• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    ottobre: 2021
    L M M G V S D
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Focus Pleterje

1

Cari amici, oggi voglio riportarvi un’articolo pubblicato lo scorso aprile dalla celeberrima rivista “National Geographic” versione edita in Slovenia, poichè vi è un interessantissimo approfondimento sulla certosa di Pleterje, che di sicuro sarà di vostro gradimento.

Ho tradotto per voi il testo originale di questo magnifico reportage, arricchito da preziosi immagini, e che vi proporrò in due articoli.

Il priore, un uomo alto e snello con un cappotto luminoso, mi ricevette gentilmente. Sono riuscito a capirlo nonostante la mascherina che indossavamo entrambi a causa del coronavirus. Anche se faceva freddo – c’erano pochi gradi sotto lo zero quel giorno di gennaio, e c’era neve nei campi, nei frutteti e nelle foreste circostanti – indossava solo spessi calzini di lana e sandali. Non sembrava temere il raffreddore.

Prima lascia che ti mostri un po’ la nostra casa”, disse dopo le formalità iniziali. Il suo sloveno era buono, e l’accento di alcune parole suonava insolito. Quando ha detto poco dopo che il monastero è un labirinto in cui non è difficile perdersi, ho potuto solo annuire: la Certosa di Pleterje è davvero un intreccio di corridoi, celle monastiche e stanze utilizzate per vari scopi. Mi ha mostrato alcuni degli ambienti più importanti. Ma non tutti, e – a dire il vero – dei monaci che vi abitavano, ne ho visto uno solo che aiutava il cuoco a preparare il pranzo. I certosini, come ho scoperto nel momento in cui mi accingevo a visitare, sono persone che hanno dedicato la loro vita con tutta serietà alla solitudine, al silenzio, alla contemplazione, alla preghiera. Ed è qualcosa che vale la pena rispettare. “Erano estremamente importanti per il trasferimento di conoscenze antiche, un po’ dimenticate all’inizio del Medioevo, nel nuovo secolo”, spiega lo storico Tadej Trnovšek, curatore senior del Museo del cristianesimo in Slovenia, con sede nel monastero di Stična .

2

Il loro stile di vita include elementi ermetici, desertici, quindi le loro comunità avevano un massimo di poche decine di membri, e di regola meno di 30. I certosini dedicano la loro vita a Dio in solitudine. La cella o casa con giardino è la loro residenza e spazio di lavoro”. Le Regole dei Certosini, che misurano la loro vita, affermano: “La gioia e lo scopo speciale della nostra professione è vivere nella solitudine e nel silenzio della cella. /…Qui il cielo incontra la terra, il divino con l’umano”. Nonostante la clausola prescritta, i certosini vivono a contatto con la natura. Questo li aiuta, come si dice, a scoprire la bellezza della realtà senza l’anestesia delle impressioni artificiali.

Padre Francis, priore di Pleterje, mi ha aperto la porta di una cella. L’ho seguito al piano terra, un piccolo spazio con vari attrezzi per la lavorazione del legno. Da qui la porta conduceva a un frutteto di ciliegi e alle scale di sopra, in un minuscolo corridoio e da lì in una stanzetta. Questa, ha detto, è una camera da letto, una sala da pranzo, una sala di preghiera e uno spazio di studio allo stesso tempo. Nel mezzo c’era una semplice vecchia stufa a legna. L’attrezzatura era di legno e, secondo la mia ignorante stima, probabilmente aveva almeno un secolo. Inoltre, c’era un piccolo bagno con un aspetto più moderno. Tutto sembrava modesto e ordinato, ma sembrava che nessuno vivesse qui da molto tempo. “Prima della seconda guerra mondiale, in casa nostra c’erano circa 70 fratelli, oggi siamo 14, dieci padri e quattro fratelli laici.

Ecco perché alcune celle sono vuote.” Pleterje è l’unico monastero ancora funzionante dell’ordine monastico certosino sul territorio della Slovenia. La Certosa fu costruita all’inizio del XV secolo, molto più tardi degli altri tre – a Žiče, Jurklošter e Bistra. La Certosa di Žiče, in particolare merita qualche parola. “Fu costruito nel 1160 ed è il più antico monastero certosino dell’Europa centrale”, spiega Trnovšek. “Nel tempo è diventato molto importante. A cavallo tra il XIV e il XV secolo, al tempo dello scisma d’Occidente, quando la Chiesa cattolica aveva due papi, uno a Roma e uno ad Avignone, Žiče fu anche sede del priore generale dell’obbedienza romana dei Certosini ordine. ” Ciò significa che ebbero un ruolo di primo piano tra i certosini, che rimasero fedeli a Roma durante lo scisma della chiesa.

PLETER CARTUSIA , che ha avuto origine in questo periodo spiritualmente turbolento, è stata fondata su iniziativa del conte Herman II di Celje. (ca. 1361–1435), sotto la quale la famiglia Celje raggiunse il suo apice. Ermanno II, la cui vita non era esattamente immacolata, credeva nel potere della preghiera già per la vita, e specialmente dopo la morte. I certosini, che in quel tempo avevano una grande reputazione tra il popolo, gli sembravano i più adatti a questo scopo. Nel 1407, quando il monastero in un luogo remoto sotto Gorjanci era probabilmente già adatto alla vita religiosa, emanò uno statuto e la costruzione iniziò quattro anni prima. La chiesa successiva fu consacrata nel 1420 dal vescovo Herman di Freising.

Questo non era altro che il figlio illegittimo del fondatore, noto anche come Herman Kilavi. Ermanno II la sua vita finì a Bratislava e le sue spoglie furono successivamente trasferite a Pleterje. La sepoltura dei dignitari nei Certosini, dove erano sepolti solo i membri dell’ordine, non era consuetudine, e fu fatta un’eccezione dai fondatori e in alcuni altri rari casi. Quando padre Francis ed io ci siamo guardati intorno alla Certosa, siamo andati anche al cimitero. Non c’era nulla sulle semplici croci di legno che indicasse quali corpi avessero trovato la pace eterna lì.

“I nostri nomi non sono importanti”, ha detto semplicemente il priore, “è importante Dio a cui dedichiamo la nostra vita”.

Ma più tardi, mentre ci sedevamo per parlare, gli chiesi come fosse diventato certosino, membro dell’ordine monastico più rigoroso della Chiesa cattolica romana. “Mi sono interessato al monachesimo al liceo quando ho letto della vita di S. Francesco d’Assisi e altri santi. Quando ho finito i miei studi di violino all’Accademia di musica di Budapest, io e un amico, che era anche interessato alla vita monastica, abbiamo scritto a Pleterje e siamo venuti a trovarci per alcuni giorni. È stato amore a prima vista”, padre Frančišek mi spiega con un sorriso il suo viaggio, spiegandomi da dove provenisse il suo insolito accento. “Tuttavia, non volevo lasciare l’Ungheria, quindi sono entrato prima in un seminario teologico. Dopo un anno, ho deciso di venire a Pleterje nel 1995. ” Dice che l’allora priore, il defunto padre Lanuin Fischer, era un “vecchio molto gentile”.

3

Quando gli è stato chiesto dove ha imparato così bene lo sloveno, risponde: “Qui, a Pleterje, mi è stato insegnato da padre Stanislav, uno dei due sloveni. Siamo una comunità internazionale molto variegata. Ci sono anche croati, tedeschi, ungheresi, un polacco, uno svizzero e un americano… Se un certosino ha un certosino in patria, allora in linea di principio vi risiede. Tuttavia, siamo l’unico monastero certosino funzionante in questa parte d’Europa, quindi di solito vengono qui da questa zona. Di norma, tutti devono imparare lo sloveno. Se qualcuno non riesce completamente, allora la nostra comunicazione avviene in un misto di lingue. Solo per essere d’accordo l’un l’altro.

Continua…

Una Risposta

  1. Going in a few days there for visit and discuss my future. Love that place!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: