• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    aprile: 2017
    L M M G V S D
    « Mar    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 368 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



  • Teads - Top dei blog - Religione e spiritualità

Cartusiae vintage

Cartusiae vintage

Montalegre

la_cartoixa_de_montalegre_

Il secondo appuntamento con immagini vintage di monaci certosini di foto e cartoline antiche, è con la certosa spagnola di Montalegre.

Vi lascio a rare immagini scolorite, che hanno il fascino del tempo che scorre inesorabile nell’immutata vita monastica claustrale certosina.

Largo alle foto…

Mistero Pasquale e solitudine

auguri-2017

In occasione della Santa Pasqua, voglio farvi giungere i miei più cordiali e sinceri auguri di pace, salute, gioia e serenità. Una splendida meditazione di un certosino,è il contenuto dell’articolo che ho scelto per voi, spero che la sua lettura possa riempirvi il cuore di gioia.

B u o n a   P a s q u a

Mistero Pasquale e solitudine

Presentare il mistero della solitudine come un incontro glorioso con Dio è eccitante, ma non rimaniamo con le sole parole. Per Gesù il mistero pasquale, è compiuto una volta per sempre. Il suo incontro con Dio era pieno fin dal primo momento e la sua rottura con il mondo fu definitiva, per noi non è la stesso: un livello di realtà esterna, il nostro passaggio da questo mondo al Padre, c’è ma con speranza; Quanto a noi, vediamo che la seduzione del mondo strofina le spalle con la purezza della risurrezione. L’esperienza quotidiana ci ricorda che una parte di noi stessi è ancora bloccato nel peccato, legati da molteplici contingenze di questo mondo, siamo legati disordinatamente a ciò che amiamo. Ogni giorno, quindi, dobbiamo approfondire la solitudine, vivere il mistero pasquale e passare da questo mondo al Padre, attraversando il nostro interiore.Questa Pasqua quotidiana condotta principalmente nella nostra osservanza monastica, nello sforzo ascetico e nella preghiera personale. Questa Pasqua ci dona il senso profondo della nostra vocazione. Pasqua non è un obiettivo, ma un punto permanente di partenza, una rinnovata scoperta di chiamata di Dio che ci invita a lasciare tutto: la casa di nostro padre, il nostro ambiente conosciuto per andare dopo di Lui alla terra che ci ha dimostrato.In queste condizioni, è normale che la nostra osservanza rimane marcata con il sigillo dell’infinito. Il suo unico significato è quello di stampare in tutta la nostra esistenza quell’aspetto di passaggio continuo del contingente per l’eterno, il relativo all’assoluto, dal molteplice all’Unico. Non è questo il momento di mostrare come questi propositi si realizzano nei principali aspetti della nostra vita esteriore: effettiva separazione dal mondo, la stabilità, il silenzio, la penitenza, etc. La cosa importante è far notare come tutte queste cose non hanno senso se non sono per noi un riflesso della chiamata di Dio per giungere a Lui, superando qualsiasi considerazione inferiore. Tuttavia, vorremmo rimanere sulla superficie del mistero se ridurremo la nostra solitudine alle semplici dimensioni che ho appena citato: l’osservanza ed il nostro sforzo personale. Il nostro vero passaggio dal mondo al Padre si realizza in Cristo e per Lui. È soprattutto l’intimo mistero della Chiesa, a cui apparteniamo, che si realizza senza sosta tra tutti i suoi membri, e che dovremmo sentire come il centro di risonanza magnetica spirituale. La vita della Chiesa è costantemente la Pasqua di Cristo quotidiana, estesa fino ai confini del mondo, realizzata in tutti gli uomini e che trova un’espressione privilegiata nella nostra solitudine. Inoltre, il mistero pasquale è l’Eucaristia che celebriamo quotidianamente, l’Eucaristia è messa a nostra disposizione dal Signore per farci assimilare questa esperienza come se la avessimo vissuta noi in prima persona la Pasqua dal momento della cena fino alla Ascensione alla destra del Padre Nostro. Il nostro autentico ingresso in solitudine, la nostra comunione è dunque sempre rinnovata nel passaggio di Gesù sempre disponibile in questo Sacramento. Con Lui, ogni giorno ci separiamo dal mondo per penetrare nel seno di Dio. Essere come Gesù risorto, nascosto da occhi umani può essere straziante, ma è ciò che ci permette di essere presenti a coloro che amiamo, tutta la Chiesa, per tutta la creazione in un modo simile a come lo è il Signore. Quando ha annunciato ai suoi discepoli che spariva dai loro occhi, mentre insisteva sul fatto che sarebbe stato con loro, in modo più profondo, più intimo: “Vado e tornerò a voi” (Gv 14,28). Anche noi, se ci lasciamo assimilare dalla ” solitudine-immagine di Dio”, noi diciamo: “E ‘opportuno che io vada, se non vado, non potrò venire a voi il Consolatore; se me ne vado, lo manderò” (Gv 16.7). Con Cristo e in Lui ci è concesso di poter comunicare agli altri lo Spirito confortante, lo Spirito di amore e di verità. Così si dovrebbe concludere l’itinerario pasquale del solitario. La sua cella, il suo deserto diventano manifestazione visibile di Dio segno che vi dà il benvenuto in sé. Incontro che si realizza nello Spirito per il Figlio per la gloria del Padre e che si irradia su ogni creatura. Tali viste sono contenute in un paio di frasi brevi, ma in poche parole non possono esaurire la ricchezza contenuta. La nostra solitudine, considerata sotto il bagliore, lo splendore della Resurrezione di Salvatore, è un mistero che contempliamo incessantemente con amore e vivere nella fede.

(Un certosino)

 

La pace

monaco-in-quiete-claustrale

«Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore» (Gv14,27).

Eccoci giunti ad un altro dono dello Spirito Santo: la pace. Una meditazione di un certosino che ci esterna in questo brano parole su cui riflettere. Facciamone tesoro!

La pace è un altro frutto dello Spirito Santo. Essa presuppone l’assenza di agitazione, che è esattamente l’opposto della pace; presuppone il riposo della volontà in possesso stabile del bene desiderato. Questo è esattamente lo stato della persona che è totalmente consegnata allo Spirito Santo. Se ci troviamo in questa situazione, cosa sarebbe in grado di disturbare la pace? La malattia, la debolezza, le umiliazioni, le tentazioni? La persona sa che tutto questo, è permesso dal Padre del cielo e sarà per lei un gran bene. Potrebbe essere la morte? No, perché la aspetta con amore e sente che non le manca il valore ed il coraggio di accettarla, continuando, così, a vivere.

Come questa persona potrebbe non sentirsi inondata di pace, sapendo che è consegnata a Colui che è l’unico centro di tutte le cose, e avendo un unico timore: offendere, in qualsiasi modo, un Padre così buono? È pienamente immersa nell’ordine, quindi usufruisce della tranquillità che è il risultato necessario della vera pace. Questa è la pace che il Signore desiderava ai suoi discepoli dopo la risurrezione: “La pace sia con voi, vi do la mia pace”, così diversa dalla pace del mondo.

La pace è una condizione necessaria per una perfetta vita della grazia in noi. Ed il diavolo lo sa bene. Quindi cerca di seminare l’inquietudine, in ogni modo, particolarmente nelle persone consacrate a Dio. Questo è l’obiettivo immediato dei suoi sforzi. Una persona irrequieta, si lascia sopraffare dalla tristezza e si ripiega su se stessa, ciò la impedisce di aprirsi come un fiore al sole dell’amore divino e, quindi, di glorificare Dio come dovrebbe farlo. La via d’uscita da questa situazione, quando non se sa evitare le insidie del diavolo, è umilmente aprire il cuore al confessore o al suo maestro di novizi. Questo rimedio è più efficace quanto più spiacevole al demonio dell’orgoglio, e prepara la persona, in modo efficiente, a lasciarsi muovere dallo Spirito divino.

Infine, questa pace sarà più consolidata in noi, quanto più ci applichiamo a essere fedeli di fronte alle piccole ispirazioni della grazia, con l’unica preoccupazione di compiere la volontà di Dio, anche nei piccoli dettagli. “Grande pace hanno quelli che amano la tua legge”, canta il salmista (Sl 119). La pace è il frutto della santità e dell’amore filiale. Felice la persona che è pia – “farò scorrere verso di essa, come un fiume di pace” (Is 66, 12).

(Un certosino)

 

 

Cartusiae vintage

Cartusiae vintage

Firenze

Certosa 1.jpg

Da oggi parte una nuova rubrica, che spero vogliate apprezzare. Vi offrirò immagini principalmente in bianco e nero di monaci certosini, tratte da vecchi libri o vecchie cartoline. Sarà un occasione per notare l’immutabile stile di vita e di costumi dei monaci, negli oltre nove secoli di storia dell’Ordine di san Bruno. Anzi colgo l’occasione per rivolgere a voi tutti un appello, e chiedervi di inviarmi qualsiasi foto o immagini vintage di monaci certosini da poi poter pubblicare nei successivi post di questo genere.

Comincio oggi con il proporvi foto e cartoline dalla certosa del Galluzzo a Firenze, che ha visto la presenza dei monaci certosini fino al 1957.

Spero che gradirete questa iniziativa, ma soprattutto… le immagini che seguono!

 

L’effetto certosino

la-passione-tatuata

Nell’articolo odierno, voglio parlarvi di un tema di stretta attualità. Esso riguarda il sorprendente interesse dei giovani nostri contemporanei, ad interessarsi alla vita monastica di clausura.

Da sempre l’Ordine certosino, ha emanato un fascino particolare circa la vita condotta tra silenzio e preghiera all’interno delle certose, aleggiava un alone di mistero intorno a quegli uomini disposti ad abbandonare la propria vita per donarla, in tutti i sensi, a Dio. Un idea comunemente diffusa, al di fuori delle mura certosine, era che chi rinunciava alla propria vita per abbracciare la vita monastica lo faceva come una sorta di penitenza o di espiazione di peccati gravi o colpe incoffessabili. Risultava difficile immaginare l’accettazione della solitudine, del silenzio e della preghiera volta alla ricerca dell’Assoluto, come libera scelta. Il sacrificio, le privazioni, la solitudine, il silenzio, la rinuncia agli affetti ed agli agi ed alle comodità risultavano essere una aberrante forma di masochismo. Ma un motivo per il quale dai tempi di san Bruno ad oggi, ovvero, dopo oltre nove secoli, l’Ordine certosino tra alterne vicende legate ai trambusti delle varie epoche caratterizzate da guerre di vario genere, rivoluzioni, persecuzioni, leggi anticlericali ed il semplice scorrere del tempo le comunità certosine sopravvivono, ed incredibilmente riescono ad attrarre l’interesse di molti giovani.

Tra mille affanni ed ansie per il futuro, il genere umano è riuscito a giungere nel XXI secolo, in un tempo contraddistinto da una imperante globalizzazione e da un consumismo che ha raggiunto vette inimmaginabili. Il genere umano è stato artatamente ridotto, con un processo di massificazione, in una società composta da persone intente a possedere e ad avere compulsivamente anche cose inutili.

