della certosa nel cimitero dei monaci, ed i suoi confratelli contrariamente alla pratica dell’anonimato, vollero dedicargli sul luogo della sepoltura un epitaffio che recita così:

Aquí yace el M.R. y muy
magnífico Sr. Dn. Diego Sarmiento
Obispo que fué de Cuba: Monge
profeso de esta Casa de Ntra. Sa. de
las Cuevas. Fallecióel lunes 30.
días de mayo de 1547 años
Cuya ánima sea en gloria.

Amen.