• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    giugno: 2020
    L M M G V S D
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 613 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Tre short video dalla Corea (terza parte)

Ufficio notturno

Cari amici per voi i terzi tre brevi estratti video del film “La casa alla fine del Mondo”, di cui vi ho parlato in un precedente articolo. Oggi vi propongo gli estratti della terza ed ultima parte. A corroborare i video vi sono i testi tradotti dal coreano, grazie all’aiuto di una rete di amici.

Testo in inglese

Testo in spagnolo

Testo in portoghese

Questi i titoli introduttivi.

L’Ordine certosino fu fondato nel 1084 da San Bruno a Chartreuse in Francia. Da quel giorno la storia è continuata con il silenzio le poche parole del dialogo ed il totale abbandono.

Attualmente, 370 monaci in 11 paesi in tutto il mondo dedicano tutta la loro vita in stretta solitudine e silenzio per seguire la verità dell’eternità.

E 15 anni orsono, a seguito della speranza di Papa Giovanni Paolo II, fu istituito il primo convento certosino in Asia, qui in Corea del Sud.

PARTE TERZA video 1

 

(Da 1 min)

Il nostro cuore è un altare vivente dove offriamo costantemente pure preghiere al Signore. (Statuti della comunità certosina 4-11)

Il nostro principale sforzo ed obiettivo è lasciarci immergere nel silenzio e nella solitudine, in una cella solitaria e silenziosa.

La cella è una terra santa in cui il Signore ed il suo servitore possono parlare insieme. (Statuti della comunità certosina 4-1)

Solo all’uomo puro è permesso vedere Dio nel suo cuore. Per raggiungere questo livello, è necessario un grande abbandono. (Statuti certosini 6-4)

La terra è unita al cielo, ed il divino è unito alla natura umana.

La giornata è lunga ed il percorso è arido ed insensibile per raggiungere la primavera nella terra promessa. (Statuti certosini 4-1)

(Da 3min30)

La casa alla fine del mondo

Monastero di clausura certosino

Possiamo lavorare insieme tre volte all’anno.

I sacerdoti saranno, infatti, lieti di avere queste opportunità di partecipare alle funzioni del monaco del coro. (Statuti certosini 22-14)

(Da 6min15)

Ho una domanda. Cosa si vuole dal candidato certosino?

Non esiste una richiesta specifica. Quindi, siamo pronti ad accettare solo i candidati che Dio ha provveduto per le nostre famiglie.

Ma la cosa più importante è “se i candidati sentono che l’ordine certosino è come la loro casa”. Penso che sentano, per se stessi, che l’Ordine certosino sia come la loro casa.

La cosa più importante è incontrare la nostra vita certosina e sperimentare faccia a faccia il nostro Ordine Certosino.

In realtà, incontrando le nostre vite, sperimentando l’ordine certosino ed il fascino per Dio, la passione per la preghiera…Sento anche che sono importanti.

(Da 8min15)

Comunità

Dovrebbero avere non solo il desiderio di solitudine, ma anche il desiderio di una vita comune – Statuti certosini 8-3.

I raccolti dei rispettivi giardini sono condivisi da 11 fratelli.

PARTE TERZA video 2

 

La casa alla fine del mondo.

Monastero di clausura certosino

Il monaco Lee ha emesso i voti qualche tempo fa.

(Lo spaziamento – dialogo fra monaco Lee ed un monaco anziano)

Sto pregando…Fare questo voto significa il mio matrimonio nella mia vita. Perché è la mia unione eterna con Gesù.

Sarebbe un peccato sposare la persona sbagliata tra un uomo e una donna. Ma ho sposato Dio. Immagino che sarai felice.

Ma come posso vivere in unione eterna con Gesù? So che è al di sopra delle mie capacità. Sto pregando perché penso di aver bisogno dell’aiuto di Gesù.

Santa Maria ti aiuterà a pregare bene.

(Da 1min50 – l’arrivo della famiglia del monaco Lee)

Nonna, non ricordi? Abbiamo pregato qui insieme l’anno scorso.

Sorella Piache è la sorella maggiore del monaco.

La sorella Piache appartiene al convento di nome “I Piccoli Servi della Sacra Famiglia “e il Convento gestisce un ospedale gratuito. I senzatetto, gli anziani soli, le classi povere, i lavoratori stranieri sono trattati qui gratuitamente con la terapia.