L’uomo è al centro di questo processo di distruzione dell'”essere”, un materialismo dilagante che ha svuotato di valori e spiritualità i nostri giovani. Ma nonostante tutto ciò, ed in parte anche grazie ai mezzi moderni di questa globalizzazione, come il computer, la rete internet, ed i social network, ovvero strumenti indispensabili per i giovani di questa epoca, il sottoscritto e tutti coloro che hanno tentato una sorta di “globalizzazione evangelica” per diffondere e divulgare la ricchezza della fede e della spiritualità, hanno spesso trovato un inaspettato riscontro. Cartusialover nel corso del tempo ha ricevuto centinaia di contatti di giovani, provenienti da tutte le parti del mondo, interessati a vario titolo alla vita certosina. Risulta evidente, che buona parte di questi, indistintamente maschi o femmine e prevalentemente giovani, ha dimostrato un interesse profondo e non una mera curiosità.

In tanti si sono avvicinati già in possesso di una profonda Fede, altri ancora hanno voluto contattare le certose per cominciare un cammino vocazionale. Come avrete potuto leggere da questo blog, alcuni di essi mi hanno relazionato sulla loro esperienza tra le mura certosine per poter essere di aiuto ad altri giovani interessati ed attratti da tale vita claustrale. Non è semplice diventare certosino, ma nonostante l’impatto con la realtà, in periodi di prova, prima di cominciare ad essere postulante, non basterà la forza di volontà, l’equilibrio fisico e psicologico, e la tenacia per affrontare tale vita rigida.

La Provvidenza dovrà fare il resto!

Recentemente ho appreso da un Padre Priore certosino, che anche loro stanno assistendo ad un grande interesse ed a numerose richieste di giovani che vogliono diventare certosini. L’Ordine a differenza di altri tempi, ha potuto sperimentare quello che simpaticamente chiamano “effetto certosino“. Analizzando tali richieste, hanno potuto infatti riscontrare che trattasi di giovani alla ricerca di un più alto senso per la propria vita, a scapito della globalizzazione e del progresso, cercano un ambiente tranquillo e silenzioso dove poter attraverso la meditazione e la preghiera andare alla ricerca di se stessi e quindi di Dio. Lo stile di vita degli ordini monastici contemplativi dunque, pare essere una esigenza in questa epoca caratterizzata da un vacuo frastuono che ha massificato gli uomini ed ha impoverito gli animi.

Molti altri giovani mi scrivono e mi dichiarano di non essere riusciti ad accedere alla vita monastica certosina, ma ne restano rapiti ed affascinati ugualmente. Appaiono essere stati “contagiati”, ed irrimediabilmente attratti dalla profonda spiritualità certosina, vera fonte inesauribile di ricchezza tangibile per ogni essere umano, in questa epoca di aridità morale. Le foto che inserisco in questo articolo rappresentano comunque la testimonianza dell’ appartenenza e della vicinanza all’Ordine certosino dal di fuori delle mura di una certosa e dalla vita claustrale.

994891_270820949725869_305215502_n

tatuaggio-monaco-certosino

 

“Commensali di Dio”

elevation

Il testo che oggi vi propongo è estratto da una sorta di manuale per sacerdoti, scritto da uno scrittore spagnolo, un noto  monaco ascetico certosino.

Vi parlerò di Dom Antonio de Molina, nato verso il 1550 a Villanueva de los Infantes, egli entrò negli agostiniani eremiti il 17 marzo del 1575 e dopo poco, fu eletto superiore in una delle loro case a Salamanca, in Spagna, insegnando Teologia. Desideroso di una vita monastica con disciplina più rigorosa, decise di entrare nella certosa di Miraflores, ed il 28 ottobre del 1590 egli fece la professione solenne. Trascorsi ventidue anni, tra studi e vita claustrale Dom Antonio de Molina diventato nel tempo Priore, morì a Miraflores dove fu sepolto in odore di santità il 21 settembre del 1612. Egli ha scritto diverse opere, tra cui spicca il manuale di cui vi accennavo, dal titolo:“Instrucción de Sacerdotes, en que se dá doctrina muy Importante para conocer la Alteza del Sagrado Oficio Sacerdotale, y para exercitarle debidamente”. Fu un testo che riscosse molto successo in Spagna e che fu successivamente tradotto in varie lingue, diventando un vero punto di riferimento per ogni prelato. Scrisse inoltre altre due opere ascetiche di rilievo : “ Exercicios espirituales para personas ocupadas de cosas de su salvaciòn“, e “Exercicios espirituales de la excelencias, provecho, y necesidad de la oraciòn mental reducidos a doctrina, y meditaciones sacada de lo santos padres y Doctores de la Iglesia”.

Il brano che segue è tratto da “Instrucción de Sacerdotes”, e si riferisce alla Santissima Eucarestia, io lo trovo davvero eccelso!

Commensali di Dio

O Re della gloria, Principe dell’universo, allontana la caligine dai nostri occhi, affinché dalle nostre leggerezze passiamo a considerare la grandezza del tuo merito e la condiscendenza che hai usato verso di noi. Tu ti sei degnato di affidarci non la chiave di un palazzo reale della terra, ma la chiave dei cieli, con l’autorità piena di aprire e chiudere: ci hai eletti non in qualità di servi, ma di familiari e amici, per poter prendere parte con te ai tuoi profondi segreti; perciò hai voluto che non ci allontanassimo mai dalla tua presenza e dal tuo cospetto, per poter cosi assistere non già come servi o spettatori, ma come commensali alla tua stessa mensa, per nutrirci dello stesso cibo e bere dello stesso calice, Dio santo!

Solleviamo la nostra mente, solleviamo i nostri pensieri a cose tanto alte.

(Antonio de Molina, “Instrucción de Sacerdotes”, tr.III.cXII.)

Sulla scienza

ammirando-il-creato

“I cieli narrano la gloria di Dio,
l’opera delle sue mani annuncia il firmamento.

Il giorno al giorno ne affida il racconto
e la notte alla notte ne trasmette notizia.

Senza linguaggio, senza parole,
senza che si oda la loro voce”

(Salmo 19)

Lo scorso 6 dicembre vi ho annunciato la pubblicazione di brani sui doni dello Spirito Santo. Dopo avervi illustrato “la gioia“, oggi voglio proporvi “la scienza”, una breve meditazione su cui riflettere.

Non è vero che il nostro modo di parlare, di pensare e di agire, è spesso troppo umano, anche dopo che siamo entrati nel monastero? Per cercare la santità è necessario perdere la mentalità del mondo, cioè, dell’uomo, e sostituirla per il modo come Dio vede.

Qui il dono della scienza può aiutarci; non la scienza del mondo, ma la scienza di Dio. Attraverso questo dono dello Spirito Santo, una persona come per istinto, giudica tutte le cose alla luce della fede come Dio e, quindi, anche come nostro Signore ed i Santi. Beato colui che non possiede proprio giudizio, propri punti di vista, ma che in ogni circostanza giudica secondo lo Spirito Divino. Possiede la certezza di non ingannarsi mai: “Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie. Quanto il cielo sovrasta la terra, tanto le mie vie sovrastano le vostre vie, i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri” (Is 55, 8-9).

La persona che si consegna completamente all’azione dello Spirito di scienza, qualunque cosa accada, senza lasciarsi turbare dalla desolazione e dalla disperazione, sa che non sarà per sempre confusa e sa che è un bene per l’anima essere provata in quel modo; si abbandona senza riserve nelle mani del Padre del Cielo. Volentieri, nella prova e nell’umiliazione, ripete con il Salmista: “Bene per me se sono stato umiliato” (Sl 118, 71).

La persona che aspira a lasciarsi condurre, in tutto, dallo Spirito di scienza, deve prima di tutto, cercare una perfetta purezza dell’anima e una grande delicatezza di coscienza, e deve sforzarsi di essere particolarmente fedele nei minimi dettagli. Attraverso questa fedeltà nelle piccole cose, Santa Teresa del Bambino Gesù ha raggiunto in così poco tempo, una saggezza così elevata e una perfetta santità.

(Un certosino)