• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    luglio: 2017
    L M M G V S D
    « Giu    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



Maggio il mese di Maria

vicente_carducho._la_virgen_maria_y_san_pedro_se_aparecen_a_los_primeros_cartujo

Cari amici lettori, cominciamo questo mese di maggio nel quale vi saranno articoli prevalentemente dedicati alla Vergine Maria, alla quale chiediamo insieme opportuna protezione. Pertanto…

Sub Tumm praesidium confugimus, Sancta Dei Genitrice, Nostra deprecationes despicias ne in necessitatibus, Sed un periculis cunctis Libera nos sempre, Vergine gloriosa et Benedicta.

(Sotto la tua protezione fuggiamo, santa Madre di Dio; Non disprezzare le suppliche di noi che, ma liberaci sempre da tutti i pericoli, o Vergine gloriosa e benedetta).

Intendo parlarvi dell’origine della devozione particolare alla Vergine Maria dei monaci certosini. Mi avvarrò per la descrizione di ciò, di un dipinto di Vicente Carducho che brillantemente raffigura tale episodio.

La tela, difatti, ci riferisce di ciò che avvenne qualche tempo dopo che san Bruno (febbraio 1090) dovette lasciare la sua comunità, per recarsi a Roma su richiesta del pontefice Urbano II. I suoi primi confratelli, erano profondamente sconfortati per la perdita della loro guida spirituale, che amavano tanto. E nonostante la presenza di Landuino, che guidava i certosini rimasti, ebbero sbandamenti e tentazioni che fecero vacillare la loro fermezza in quegli ideali eremitici. Accortosi di ciò Maestro Landuino invitò quei confusi confratelli, ad unirsi in preghiera per recitare inni e lodi alla Beatissima Vergine. Nel mentre i religiosi erano intenti alla preghiera, il cielo notturno, sullo sfondo del dipinto raffigurato con il nero, venne squarciato da una nube luminosissima che presto dileguò le tenebre illuminando a giorno la notte!

Sorpresi da tale prodigioso fenomeno, i pii religiosi alzarono contemporaneamente lo sguardo verso il cielo, scorgendo una figura di anziano con un vaporoso e ricco mantello. Riconobbero in quella sagoma San Pietro, portatore di un messaggio di pace e di conforto, il quale invitò i monaci a perseguire nel loro intento, essendo quella la via della Croce che volge al Paradiso. Oltre ad esortarli a perseverare nel rigore di vita certosina, Pietro affidò i loro turbamenti incitandoli alla devozione alla Vergine Maria, che appare nella parte alta del dipinto.

Ogni giorno le comunità monastiche certosine dovranno recitare l’officio alla Madonna, e riferì loro quanto detto da Maria: “il vostro Ordine durerà quanto durerà il mondo!

A seguito di questo evento, i certosini rinfrancati e tranquillizzati provvidero ad elevare come protettrice dell’Ordine la Gloriosissima Regina del Cielo.Santa Maria de Casalibus, fu infatti la prima intestazione del primo insediamento certosino.

Questa è quindi l’origine della devozione mariana, che si compie quotidianamente in ogni certosa da oltre nove secoli. Oltre all’ufficio divino, i monaci certosini recitano ogni giorno in cella l’ufficio della Vergine Maria, inoltre quasi tutti i giorni un sacerdote del monastero celebra una messa in onore di Maria, e tutti i sabati, se non ricorre una festa, la messa conventuale è una messa celebrata in onore alla Santa Vergine.

Il certosino inquisitore

21-d-_luis_mercader

Nell’articolo odierno vi proporrò la storia di un certosino spagnolo: Dom Luis Mercader Escolano, il certosino inquisitore.
Luis nacque a Murviedro nei pressi di Valencia, nel 1444, da una nobile famiglia locale i Conti di Buñol. Sin da piccolo ebbe propensione per lo studio, e dapprima studiò dottrine umanistiche a Valencia e in seguito si recò a Salamanca dove si dedicò allo studio di matematica arte e teologia, giovanissimo divenne dottore in utroque. A soli ventiquattro anni, nel 1468, decise di entrare nella certosa di Val de Cristo e diventare monaco certosino. Date le sue doti, divenne maestro dei novizi e nel 1476 procuratore. Questo incaricò lo svolgeva a malincuore e diverse volte ne chiese misericordia, ma solo nel 1488 il Capitolo Generale dell’Ordine lo nomina Priore della certosa di Porta Coeli. Ma il 24 giugno del 1489 viene eletto all’unanimità Priore della sua certosa, e pertanto svolgerà tale mansione a Val de Cristo, non solo, l’anno seguente viene nominato Visitatore della Provincia cartusiana di Catalogna.
Ancora una volta Dom Luis con questo incarico vedeva turbata la sua vocazione alla solitudine ed alla quiete della cella! Fu così accolta la sua richiesta di misericordia anche per questo compito, e il 14 ottobre del 1491 fu deposto, ma il 9 gennaio del 1494 fu nuovamente eletto all’unanimità priore alla certosa di Val de Cristo. La sua personalità era davvero forte al punto che fu scelto dal re Ferdinando il Cattolico come suo confessore ed ambasciatore personale presso il Papa. Questo incarico condusse Dom Mercader a fare visite diplomatiche all’Imperatore Massimiliano I d’Asburgo, al re Ladislao d’Ungheria e sul soglio pontificio retto da Alessandro VI. Questa sua attività diplomatica non fu gradita al capitolo Generale dell’Ordine, che nel 1511 intimava Dom Luis di ritirasi a vita claustrale. Il re Ferdinando difese questa censura ricevuta dall’ Ordine certosino, ma ne approfittò per nominare, il 13 gennaio del 1514, Dom Mercader vescovo di Tortosa ed investendolo anche del titolo di Presidente del Tribunale dell’inquisizione di Navarra e Aragon!
Quest’ultimo titolo scosse emotivamente Dom Luis, che svolse questa mansione in maniera estremamente mite, come fu la sua condotta episcopale secondo le virtù apprese tra i certosini. Continuò a praticare l’astinenza dalla carne ed un regime di vita severo. Il 9 giugno del 1516, a settantadue anni di età di ritorno da corte a Buñol, la sua anima salì al cielo. Il suo corpo fu seppellito nella Cappella della Maddalena nella sua amata certosa di Vall de Cristo. Durante il suo priorato infatti egli aveva disposto la costruzione di questa cappella, dove fu poi interrato tra la commozione dei suoi confratelli. Si spense con la fama santità, fu apprezzato come uomo saggio e ricco di rare virtù. Dopo la sua morte, e trascorsi 83 anni, da quell’infausto giorno, i monaci aprirono la cripta per pulire le reliquie del santo confratello, ma fu con grande stupore che assistettero ad un vero prodigio.
Le spoglie mortali di Dom Luis Mercader erano incorrotte!
L’aspetto fisico era identico al momento in cui era morto, aveva una folta barba rossiccia e l’abito monastico intonso e non vi era traccia di cattivo odore. I certosini, ringraziarono Dio per tale prodigio e benedissero le spoglie, seppellendole nuovamente. Nelle cronache della certosa di Val de Cristo, vi è notizia di un altro tentativo di indagine effettuato su queste spoglie. Difatti trascorsi altri cinquanta anni, ovvero centotrentaquattro dalla dipartita di Dom Luis, altri suoi confratelli aprirono la cripta. Lo stupore fu estremo nel vedere le venerabili reliquie ancora intatte. Dal corpo del loro confratello defunto emanava inoltre un soave profumo, segnale della sua santità. I monaci provarono ad estrarre un dente come reliquia da venerare, ma fu impossibile poichè esso era attaccato alla arcata dentaria come se fosse vivo!
Decisero così di chiudere la cripta e lasciar riposare il loro confratello in quell’aura di santità.
Su di lui scrissero: “Fu molto dedito allo studio della matematica, fu per questo che ebbe nella sua cella molti astrolabi e orologi che lo hanno aiutato l’uno a salire su nel cielo con la contemplazione; e l’altro a piombare e strisciare sul pavimento, prostrandosi e ricordando la brevità della vita

dom-luis-mercader-offre-lo-scudo-del-suo-casato-a-san-bruno-2

Dom Luis Mercader offre lo scudo del suo casato a san Bruno

 

 

 

Fratello Jean de Pers (detto il Chierico)

Fratello Jean de Pers (detto il Chierico)

Abito Fratello Converso

Ancora una vita esemplare di un fratello converso certosino, stavolta della certosa parigina di Vauvert. L’episodio narrato ci illustra l’aura di santità di

Fratello João de Pers (detto il Chierico) Professo di Parigi

Trovare tra i fratelli un uomo solidamente stabilito nelle vie soprannaturali, un vero contemplativo, non è raro, grazie a Dio. Ma che, in questa condizione modesta, un uomo colto si unisca al contemplativo, ecco questa cosa è meno comune.

João de Pers ci offre nella sua persona uno di questi fenomeni curiosi. Hanno conservato a lungo nella Certosa di Parigi, la sua casa di professione, diversi trattati notevoli sulla perfezione e la mistica. Aveva una condizione: una intelligenza superiore ed un ricco sfondo di pietà. Ciò non sarebbe stato sufficiente a fare di lui uno scrittore di meriti. È stato grazie alle luci soprannaturali che si elevò sopra la media.

Un fatto singolare edificherà il lettore circa la qualità di questo buon Fratello. Egli lavorava un giorno in una proprietà rurale della Certosa. Era la Vigilia della festa di Corpus Christi – come si diceva a quel tempo. Gli venne l’idea di andare alla vicina Chiesa per i primi vespri. Che cosa successe? Appena passò all’ingresso della Chiesa e vide l’altare dove abita l’ospite del tabernacolo, sentì una scossa nel cuore, accompagnato da forti nausee. Dovrò avanzare? Non sarebbe prudente ritirarmi? Ma egli decise di avvicinarsi del santuario. Lungi dal diminuire, il disagio aumenta. Ed invano cerca di stimolare la sua devozione. Quanto più egli prega, meno fervore sente.

Subito il velo cade; il sant’uomo capì. Spinto da un movimento segreto, andò nella sagrestia e disse con tono modesto:

– Un dubbio mi ha assalito, disse al sacerdote, poi di un’impressione che ho sentito quando sono entrato in tua Chiesa. Lo dico in tutta semplicità. L’Ostia che hai esposto questa mattina alla adorazione dei fedeli, era consacrata?

– A cosa pensi mio caro Fratello? Risponde il sacerdote.

– Sì! Mi chiedo a me stesso, e mi permetto di chiederti senza mezzi termini.

– Chi ti hai impresso questa bizzarra idea?

– Non lo so. Tuttavia, il fatto è che io non posso allontanarla dal mio spirito. Ah! Se io avessi il coraggio di tradurre l’emozione dolorosa che è venuta su di me poco fa!

– Il Nostro Signore, vedo, mio buon Fratello, ti ha rivelato la profanazione orribile del quale sono diventato colpevole.

– Cosa intendi dire?

– Preoccupato, in momento di celebrare con i preparativi della festa, ho dimenticato di consacrare un’Ostia grande e, per evitare uno scandalo, ho esposto il pane che dovevo portare domani in processione. Ecco il mio crimine. Dio si degni di perdonarmi!

– Tu, credo, lo riparerai immediatamente.

– Come? È troppo tardi.

– No, non è.

E sotto il consiglio del Fratello, il sacerdote mise nell’ostensorio un’Ostia della “Santa Riserva”.

Il pio fratello converso mantenne fino alla fine questa ammirevole semplicità, allo stesso tempo il sentimento della sua umile condizione. Qualcosa di ancora più sorprendente, tutto in lui sembrava concorrere per mettere questo doppio virtù in pericolo: la sua vasta conoscenza e la sua meritata reputazione.

Alla fine della sua vita, in cui non riusciva a parlare più con gli uomini, parlava incessantemente con il cielo, non volendo sentire che le cose dell’altra vita. Ricevé gli ultimi sacramenti e rispose alle preghiere senza inquietudine né emozione. Dopo di che, avendo a portata di mano il vessillo della carità, gli occhi ed il cuore in Alto, il santo vecchio aspettava l’ora di Dio. Essa risuonò il 14 aprile 1624. Coraggio, servo buono e fedele, entra nelle gioie senza ombra del suo Maestro!

 

Un apparizione mariana

Un apparizione mariana

Virgen Protectora cartujos Porta Coeli

Nell’articolo odierno, voglio narrarvi un aneddoto dai contorni leggendari, ma che pare sia accaduto realmente. La notizia è tratta dal libro “De mirandis Deipara Virginis” e riferisce la storia di un anonimo giovane nato per intercessione della Vergine, cresciuto ed educato sotto la sua protezione. A vent’anni entrato nella certosa di Vauclaire, per affeto, per fervore e per adorazione della Vergine. La sua vita dedita alla severa regola certosina, fu caratterizzata da uno zelo particolare verso la preghiera e la disciplina monastica. Dopo qualche anno egli divenne Priore, ed a causa del suo ruolo era costretto ad abbandonare il monastero per intraprendere viaggi al fine di compiere commissioni e mandati. Si narra che in uno di questi viaggi, il religioso si trovò ad attraversare un bosco, che a sua insaputa era notoriamente infestato da malviventi, Questi loschi individui alla vista del bonario certosino, cominciarono a seguirlo attendendo il momento propizio per poterlo aggredire e derubare. Mentre il pedinamento si svolgeva, il Priore si rammentò di non aver ancora recitato il Rosario in quella giornata. Siccome era quasi tramontato il sole, decise così di assolvere a quel compito per il quale nutriva una smodata devozione. Si fermò accanto ad un albero e si pose in ginocchio come se fosse di fronte ad un altare, e cominciò a recitare la preghiera alla Vergine. I ladri appostati dietro ad alcuni rovi, assistevano con pazienza a quel rito, in attesa di fare il colpaccio, ma all’improvviso furono sorpresi nello scorgere accanto al pio certosino la figura di una donna di incomparabile bellezza ed eleganza. La figura femminile era intenta a cogliere delle belle e profumatissime rose, che in maniera prodigiosa uscivano dalla bocca del monaco in orazione, e che lei intrecciava formando una corona. Questa era formata da rose bianche, ed ogni dieci ve ne era una rosa rossa. Terminata la ghirlanda di splendide rose, tra lo stupore dei malviventi la leggiadra donna spiccò un volo scomparendo nel cielo!

Dopo aver assistito a tale spettacolo prodigioso, videro il Priore certosino farsi il segno della croce, rialzarsi e riprendere il cammino, come se nulla fosse accaduto. Impietriti i furfanti si guardarono tra di loro ed all’unisono rincorsero il certosino per chiedere spiegazioni sul fenomeno a cui avevano assistito. Il certosino interpellato sull’accaduto, rispose che non aveva visto niente e nessuno e dietro le insistenti richieste, egli disse che aveva semplicemente recitato il Rosario alla Vergine Santissima come era sua abitudine farlo ogni giorno. Ascoltata tale spontanea risposta, i ladri rivelarono al monaco le loro malevoli intenzioni, e si resero conto che avevano assistito ad un’apparizione prodigiosa della Vergine. Si inginocchiarono ai piedi del Priore e chiedendo perdono per le loro malefatte, chiesero una benedizione giurando di abbandonare per sempre quella condotta di vita insana. Promisero inoltre di recitare ogni giorno il Rosario alla Vegine Maria.

La Madre singolare dei certosini aveva salvato il monaco in pericolo e redento anime peccatrici grazie alla recita del Rosario.

Santa Rosalia: La ragazza bionda innamorata di san Bruno

Santa Rosalia: La ragazza bionda innamorata di san Bruno

santa.Rosalia.e.san.Bruno

Recentemente, sono stato attratto dal testo apparso su una rivista serrese e pubblicato dall’amico di Cartusialover Girolamo Onda, ve lo riporto per sua gentile concessione.

Santa Rosalia

-LA RAGAZZA BIONDA INNAMORATA DI SAN BRUNO-

Rosalia Sinibaldi (o di Sinibaldo) nacque a Palermo intorno al 1128; appartenne alla nobile famiglia dei Sinibaldi del XII secolo. Nel 1128 -siamo a due anni dell’incoronazione di Ruggero II- la Sicilia era ancora una Contea e Palermo stava per diventare capitale del Regno Normanno d’Italia meridionale.

In quel tempo, la certosa calabrese di Santo Stefano del Bosco in Serra San Bruno, era stata ultimata insieme con la prospiciente residenza estiva degli Altavilla; e questo grazie all’intervento della Contessa Adelaide e del figlio Ruggero II, i quali continuarono l’edificazione dell’opera intrapresa da Ruggero I. Rosalia, di famiglia nobile, da giovane visse in ricchezza presso la corte di re Ruggero II, suo padre era il conte Sinibaldo, signore della Quisquina e del monte delle Rose. Sua madre, Maria Guiscardi, era a sua volta di nobili origini e imparentata con la corte normanna.

Per meglio comprendere l’origine dell’attrazione della giovane Rosalia al mondo monastico certosino ed a san Bruno, bisogna raccontare un episodio, accaduto nell’estate del 1148, che risultò essere determinante per la vocazione della bella ragazza palermitana .

Si racconta che un tale conte Baldovino fu il protagonista del miracoloso salvataggio del re Ruggero II avvenuto durante una battuta di caccia sui monti calabresi nei pressi della certosa di Santo Stefano -dove Ruggero I aveva fatto costruire una sua residenza estiva-. La leggenda narra che durante una battuta di caccia Ruggero fu attaccato e ferito da una bestia feroce, divincolatosi si dette alla fuga inseguito dall’animale; fu allora che un albero si abbatté frapponendosi tra il re e la bestia che spaventata si dileguò nella foresta abbandonando la preda. Ruggero azzannato lievemente, fu prontamente soccorso da Baldovino, e  fu portato nella sua residenza dove fu immediatamente assistito e medicato nella vicina farmacia certosina. Rosalia, facente parte della corte di Ruggero II -che in quella occasione era al seguito del re- rimase molto impressionata quando da tutti, questo salvataggio fu attribuito all’aiuto miracoloso di san Bruno, fondatore di quell’eremo, invocato da re Ruggero. Per quel miracoloso salvataggio il Priore dell’epoca: Dom Andrea celebrò una solenne messa di ringraziamento durante la quale ricordò che Ruggero II era stato tenuto a battesimo dal monaco Brunone, e perciò particolarmente protetto dalla nascita! A seguito di questo episodio, Ruggero grato per il provvidenziale soccorso, volle ricompensare il giovane Baldovino esaudendo un suo desiderio, le offrì in sposa la giovane e bella Rosalia della quale il conte si era invaghito. Ma Rosalia dopo questo evento prodigioso, durante il soggiorno estivo, invece di partecipare agli svaghi di corte, preferiva seguire le pratiche religiose dei certosini. Chiusa nella sua stanza rispettava l’orario giornaliero dei monaci scandito dalla campana del vicino monastero. Fu così che Rosalia s’innamorò della vita ascetica dei certosini e del fondatore dell’Ordine. Infatti decise di abbracciare e donarsi a quell’ideale di regola monastica. Appresa con angoscia la notizia della proposta di matrimonio, ella si presentò alla corte del re con le bionde trecce tagliate, e rifiutò l’offerta di sposalizio. Successivamente, la ragazza, si rifugiò presso il monastero delle Basiliane a Palermo, nel tentativo di appagare il suo desiderio di vita eremitica. Ma non stette molto in quel luogo, non trovando che confacesse ai suoi ideali di vita ascetica, e decise di rifugiarsi presso una grotta nei possedimenti del padre per condurre la vita contemplativa nella preghiera e nel silenzio. In seguito abbandonò anche quella grotta, ritenuta poco idonea, e si trasferì in piena solitudine e lontana da qualsiasi affetto familiare in un altro luogo. Scelse come rifugio ideale una piccola caverna, oggi incorporata nell’eremo a lei dedicato, situato nel bosco della Quisquina oltre Bivona; a mezza costa di un dirupo di circa 900 mt che domina la necropoli di Realtavilla (AG). Fu lì che condusse una vita fatta di penitenze, preghiera e meditazione, isolata da tutti.  Il 4 settembre del 1165 venne trovata morta in quell’anfratto.

Secondo la tradizione cattolica la santa, nel 1624, salvò Palermo dalla peste e ne divenne la patrona. Oggi, santa Rosalia Sinibaldi, è venerata come santa vergine dalla Chiesa cattolica. I palermitani la onorano con una grande festa chiamata in gergo: “Fistinu”. Nel novero delle celebrazioni, che si protraggono per più giorni, le reliquie di santa Rosalia, contenute in una preziosa urna d’argento, vengono portate in processione per le principali vie della città.

Ringrazio l’amico Girolamo Onda che ha voluto offrirci questa preziosa “chicca”, che ci testimonia come all’origine della santità di santa Rosalia vi è una profonda ammirazione per san Bruno e la vita certosina.Da notare nei dipinti che ho scelto come immagine di quest’articolo, la similitudine dell’iconografia, la spelonca, il teschio, lo sguardo estatico che accomuna i due santi, rapiti dall’estasi.

Il protettore dei bambini

 Il protettore dei bambini

Jan-Erasmus QuellinusMiracle of Saint Hugh of Lincoln is painted in this year (KMSKA, Antwerp).

Nel giorno della ricorrenza di sant’Ugo vescovo di Lincoln, voglio descrivervi uno dei suoi miracoli. Premesso, che il cappellano personale del vescovo certosino fece un indagine approfondita sui prodigi compiuti da Ugo, archiviando come tali solo quelli fortemente documentati.

Tra i tanti, il più toccante ed eclatante di tutti fu di resuscitare un bambino, restituito a sua madre per intercessione di quello che viene considerato il protettore dei bambini. Per l’amore che dedicava loro. Guarigioni, azioni salvifiche, protezioni prodigiose per intercessione del santo certosino ve ne furono tante, ma questa è davvero singolare.

I fatti si svolsero nei paraggi di Lincoln, poco dopo la morte del santo vescovo, laddove una donna fu colpita dal dolore di vedere suo figlio spirare tra le sue braccia a seguito di una malattia durata quindici giorni. Il corpicino del bimbo divenne presto rigido e freddo come se fosse morto da tanto tempo. A quel punto una vicina della povera mamma con un gesto delle dita chiuse gli occhi del piccolino. Era notte. e la mamma piangeva a dirotto disperandosi fino al canto del gallo, quando l’alba schiarì il cielo. Dopo una notte di meditazione ed i preghiere, la povera donna esclamò con impeto :” Ebbene, prima che mio figlio sarà interrato Dio me lo renderà, grazie all’intercessione del prodigioso sant’Ugo” oltre a questa frase ella promise di accendere un cero sulla tomba del santo vescovo, alto quanto la statura del figlio morto. Proferite queste parole, prodigiosamente  apparve il santo certosino in abiti vescovili, che visto da molteplici testimoni, benedisse il piccolo bambino, ancora in braccio alla sua mamma, il quale ebbe un sobbalzo e cominciò a piangere come se fosse venuto in vita per la seconda volta!!!

Di fronte a questo prodigio ed alla iniziale incredulità  sfociata in gioia, tutti piansero e si recarono in processione sulla tomba del santo vescovo acclamandolo.

Questo è forse il più stupefacente miracolo, che fu ovviamente oggetto di rappresentazioni pittoriche legate all’iconografia di sant’Ugo, come ci testimoniano i dipinti che allego in questo articolo.

 S. Ugo resuscita un bambino - Napoli Certosa di San Martino

L’osservanza certosina oltre la morte

L’osservanza certosina oltre la morte

P05590

Nel dipinto di Vicente Carducho, che oggi vi propongo, viene illustrato un episodio realmente accaduto e narrato nelle cronache certosine. Il pittore, con estrema maestria, ci narra attraverso questa immagine una scena svoltasi all’interno della Grande Chartreuse. Sullo squarcio di fondo si notano pellegrini che si avvicinano verso l’eremo e due storpi genuflessi vicino ad una sepoltura, che chiedono una grazia per la guarigione. Sulla destra un gruppo di monaci certosini che pregano anch’essi sul sepolcro di un loro confratello. Il personaggio in primo piano che regge un bastone ed è intento a benedire la tomba, è Dom Jancelino (priore dal1180-1233), ovvero il decimo Priore Generale dell’Ordine certosino. Egli è costretto a dover “ordinare” al suo predecessore il defunto Guigo II (priore dal 1174-1180)  di smettere di fare miracoli e guarigioni, per non turbare la quiete monastica. Il clamore del potere taumaturgico del venerato priore aveva infatti fatto accorrere una moltitudine di fedeli da tutta la Savoia, come Carducho sapientemente dipinge rendendo eloquente l’episodio. La morale di questo dipinto, sta nello stesso titolo, difatti testimonia la rigidità della osservanza della regola certosina anche oltre la morte!!

Come da tradizione “non sanctos patefacere, sed multos facere”

Puzzle

 

preview56 pieceL’osservanza della regola certosina oltre la morte