(Da 4min5 – l’incontro del monaco con la famiglia)

Hai cantato molte canzoni prima, in macchina.

Vuoi che canti una canzone adesso?

L’anno scorso, caro monaco Lee, eri così debole con il digiuno che non riuscivi a parlare bene. (dice la mamma)

Allora, tua madre ha sofferto l’anno scorso.

Quando ti vedo, mio figlio, così sano, grazie …Grazie Dio!

Nonna, questa volta tuo nipote si è sposato.

Stai mentendo, vero?

Parlo sul serio. Veramente mi sono sposato.

Sono anche sposata. (dice la sorella)

Sai chi ho sposato?

No!

Dio, è lì. (il monaco indica il crocifisso)

Hai fatto un buon lavoro.

Facciamo un pasto,

Mi dispiace, ma non posso. (dice il monaco)

Secondo le regole, non posso mangiare nulla con la mia famiglia, tranne l’acqua.

Nonna, immagino solo che lo mangio nella mia mente insieme a te. Sarò felice di mangiare del tutto.

Nonna, buon appetito.

Sono contento che tu abbia preso il pasto, nonna.

Ti auguro buon appetito.

(Da 6min40 – pranzo in cella)

La persona della comunità sa di essere estranea a tutto ciò che è del mondo da non poter disporre più di nulla, neppure di se stesso. (Statuti 10-11)

(Da 7min30 – riunione in stanza)

Nel mio secondo anno del liceo, ho deciso di diventare un sacerdote che trasmette l’amore di Dio. Sono entrato in seminario subito dopo il diploma.

Ed infine, nel secondo semestre della quarta elementare, ho detto al mio sacerdote che mi sarebbe piaciuto unirmi al monastero.

“Potrebbe essere una tentazione”, ha detto il sacerdote.

Ma le voglie non sono scomparse e sono diventate più forti di prima.

Sono riuscito ad unirmi al monastero all’età di 26 anni.

Il motivo per cui mi sono unito a questo Ordine certosino…

Sono certo che vivrò questa vita, solo guardando il mio Dio e anche sicuro di potergli dare tutto.

L’altra ragione è che quando finirà la mia vita, sarò sicuro che non mi pentirò mai della mia vita.

Prima di entrare nell’Ordine, queste due convinzioni non sono mai state scosse fino ad ora. Non saranno mai scosse in futuro.

PARTE TERZA video 3 (Fine)

 

La casa alla fine del mondo.

Monastero di clausura certosino

Mentre il mondo cambia, la croce resta ferma. Ogni giorno voglio approfondire quel segreto.

(Da 36secondi – dialogo tra il Padre ed il Fratello)

Padre, cosa vuoi fare di più adesso?

Voglio mostrarti che Dio è veramente vivo in mezzo a noi davanti al mondo.

Anche noi vogliamo farlo.

Anche altri monaci vogliono farlo, nei loro rispettivi luoghi. Vogliono anche farlo, al loro posto.

Fratello, cosa vuoi fare di più adesso?

Aiutare le persone…Voglio aiutare le persone. (si è emozionato)

(Da 3min55)

Il Signore ci ha chiamati per rappresentare tutte le creature. Quindi, dobbiamo pregare per tutti, i vivi e i morti. (Statuti certosini 21-13)

(Da 6min50)

I monaci lasciano tutto e vivono solo in base all’essenziale.

Trovano una profonda amicizia con tutti nel mondo attraverso la loro vita. Perché viviamo in Dio tutti insieme.

Ma se dovessimo rendere uno dei Suoi misteri nostro, avremmo bisogno di tempo.

Potrebbe sembrare impossibile passare una vita in un monastero.

Abbiamo bisogno di tutta la nostra vita per entrare nell’unità di Dio.

Siamo uniti a tutti, separati da tutti. Davanti al Dio vivente, siamo nel nome di tutti. (Statuti certosini 34-2)

“Stat Crux dum volvitur orbis”

Mentre il mondo gira, la croce resta ferma.

Grazie, l’Ordine Certosino, la Conferenza episcopale cattolica di Corea e vescovo, Rene Dubon.

San Bruno Corea

2 Risposte

  1. I so appreciate your wonderful blog. Thank you.

  2. Tutte le benedizioni possibili per il monaco Lee e tutta la
    Certosa coreana e i suoi componenti. Grazie per questa eccezionale testimonianza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: