• Translate

  • Memini, volat irreparabile tempus

    settembre: 2017
    L M M G V S D
    « Ago    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Guarda il film online

  • Articoli Recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Segui assieme ad altri 399 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.
  • Live da Lourdes



I primi anacoreti

santantonio_0000

I PRIMI ANACORETI

Anacoreta (dal greco ἀναχωρητής anachōrētēs, derivato da ἀναχωρεῖν anachōrêin, ritirarsi) è detto un religioso che abbandona la società per condurre una vita solitaria dedicandosi all’ascesi, alla preghiera ed alla contemplazione. Col nome di Padri del Deserto si indicano quei monaci, eremiti e anacoreti che nel IV secolo, abbandonarono le città per vivere in solitudine nei deserti d’Egitto, di Palestina, di Siria.   Nell’ascesi solitaria, costoro cercavano nel deserto  la via dell’hésychia, ovvero della pace interiore per elevarsi a Dio. Questa pratica, l’esicasmo, fu divulgata da Evagrio Pontico (IV secolo) e da altri maestri spirituali tra cui spicca San Giovanni Climaco autore nel VI secolo della Scala del Paradiso, la pratica dell’esicasmo è ancora oggi viva sul Monte Athos e in altri monasteri ortodossi.

Tra gli anacoreti cristiani si ricordano San Paolo di Tebe (ca. 234-241) il più antico eremita finora conosciuto, Sant’Antonio abate (251-356) e l’eremita egiziano San Pacomio (morto nel 318 circa),  cui si fa risalire l’istituzione della vita cenobitica fondata sulla comunità. Dall’Alto Egitto gli eremiti si diffusero in tutto l’Oriente e soprattutto in Palestina grazie a  Sant’Ilarione di Gaza, in Cappadocia con San Gregorio di Nazianzio e San Basilio (IV sec.). In Occidente la vita eremitica si diffuse grazie a Sant’Atanasio e San Girolamo, dal IV secolo troviamo eremiti in Europa (Gallia, Bretagna, Irlanda) ed in Africa. In seguito grazie a San Benedetto da Norcia (480-547) l’anacoretismo si trasforma in monachesimo, diventando una forma intermedia tra ascetismo e cenobitismo, caratterizzato da isolamento, non sempre totale, preghiera, lavoro per il proprio sostentamento e austerità di vita.

Furono queste le figure a cui Maestro Bruno si ispirò allorquando decise di abbandonare il mondo alla ricerca del desertum, per vivere come loro nelle laure ovvero un gruppo di celle monastiche (per lo più formate di piccole capanne o di grotte scavate nel terreno arido e roccioso), ognuna separata dalle altre, ma con una chiesa in comune e con un sacerdote che amministrava i sacramenti e, spesso, ma non sempre, guidava i monaci nella vita spirituale.

Annunci

6 Risposte

  1. Excelente Roberto.
    Muy bueno el nuevo blog.
    Saludos en el amor de Cristo!

  2. Cosa pensate dei Rotoli del Mar Morto? Li ho studiati Abbastanza approfonditamenti e mi hanno affascinato molto. Magari ci fosse una comunità Essena oggi. Sarebbe la realizazione del mio sogno. Sarebbe difficile vivere in una comunità come facevano in antichità a causa delle distanze che ci sono fra noi, ma si potrebbe ceare ugualmente una comunità spirituale fra tutti coloro che condividono i principi fondamentali esseni. Se ci sono altre persone che la pensano come me, scrivetemi!

    • Hi dear Louis,

      paz y bien

      I think and feel the same as you. I think that there is a man in USA which founded a Essene community.

      tha best

      angel

  3. You failed to mention a reformer and founder
    of communities of hermits around the year 1051.
    The founder of the Hermitage of Camaldoli.
    St. Romuald, whose hagiography was writen by
    St. Peter Damien. The Camadolese Monks and
    Hermits are today a thriving Order.
    Tom T

  4. wow!!!!!!LOL!! 🙂

  5. El Tèrmino Ermitaños se remonta a las primeras glaciaciones que ocurrieron en el globo terraqueo,sus desplazamientos se originaron por los fenòmenos de Glaciaciones y perìodos Interglaciares,Estos hombre buscaron en medio de la nada hacer su hàbitad,y se fuè formando en los polos grupo de hombres ,cuya vida de ciñe a ser ermitaños.Ahora Etimologicamente hablando se refiere al “Retiro voluntario”,para obtener quietud e interiorizar procesos que en la dinàmica de la vida de los hombres,quizas no se entienda.En el Siglo XvII hasta bien entrado el SigloXXVIII y XXIV y XX,los Monasterios en el Mundo llevan a el tèrmino a consolidad su vida Eclesiàstica en el aspecto de ser Ermitaños,condicòn que le lleva a una elevaciòn de su espìritu y vida fuera de todo acontecer mundano ,sin privarse de las mejores esencias del existir humano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: